Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente al rischio aumentato di schizofrenia più probabilmente alla cannabis di uso, la ricerca trova

La gente che ha un maggior rischio di sviluppare la schizofrenia è più probabile provare la cannabis, secondo la nuova ricerca, che egualmente ha trovato un nesso causale fra la prova la droga e del rischio aumentato della circostanza.

Lo studio dall'università di Bristol viene sul retro degli avvisi di salute pubblica pubblicati all'inizio di quest'anno dagli scienziati che hanno espresso le preoccupazioni circa il rischio aumentato di psicosi per la gente vulnerabile che usa la droga.  Quegli avvisi hanno seguito la prova per suggerire un uso aumentato di sforzi particolarmente alti di potenza delle cannabis fra i giovani.  Tuttavia, gli esperti hanno avvertito che i rischi non dovrebbero essere esagerati dati l'esigenza di maggior ricerca sui collegamenti fra la salute mentale e le droghe illecite.

Ciò ultimo studio dal banco di Bristol della psicologia sperimentale fa l'indicatore luminoso fresco sull'emissione, mentre ancora avverte che i risultati devono essere considerati nell'più ampio contesto di altri fattori di contributo della salute mentale.

Mentre una certa prova è stata trovata per supportare le ipotesi che l'uso della cannabis è un fattore contribuente nell'aumento del rischio di schizofrenia, i ricercatori sono stati sorpresi trovare la prova più ben fondata che l'opposto era egualmente probabile.   Ciò aggiunge il peso all'idea che la droga può essere usata come modulo di automedicazione.

“La prova ha suggerito che il rischio della schizofrenia predicesse la probabilità di prova della cannabis,„ ha detto il Dott. Suzi Gage, socio di ricerca con l'unità integrante dell'epidemiologia di MRC. “Tuttavia, la relazione ha potuto funzionare in entrambe le direzioni. I nostri risultati realmente non permettono che noi prevediamo esattamente la dimensione dell'effetto - sono più circa la fornitura della prova che la relazione è realmente causale, piuttosto che il risultato dei fattori di rischio di confusione o comuni.„

Lo studio ha usato le tecniche mendeliane (MR) di casualizzazione per esaminare pubblicamente - i dati disponibili dagli studi genoma di ampiezza di associazione.  Il SIG. è un modulo dell'analisi variabile strumentale, facendo uso delle varianti genetiche che predicono qualsiasi rischio di uso della cannabis, o del rischio di sviluppare la schizofrenia.

Il SIG. è stato usato poichè un'alternativa all'epidemiologia d'osservazione tradizionale nel tentativo di rappresentare altre varianti che possono pregiudicare l'associazione, date quella gente che sceglie di usare la cannabis è probabile essere differente da coloro che non fa nei lotti di altri modi.

Il Dott. Gage ha aggiunto: “I nostri risultati usano un metodo novello per tentare di districare l'associazione fra la cannabis e la schizofrenia. Mentre troviamo la prova più ben fondata che il rischio della schizofrenia predice l'uso della cannabis, piuttosto che il contrario, non elimina un rischio causale di uso della cannabis sulla schizofrenia. Che cosa sarà interessante è scavare più profonda dentro alle sottopopolazioni potenziali degli utenti della cannabis che possono essere al maggior rischio ed ottenere una migliore manopola sull'impatto di uso pesante della cannabis.

“In questo studio potremmo esaminare soltanto l'inizio della cannabis. Che cosa realmente contribuirebbe a progredire questa ricerca è di usare le varianti genetiche che predicono lo spessore di uso della cannabis, poichè sembra che l'uso pesante della cannabis sia il più forte associato con il rischio di schizofrenia. Una volta che le varianti genetiche sono identificato che predicono lo spessore di uso della cannabis noi potranno fare questo.„

Source:

University of Bristol