Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I cambiamenti nei microbi dell'intestino dell'astronauta si sono collegati al volo spaziale

I ricercatori di Northwestern University che studiano i batteri dell'intestino di Scott e del segno Kelly, gli astronauti della NASA ed i fratelli di gemelli monozigoti, come componente di uno studio umano unico hanno trovato che i cambiamenti a determinato intestino “errori„ si presentano nello spazio.

Il gruppo nordoccidentale è uno di 10 a gruppi di ricerca fondati a NASA che studiano i gemelli di Kelly per imparare come vivendo nello spazio per un lungo periodo di tempo -- quale una missione a Marte -- pregiudica il corpo umano. Mentre Scott ha passare quasi un anno nello spazio, suo fratello, segno, è rimanere su terra, come controllo a terra.

“Stiamo vedendo i cambiamenti connessi con il volo spaziale e vanno via sopra rendimento a terra,„ ha detto Fred W. Turek, il Charles E. ed Emma H. Morrison professore di biologia nell'istituto universitario di Weinberg delle arti e delle scienze. È co-dirigenti dello studio.

“È presto nella nostra analisi, in modo da non conosciamo ancora che cosa media di questi cambiamenti,„ ha detto Martha H. Vitaterna, i co-dirigenti di studio ed il professore associato della ricerca della neurobiologia a nordoccidentale. “Non conosciamo che cosa è circa il volo spaziale che sta determinando i cambiamenti nei microbi dell'intestino.„

Il gruppo di ricerca include i collaboratori dalla facoltà di medicina di Rush University e dall'università dell'Illinois a Chicago.

“Lavoreremo molto attentamente con gli altri gruppi di studio dei gemelli per radunare una maschera più completa degli effetti delle missioni spaziali lunghe,„ Turek ha detto. “Che cosa impariamo ci aiuterà a salvaguardare la salubrità degli astronauti ed egualmente ci aiuterà a migliorare le sanità su terra.„

Turek ha riferito i risultati della ricerca preliminari del suo gruppo al gruppo di lavoro umano dei ricercatori annuali del programma di ricerca della NASA, tenuto la settimana scorsa in Galveston, il Texas. Ciò era la prima riunione dove i ricercatori con i 10 gruppi di studio dei gemelli, che stanno esaminando gli aspetti differenti della fisiologia dei gemelli, potrebbero dividere i loro dati a vicenda.

“Eravamo molto emozionanti imparare che cosa gli altri gruppi hanno scoperto ed iniziare a pensare a come si adatta con i nostri risultati,„ Vitaterna ha detto. “Questa è una grande pietra miliare -- ora conosciamo le cose che non abbiamo conosciuto prima.„

Lo studio nordoccidentale è unico: I ricercatori stanno confrontando l'effetto di vivere a gravità zero per un anno sul microbiota dell'intestino di un essere umano -- “gli errori trovati naturalmente nel tratto gastrointestinale (GI) per aiutare digestione -- con le fluttuazioni normali in queste popolazioni durante lo stesso periodo di tempo nei gemelli monozigoti della su Terra.

I risultati del gruppo includono:

  • C'era una variazione nel bilanciamento fra i due gruppi dominanti di batteri (Firmicutes e Bacteroidetes) nel tratto di GI di Scott Kelly quando era nello spazio. Il bilanciamento ha ritornato ai livelli di pre-volo quando Scott Kelly ha ritornato a terra.
  • Le fluttuazioni negli stessi gruppi batterici sono state vedute nel segno Kelly, il controllo su terra, ma le fluttuazioni non erano grandi quanto quelle vedute in Scott Kelly nello spazio.
  • Le differenze nelle popolazioni virali, batteriche e fungose fra Scott Kelly e segno Kelly erano pronunciate a tutti i punti di tempo; tuttavia, questo è stato preveduto quando confronta le persone differenti, anche gemelli monozigoti.
  • L'individuazione di sorpresa era che un cambiamento nella diversità dei microbi dell'intestino (il numero delle specie differenti) non è stato osservato in Scott Kelly mentre nello spazio.

I ricercatori hanno avvertito che i risultati sono preliminari e che non hanno avuti una probabilità scavare profondamente per capire che cosa i dati significano.

“Questo accadrà nei prossimi mesi in cui esaminiamo i nostri risultati nel contesto cui gli altri gruppi stanno trovando,„ di Vitaterna abbiamo detto. “Ora, non vediamo nulla in modo allarmante o spaventoso -- i gemelli di Kelly sembrano avere microbiomes sani dell'intestino.„