Gli esperti in EUCAST dicono che i metodi di collaudo genetici non possono essere usati per determinare la predisposizione antimicrobica

Gli esperti al comitato europeo di test antimicrobico di predisposizione (EUCAST), che definisce le concentrazioni ottimali nella droga per inibire la crescita degli agenti patogeni, hanno trovato che i metodi genetici non possono ancora essere usati per provare a predisposizione in varie specie batteriche importanti. Sebbene ci siano stati avanzamenti nell'intero sequenziamento del genoma (WGS), che concede determinare la sequenza del DNA del genoma di un organismo ad un singolo tempo, ci sono ancora parecchie transenne da sormontare prima che questo tipo di test genetico possa essere utilizzato in laboratori clinici, essi hanno concluso.

Un sottocomitato di EUCAST dedicato ad esaminare il ruolo del gruppo di lavoro in prova antimicrobica di predisposizione (AST) ha considerato la prova pubblicata più recente sull'uso di intero sequenziamento del genoma come strumento per la prova di predisposizione. Il gruppo - comprendendo sopra dozzina esperti principali e piombo da prof. Neil Woodford, testa della resistenza antimicrobica dell'Inghilterra di salute pubblica e dell'unità di riferimento di infezioni associata sanità - non hanno eliminato che l'un giorno sarà possibile che una singola analisi predicesse come le specie di batteri risponderanno ad una droga antimicrobica specifica, ma là che è poca prova da suggerire che raggiungessimo questo punto nell'immediato futuro.

Il coordinatore tecnico dei dati di EUCAST, prof. Gunnar Kahlmeter dell'ospedale centrale, Växjö, Svezia, ha detto che è prematuro suggerire che i punti di interruzione e le raccomandazioni per test fenotipico di predisposizione più non fossero richiesti poichè i metodi genetici li sostituiranno in qualunque momento presto. “Essere utile in una situazione clinica, gruppo di lavoro dovrà predire la resistenza antimicrobica ed anche la predisposizione antimicrobica, che sono due cose abbastanza differenti. Egualmente sarà necessario affinchè il gruppo di lavoro quantifichi il grado di resistenza per un organismo, qualcosa che non sia corrente possibile.„

Il gruppo ha scelto di confrontare come il gruppo di lavoro può predire indipendentemente da fatto che l'organismo appartiene al tipo selvaggio (è senza meccanismi della resistenza) con la stessa previsione eseguita con l'uso dei valori epidemiologici di taglio (ECOFFs) sviluppati da EUCAST. Indipendentemente da fatto che ed in quel caso come questo può essere estendere ai punti di interruzione clinici è discusso nel documento.

Il sottocomitato di EUCAST egualmente ha evidenziato che non c'è corrente modo valutare come i laboratori differenti accurati del gruppo di lavoro sono e che c'è un bisogno urgente di stabilire un singolo database pubblico di tutti i geni di resistenza conosciuti all'interno delle specie batteriche differenti in moda da potere dividere i dati ed ha confrontato più facilmente.

Gli esperti in EUCAST egualmente notano che la tecnologia del gruppo di lavoro corrente è limitata perché non può essere usata per analizzare direttamente gli esemplari - i batteri possono essere ordinato soltanto una volta essi sono stati coltivati. Ciò piombo inevitabilmente ai termini significativi ed ai costi finanziari supplementari, che è solitamente proibitiva per la maggior parte dei laboratori.

EUCAST raccomanda che l'ordinamento del intero-genoma dovrebbe essere reso ad una ricerca e ad una priorità di finanziamento in futuro per spiegare le nostre conoscenze attuali e per sviluppare gli strumenti più specializzati di previsione. Poichè i batteri continuano a sviluppare i meccanismi multipli della resistenza, disfare la genetica della loro interazione con gli antimicrobici diventerà ancor più provocatorio ed ancor più necessario, specialmente come affrontiamo lo spettro di farmacoresistenza estrema e di errore globale di alcuni antimicrobici.