Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I funghi commestibili e medicinali mostrano il potenziale di attenuare le malattie neurodegenerative

I funghi commestibili e medicinali sicuri contengono i composti bioactive che possono migliorare la crescita del nervo nel cervello e proteggere dagli stimoli neurotossici quale infiammazione che contribuiscono alle malattie neurodegenerative come demenza ed il morbo di Alzheimer. La prova che supporta un ruolo potenziale dei funghi come alimenti funzionali per diminuire o dello sviluppo di mora del neurodegeneration relativo all'età è presentata in un articolo pubblicato in giornale di alimento medicinale, un giornale pari-esaminato da Mary Ann Liebert, Inc., gli editori (http://www.liebertpub.com/). L'articolo è liberamente disponibile sul giornale di alimento medicinale (sito Web di http://online.liebertpub.com/doi/full/10.1089/jmf.2016.3740) fino al 24 febbraio 2017.

“In funghi commestibili e medicinali: Alimento emergente del cervello per la diminuzione delle malattie di Neurodegenerative (http://online.liebertpub.com/doi/full/10.1089/jmf.2016.3740),„ Chia Wei Phan, Pamela David e Vikineswary Sabaratnam, università di Malesia, Kuala Lumpur, Malesia, discutono i risultati scientifici relativi alle indennità-malattia dei funghi commestibili e culinari. Gli autori mettono a fuoco sull'attività delle componenti bioactive dei funghi che possono offrire i vantaggi neuroprotective e conoscitivi.

“Contrariamente all'organismo di letteratura sugli ingredienti di alimento che possono avvantaggiare le malattie ed il cancro cardiometabolic, molto pochi studi hanno messo a fuoco su alimento che può avvantaggiare le malattie neurodegenerative,„ dice il giornale del redattore capo medicinale Sampath Parthasarathy, MBA, PhD, presidenza dell'ospedale di Florida nelle scienze cardiovascolari e decano di socio provvisorio, istituto universitario dell'alimento di medicina, università di Florida centrale. “Lo studio corrente potrebbe stimolare l'identificazione di più materiali dell'alimento che sono neuroprotective.„