Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca trova le differenze nella migrazione delle cellule fra le celle del tumore normale e maligno

Che cosa fa il cancro così estremamente è la sua capacità di muoversi. I migliori che medici possono tenere tumori hanno contenuto e proteggono gli organi inalterati nell'organismo, meno letale un cancro sarà.

Così se medici potessero segnare le celle con esattezza del tumore e fermarle letteralmente nei loro cingoli, andrebbe un modo lungo nel trattamento.

“Dal punto di vista terapeutico impedire il movimento inadeguato delle celle del tumore metastatico potrebbe essere usato congiuntamente alle chemioterapie attuali per aumentare la sopravvivenza paziente,„ ha detto Ryan Petrie, PhD, un assistente universitario nell'istituto universitario di Drexel delle arti e scienze.

Con quello in mente, Petrie piombo gli sforzi di ricerca che potevano determinare che le celle sicure del tumore (fibrosarcoma) non possono eseguire un determinato genere di movimento che le celle normali del tessuto connettivo eseguono quando si muove attraverso gli ambienti stretti e tridimensionali.

Poiché i nuclei delle cellule sono grandi e rigidi, non sono facili da schiacciare attraverso le strutture tridimensionali. Quando una tal struttura (o matrice, mentre sono chiamati al livello cellulare) è incontrata, le celle normali possono passare ad un modulo di movimento che crea un differenziale di pressione dentro la cella muovendo il loro nucleo, come un pistone in un motore.

Ma la ricerca di Petrie ha trovato che le celle di fibrosarcoma non possono realizzare questo movimento del pistone per passare attraverso quelle restrizioni strette quando determinati enzimi della proteasi sono presenti ed altamente attivi. Quindi, queste celle del tumore efficacemente masticano il loro modo attraverso la matrice, mentre le celle normali utilizzano i motori molecolari potenti per muscle il loro modo in avanti e per lasciare la matrice più intatta.

La ricerca di Petrie, pubblicata nell'edizione del 2 gennaio del giornale di biologia cellulare, ha studiato questo movimento delle celle -- e mancanza di ciò -- in collageno della coda di ratto e dell'interfaccia del bestiame.

“La cella che la migrazione è una caratteristica letale dei tumori metastatici, in cui le celle maligne cominciano a muoversi inadeguato e spargersi attraverso l'organismo per formare i tumori secondari,„ Petrie ha detto. “Completamente capire i meccanismi che determinano il movimento normale e patologico delle cellule, dobbiamo studiare la migrazione delle cellule negli ambienti tridimensionali, come quei trovati nei nostri tessuti.„

La ricerca ha implicazioni oltre appena le cellule tumorali combattenti.

“Promuovere il movimento dei fibroblasti in tessuti tridimensionali specifici come derma [interfaccia] e cartilagine potrebbe contribuire a guarire le ferite dell'difficile--ossequio,„ Petrie ha spiegato. “Capire i meccanismi molecolari fondamentali che determinano il movimento di questi tipi delle cellule sarà essenziale per la progettazione delle strategie terapeutiche razionali in futuro.„

La determinazione dei metodi differenti nel movimento fra le celle normali e maligne è importante, ma la più ricerca deve essere effettuata per scoprire esattamente perché c'è una differenza.

“Il punto seguente sarà di districare le vie intracellulari di segnalazione che dettano il comportamento delle cellule per capire precisamente perché il tumore e le celle normali si muovono diversamente nello stesso ambiente tridimensionale,„ Petrie hanno detto. “Speculiamo queste vie di segnalazione forniremo ai migliori candidati per la promozione puntata su droghe o la diminuzione del movimento delle cellule in futuro.„

Source:

Drexel University