Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Reseachers identifica il ` cellulare fuori' dall'opzione per la risposta immunitaria infiammatoria negli attacchi di asma

Lavorando con le celle immuni umane in laboratorio, i ricercatori di Johns Hopkins riferiscono che hanno identificato un'opzione cellulare critica di "OFF" per la risposta immunitaria infiammatoria che contribuisce agli attacchi di asma polmone-restringentesi. L'opzione, dicono, è composta di proteine regolarici che gestiscono una via immune di segnalazione in celle.

“I pazienti di asma stanno infornando costantemente con questa via perché quelle proteine sono attaccate nella posizione di "ON", senza controllo adeguato da altre proteine che interrompono questa reazione,„ dice

L'asma è stata correlata con una sovrabbondanza di un tipo di cella immune chiamato macrofagi di m2 nei polmoni. In una persona nonasthmatic, i macrofagi di m2 attivano per pulire gli allergeni inalati e le particelle non Xeros e poi disattivano quando l'irritante è suddiviso.

Tuttavia, nella gente con asma, le celle di m2 ed i segnali che chimici emettono indugiano e chiamano in altre celle che causano l'infiammazione che può avviare un attacco di asma con i sintomi classici della difficoltà che respirano, ansare e dispnee. Col passare del tempo, il polmone è cambiato dalle secrezioni dalle celle di m2, che inducono il tessuto polmonare a ricostruirsi, contribuendo alla funzione polmonare irreversibile del povero e di ostruzione. “Se impedite a queste celle di trasformarti nel tipo di m2, potete potenzialmente fermare l'infiammazione continuata e mutamenti strutturali a lungo termine,„ dice Heller.

La nuova ricerca, riferita il 25 novembre nel giornale di biochimica, esaminatore il ruolo di due proteine, GRB10 e p70S6K, nel controllo della via di segnalazione che attiva le celle di m2.

Nel nuovo studio, il laboratorio di Heller ha ricercato più profondo nella via IRS-2. Analizzando le modifiche chimiche della proteina IRS-2 nelle culture immortalate dei globuli bianchi umani, ha determinato che IRS-2 è comparso in due moduli differenti -- “sopra,„ che permette il segnale passare da parte a parte e “fuori,„ che ferma il segnale dall'attivazione delle celle nei macrofagi di m2. Hanno cominciato osservando quali proteine sono diventato attive in presenza di IL-4 in globuli bianchi umani ed aggiungono i segnali “di arresto„ a IRS-2. L'attività di due proteine regolarici, GRB10 e p70S6K, è aumentato dopo l'esposizione IL-4 confrontata alle stesse celle che non sono state esposte a IL-4.

In ulteriori esperimenti della provetta, i ricercatori hanno curato i globuli bianchi immortalati con sia gli stampi chimici che genetici, chiamati piccolo RNA d'interferenza (siRNA), destinato per rendere p70S6K o GRB10 non funzionale. I ricercatori hanno veduto che l'attività in diminuzione di p70S6K e di GRB10 ha provocato più del modulo di "ON" di IRS-2, significante queste proteine sia responsabile dello spegnere IRS-2 e la produzione quindi a valle di m2.

“Questo confermato per noi che senza GRB10 e p70S6K correttamente di funzionamento, le celle non potrebbero spegnere la segnalazione IRS-2 e m2 di produzione,„ dice Heller.

Il gruppo di ricerca, Heller dice, già ha cominciato gli esperimenti più ulteriormente per esplorare le implicazioni di questi risultati, che comprendono l'esame delle differenze in questa via fra le celle catturate dalle persone allergiche ed in buona salute e di verificare l'efficacia di una droga inalabile che imita la funzione di GRB1 e di p70S6K per chiudere lo sviluppo dei macrofagi di m2 nei polmoni dei mouse. “Uno dei vantaggi di lavoro con i macrofagi del polmone è che sono una delle prime celle che vedono qualche cosa che ottenga messo in un inalatore,„ dicono Heller. “Così speriamo di modulare la loro attività in questo modo.„

Questi risultati egualmente hanno implicazioni per il trattamento di cancro e di altri disordini, quale l'obesità, in cui le celle del macrofago di m2 svolgono un ruolo regolatore nella crescita del tumore e nel deposito grasso.

Source:

Johns Hopkins Medicine