Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo rapporto rivela il calo di 25% nel tasso di mortalità globale del cancro negli Stati Uniti.

Un declino costante durante più di due decadi ha provocato un calo di 25% nel tasso di mortalità globale del cancro negli Stati Uniti. Il calo uguaglia a 2,1 milioni meno morti del cancro fra 1991 e 2014.

Le notizie vengono dalle statistiche del Cancro 2017, il rapporto annuale completo dell'associazione del cancro americana sull'incidenza del cancro, la mortalità e sopravvivenza. Sono pubblicate in CA: Un giornale del Cancro per i clinici ed è accompagnato da una versione del consumatore della pubblicazione, dei fatti del Cancro e di figure 2017.

Il rapporto stima nel 2017 quello, ci saranno 1.688.780 nuovi casi del cancro e 600.920 morti del cancro negli Stati Uniti. Negli ultimi dieci anni dei dati disponibili, la tariffa di incidenza globale del cancro era stabile in donne ed è stata diminuita da circa 2% all'anno negli uomini, mentre il tasso di mortalità del cancro è diminuito annualmente entro circa 1,5% sia in uomini che in donne.

Il tasso di mortalità del cancro è caduto nel 2014 dal suo picco di 215,1 (per popolazione 100.000) nel 1991 a 161,2 (per popolazione 100.000), l'anno più tardo per cui i dati erano a disposizione per analizzare. La goccia è il risultato delle riduzioni costanti del fumo ed avanza nell'individuazione tempestiva e nel trattamento ed è guidata facendo diminuire i tassi di mortalità per i quattro siti principali del cancro: polmone (- 43% fra 1990 e 2014 fra i maschi e -17% fra 2002 e 2014 fra le femmine), petto (- 38% dal 1989 al 2014), prostata (- 51% dal 1993 al 2014) e colorettale (- 51% dal 1976 al 2014).

Il rapporto egualmente trova le disparità significative di genere nell'incidenza e nella mortalità. Per tutti i siti combinati, la tariffa di incidenza del cancro è 20% più su negli uomini che in donne, mentre il tasso di mortalità del cancro è 40% più su negli uomini.

Lo spazio di genere nella mortalità del cancro in gran parte riflette la variazione nella distribuzione dei cancri che si presentano negli uomini ed in donne, molto di cui è dovuto le differenze nella prevalenza dei fattori di rischio del cancro. Per esempio, il cancro di fegato, un cancro altamente interno, è tre volte più comune negli uomini che in donne, nell'infezione più alta parzialmente di riflessione del virus dell'epatite C, nella prevalenza di fumo storica e nel consumo in eccesso dell'alcool negli uomini. Le più grandi disparità del sesso sono per i cancri dell'esofago, della laringe e della vescica, per cui l'incidenza ed i tassi di mortalità sono circa quadruplo più su negli uomini. Le tariffe di incidenza del melanoma sono circa 60% più su negli uomini che in donne, mentre i tassi di mortalità del melanoma sono più del doppio negli uomini confrontati alle donne.

Le disparità razziali nei tassi di mortalità del cancro continuano a diminuire. Il rischio in eccesso di morte del cancro in uomini di colore è caduto nel 2014 da 47% nel 1990 a 21%. Disparità nera/bianca è diminuito similmente nel 2014 in donne, da un picco di 20% nel 1998 a 13%. Sebbene il tasso di mortalità del cancro rimanga 15% più su nei nero che nei bianchi nel 2014, aumentare l'accesso alle cure come conseguenza della protezione paziente e della Legge accessibile di cura può accelerare lo spazio razziale di limitazione. Dal 2010 al 2015, la proporzione di nero che erano non assicurato caduti a metà, 21% - 11%, come ha fatto per i latino-americani (31% - 16%). Gli aumenti della copertura per gli Americani tradizionalmente underserved faciliteranno la più vasta applicazione di conoscenza attuale di controllo del cancro attraverso ogni segmento della popolazione.

“I cali continui nel tasso di mortalità del cancro sono un segno potente del potenziale che dobbiamo diminuire il tributo micidiale del cancro,„ ha detto Otis W. Brawley, M.D., FACP, capo ispettore sanitario del ACS. “Continuare quel successo richiederà nuove le strategie più cliniche e ricerca di base per migliorare l'individuazione tempestiva ed il trattamento come pure più creative per aumentare i comportamenti sani in tutta la nazione. Per concludere, dobbiamo applicare coerente la conoscenza attuale nel controllo del cancro attraverso tutti i segmenti della popolazione, specialmente ai gruppi svantaggiati.„

Le statistiche del Cancro è stata pubblicata dal 1967 dai ricercatori americani dell'associazione del cancro per informare e clinici della guida, ricercatori ed altri nella salute pubblica negli sforzi dare la priorità per diminuire il carico di cancro. È uno degli articoli pubblicati di giornale scientifico il più altamente citati ogni anno.

Source:

American Cancer Society