I pneumoniae dello S. usa le difese immuni di ospiti all'infezione sparsa, studio rivela

I batteri che causano la maggior parte dei casi di polmonite universalmente secernono una tossina che li aiuta per saltare da un organismo al seguente - con l'aiuto delle difese immuni di ospiti. Ciò è l'individuazione di uno studio piombo dai ricercatori dal centro medico di NYU Langone ed ha pubblicato l'11 gennaio online nel host & nel microbo delle cellule.

Lo studio spiega la sopravvivenza “strategie„ usate dallo streptococco pneumoniae dei batteri, o il pneumococco, che causa ogni anno milioni di infezioni. Il più spesso infettando la cavità nasale, i seni ed i polmoni, queste infezioni possono essere micidiali in pazienti con i sistemi immunitari deboli, particolarmente i bambini piccoli e gli anziani.

Negli studi correnti, intrapresi in mouse, i ricercatori hanno determinato che i pneumoniae dello S. si è evoluto per emanare una tossina chiamata pneumolysin, che causa una forte reazione immune infiammatoria in gallerie di ventilazione. Ciò a sua volta aumenta le secrezioni nasali che permettono alle celle che allineano le mucose per espellere S.pneumoniae dall'organismo.

I ricercatori sostengono che questi batteri si sono evoluti per approfittare dell'espulsione, guidando le secrezioni dall'organismo e sopra al loro host seguente. I ricercatori hanno trovato che i pneumoniae dello S. non potrebbero spargersi da un cucciolo del mouse al seguente quando i batteri geneticamente sono stati costruiti per non potere preparare la tossina.

“I fattori che tengono conto la trasmissione del host--host dei batteri malattia-causanti non sono stati studiati a fondo dal campo al fine della prevenzione,„ dice Jeffrey Weiser, il MD, presidenza del dipartimento di microbiologia a NYU Langone. “I nostri risultati forniscono la prova dello strumento usato da questi batteri alla diffusione, che promette di guidare la progettazione di nuovi generi di contromisure.„

Lotta nelle gallerie di ventilazione

I batteri che provano a sopravvivere a sulle superfici delle gallerie di ventilazione umane devono sormontare due sfide non incontrate dagli organismi che infettano l'intestino. In primo luogo, i host sani non espellono regolarmente i contenuti delle loro gallerie di ventilazione il modo che fanno dalle loro budella, che libera i microbi per viaggiare al loro host seguente. Secondariamente, le gallerie di ventilazione non offrono lo stesso approvvigionamento di generi alimentari regolare ai batteri dell'intestino.

Emettendo la tossina di pneumolysin, i pneumoniae dello S. “ottiene creativi„ sia nell'individuazione delle sostanze nutrienti che uscendo il suo host corrente, dica gli autori di studio. La tossina evoca una forte risposta dall'organismo, dicono, perché è distruttivo, luoghi di perforazione (pori) nelle celle di ottenere alle sostanze nutrienti dentro loro. Quindi, la tossina convince ai batteri l'alimento per rimandarle mentre fuori dell'organismo e poi, avviando le secrezioni, si assicura che escano un organismo che sta assalendole con le risposte immunitarie infiammatorie e. Ciò le aiuta a trovare rapidamente un nuovo e host più ospitale.

La pagina dei risultati attuali è lavoro passato che spiega come i pneumoniae dello S. si sparge più efficacemente quando una persona egualmente ha l'influenza. Le secrezioni aumentate che accompagnano l'infezione virale di influenza, una volta modellistiche in mouse, sono state trovate per aiutare il pneumococco per sormontare i vincoli della popolazione che vengono con rimanere in un host.

Gli autori correnti di studio hanno modificato un modello del mouse della trasmissione batterica sviluppato di recente da un altro laboratorio per studiare per la prima volta la trasmissione pneumococcica quando l'influenza è assente.

Gli autori indicano che l'infiammazione indotta da colonizzazione pneumococcica da solo, specialmente in risposta al pneumolysin, era capace di causare lo spargimento batterico stato necessario per la trasmissione fra i host.

I risultati di studio egualmente hanno risposto ad una domanda di lunga data nel campo circa perché i batteri che dipendono dalla loro relazione con il loro host emanano così tossina distruttiva. Perché non vivere col passare del tempo sopra “nella pace relativa,„ permettendo che il vostro host vi alimenti? La risposta, dice i ricercatori, è che il vantaggio per l'organismo di più alta tariffa della trasmissione compensa gli effetti offensivi della tossina sul host.

“I nostri risultati di studio sostengono che le tossine fatte dai batteri sono mediatori centrali della trasmissione fra i host, che li rende attraenti come ingrediente potenziale in vaccini, a cui potrebbero aggiungersi specificamente alla trasmissione di blocco,„ dice Weiser. “Ci sono precedenti nel usando le tossine batteriche disarmate, o toxoidi, come ingredienti vaccino, come con i vaccini attuali contro la difterite, il tetano e la pertosse.„

Source:

NYU Langone Medical Center / New York University School of Medicine