Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli impianti Mediterranei possono trasformarsi in in sorgente per “elisir di vita„

Il Mediterraneo è un porto per gli amanti dei mari cristallini e dei paesaggi Sun-baciati. Ora, grazie al lavoro degli scienziati dall'Università di Malta ed il Centro National de la Recherche Scientifique (CNRS/University del Bordeaux), ha l'appello aggiunto di essere una fontana della gioventù reale.

Alzheimer e la Malattia del Parkinson sono disordini relativi all'età classici caratterizzati dalla capitalizzazione dei mucchi appiccicosi della proteina che danneggiano col passare del tempo il sistema nervoso per erodere la mobilità o la memoria. La sofferenza che dell'essere umano causano come pure lo sforzo sulla sanità, è enorme. Ma c'è speranza sull'orizzonte. I Prodotti Chimici estratti dal fico d'India e dall'alga bruna, due impianti Mediterranei onnipresenti, sono stati elevati ai candidati possibili della droga per combattere le malattie neurodegenerative.

“Lungamente siamo stati impianti di frantumazione sparsi attraverso il Mediterraneo per le piccole molecole che interferiscono con l'accumulazione dei cumuli tossici della proteina. Gli effetti robusti dei prodotti chimici derivati dal fico d'India e dall'alga bruna confermano che la nostra ricerca certamente non è stata invano,„ hanno detto il co-author Neville Vassallo, il MD, il PhD, il professor di studio della fisiologia molecolare all'Università di Scuola di Medicina e di Chirurgia di Malta.

Il gruppo di ricerca ha cominciato eseguendo le prove per determinare l'effetto degli estratti dell'impianto su lievito da birra che brimming con i mucchi dell'beta-amiloide, un marchio di garanzia del Morbo di Alzheimer. A Seguito dell'esposizione ai prodotti chimici, la salubrità del lievito è migliorato drammaticamente, un risultato che ha incoraggiato i ricercatori a valutare le molecole sulle mosche di frutta che geneticamente erano state modificate per sviluppare i sintomi di Alzheimer.

Sul trattamento regolare con l'estratto dell'alga, la durata della vita mediana delle mosche malate è stata prolungata entro i due giorni. Una maggior estensione di quattro giorni è stata osservata quando l'estratto del fico d'India è stato amministrato. Considerando che l'un giorno nella vita di una mosca di frutta sia equivalente ad intorno un anno in esseri umani, i risultati sono drammatici. Interessante, la mobilità delle mosche malate è stata migliorata da circa 18% dopo il trattamento, evidenziante un miglioramento significativo.

Gli Scienziati egualmente hanno scoperto che le sostanze hanno prolungato la durata della vita delle mosche con i cervelli sovraccaricati di alfa-synuclein, una proteina gommosa implicata nella Malattia del Parkinson, quindi, sottolineante un effetto sui meccanismi neurodegenerative compartecipi sia da Alzheimer che dalla Malattia del Parkinson. A questo scopo, hanno trovato che le molecole impianto-derivate hanno interferito con l'accumulazione sia delle proteine dell'alfa-synuclein che dell'beta-amiloide per generare i mucchi che sono meno tossici ai neuroni. Lo studio è riferito nell'emissione di Gennaio delle Lettere della Neuroscienza del giornale.

Piombo lo studio l'autore Ruben J. Cauchi, PhD, un docente al Centro per Medicina Molecolare e Biobanking dell'Università di Malta, rilevata: “Crediamo che la scoperta degli agenti bioactive che mirano alle vie che sono colpite dalle circostanze neurodegenerative multiple sia l'approccio più possibile nella nostra lotta corrente contro i disordini del cervello. Un chiaro vantaggio delle droghe utilizzate in questo studio è che, in considerazione del loro profilo di sicurezza eccellente, sono già sul servizio come i nutraceuticals e cosmeceuticals„.

Ora, il gruppo di ricerca sta lavorando molto attentamente con la società che estrae le molecole magiche, l'Istituto di Farmacologia Cellulare, per fare il la maggior parte della scoperta. Se i risultati tengono nei test clinici, il Mediterraneo è impostato per trasformarsi in in una sorgente per “l'elisir di vita„.

Sorgente: Università di Malta