Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il consumo della Prugna può impedire la perdita di densità minerale ossea in popolazione più anziana

Poichè lo spostamento demografico ad una popolazione più anziana continua, un numero crescente degli uomini e delle donne sarà diagnosticato con osteoporosi. Oltre alle terapie farmacologiche attuali, determinato stile di vita ed i fattori nutrizionali sono conosciuti per diminuire il suo rischio.

I vantaggi del consumo della prugna per osteoporosi e del loro ruolo nella perdita dal corpo intero (BMD) di densità minerale ossea sono stati supportati tramite ricerca scientifica in entrambi gli studi sugli animali e test clinici.

La Ricerca in prugne è aumentato a cominciare dagli studi sul loro potenziale nel ripristino dell'osso e nell'impedire la perdita dell'osso nei modelli animali di osteoporosi. Gli studi sugli animali Suggeriscono che il consumo della frutta con il contenuto dell'antiossidante possa avere un effetto pronunciato su salubrità dell'osso migliorando la formazione dell'osso, sopprimendo concentrazione dell'osso di riassorbimento dell'osso ed aumentare. Gli effetti di protezione dell'osso sembrano essere mediati via le vie antiossidanti o antinfiammatorie.

Secondo una prova controllata ripartita con scelta casuale pubblicata l'anno scorso, il consumo della prugna può impedire la perdita di BMD dal corpo intero in donne postmenopausali osteopenic più anziane. Quarantotto (densità minerale ossea è più bassa del normale ma abbastanza non in basso essere classificato come osteoporosi) donne osteopenic sono state definite a caso in uno di tre gruppi del trattamento per sei mesi: 50 g delle prugne, 100 g delle prugne o un gruppo di controllo. Dal corpo intero, cinorrodo e densità minerale ossea lombare sono stati valutati come pure parecchi indicatori del metabolismo dell'osso. I Dati hanno rivelato che entrambi i gruppi della prugna potevano impedire la perdita di BMD dal corpo intero una volta confrontati al gruppo di controllo. Questo effetto è stato spiegato in parte alla capacità delle prugne di inibire il riassorbimento dell'osso. I dati precedenti di sostegno di studio sul ruolo che pota possono giocare nell'impedire la perdita dell'osso, particolarmente in donne postmenopausali.

Sorgente: Consiglio Internazionale della Frutta Secca & del Dado (INC)

http://www.prnewswire.com/news-releases/the-role-of-prunes-in-bone-health-611314195.html