Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova terapia di duo offre la speranza per “il bloccaggio eccellente„ del sistema immunitario dell'sovra-attivo

Una combinazione di due droghe potenziali dà la speranza “di un bloccaggio eccellente„ di un sistema immunitario dell'sovra-attivo, rapporto dei ricercatori di Leida in natura. L'innovazione è venuto dalla cristallizzazione di una proteina della membrana.

sistema immunitario di Sovra-avviso

Il nostro sistema immunitario è inteso per proteggere l'organismo dagli infiltrati. Ma a volte si comporta troppo attento, attaccando l'organismo stesso. Ciò provoca l'infiammazione cronica, quali la sclerosi a placche, il reaumatismo o l'osteoartrite.

Reazioni infiammatorie d'inibizione

Laura Heitman, annuncio IJzerman, Henk de Vries e Natalia Ortiz Zacarias dal centro accademico di Leida per la ricerca della droga (LACDR) sta pubblicando la loro ricerca questa settimana nella natura del giornale, la ricerca che può piombo ad un più modo efficace di inibizione delle queste risposte. I loro fuochi di ricerca sul ricevitore CCR2. I ricercatori di Leida lavorano molto attentamente con un gruppo americano intestato da Tracy Handel e da Irina Kufureva.

Buco della serratura a nanoscale

Un ricevitore è un genere di buco della serratura a nanoscale sull'esterno di una cella - nella membrana cellulare - in cui una molecola chiave specifica misura. Il sistema immunitario comprende tutti i tipi di celle immuni, ciascuna con differenti tipi di ricevitori. Le molecole chiave sono chiamate chemokines e sono prodotte dalle celle in tessuto malato. Le celle immuni sono attirate automaticamente verso le più alte concentrazioni di chemokine, che significa generalmente verso le parti del corpo dove sono necessari.

Inibitori inefficaci

Ma pazienti con i prodotti di osteoartrite o di reaumatismo troppo CCL2, il chemokine per il ricevitore CCR2. Sebbene ci siano modi della didascalia il ricevitore CCR2, che a sua volta inibisce l'infiammazione, gli inibitori attualmente disponibili risultano essere in gran parte inefficaci in esseri umani.

Cristallizzazione della proteina

per scoprire come questo impianti trattati al livello atomico, a Heitman ed ai suoi colleghi hanno esaminato la proteina CCR2 facendo uso dei raggi x. Ciò non può essere fatta facendo uso di intere celle o di un frammento della membrana cellulare, in cui altre proteine sono egualmente presenti. I ricercatori hanno dovuto avere la proteina CCR2 nel modulo di cristallo molto puro. Ciò mai non precedentemente era stata fatta con successo. Laura Heitman: “Se catturate questo genere di proteina dalla membrana cellulare, è molto difficile da cristallizzarla.„

Grazie a questo avanzano, i ricercatori ora hanno una comprensione dettagliata del modulo tridimensionale della proteina CCR2, che è un buon punto di partenza per ulteriore ricerca sull'interazione fra CCR2 e il chemokine relativo CCL2. La ricerca ha avuta risultati immediati: la cristallizzazione era soltanto possibile se due inibitori (BMS-681 e CCR2-RA- [R]) sono entrambi aggiunti alla proteina CCR2.

Medicina possibile di duo

Heitman: “Questo suggerisce una nuova strategia: terapia di duo. Amministrando queste due sostanze allo stesso tempo, ottenete un genere “di bloccaggio eccellente„ del ricevitore CCR2, che è più efficace del somministrando le due sostanze esclusivamente.„ Heitman si riferisce deliberatamente a queste sostanze come “medicine potenziali„: ciò è appena l'inizio di un trattamento che potrebbe piombo ad una nuova medicina di duo.

Altri ricevitori

Il gruppo di Heitman in primo luogo continuerà il loro lavoro con altri ricevitori, CCR1 e CCR3 fino a e includendo CCR9 prima della considerazione degli altri inibitori eccellenti. L'ultimo scopo è di manipolare il sistema immunitario così efficacemente che ha soltanto effetti benefici e gli effetti nocivi si escludono.

Source:

Leiden Universiteit