Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricerca: I bambini dell'America molto probabilmente da vivere nella povertà

Da tutte le fasce d'età, i bambini sono ancora più probabili da vivere nella povertà, secondo la nuova ricerca dal Centro Nazionale per i Bambini nella Povertà (NCCP) al Banco del Postino dell'Università di Columbia della Salute pubblica. Facendo Uso di ultimi dati disponibili dall'Indagine Americana della Comunità, i ricercatori di NCCP hanno trovato che nel 2015, mentre 30 per cento degli adulti hanno redditi bassi, più di 40 per cento di tutti i bambini vivono in famiglie a basso reddito -- compreso 5,2 milione infanti e bambini sotto 3. Malgrado gli aumenti significativi del reddito domestico e le riduzioni dell'indice di povertà globale negli ultimi anni, 43 per cento (30,6 milioni) dei bambini dell'America stanno vivendo nelle famiglie a mala pena capaci di permettere i loro maggior parte dei bisogni fondamentali, secondo i Fatti Di Base circa i Bambini A basso reddito, la serie annuale del centro di profili su povertà del bambino in America.

“Mentre l'assistenza di alimento, l'assicurazione di salute pubblica ed altri programmi certamente hanno avuti un effetto attenuarsi su povertà per molte famiglie, il fatto rimane quello nei bambini piccoli degli Stati Uniti ha vicino a quello nella probabilità due di vivere sul punto di povertà,„ ha detto Renée Wilson-Simmons, DrPH, Direttore di NCCP. “Ma essere un bambino in una famiglia a basso reddito o povera non accade per caso e nessuni se il nostro approccio ad alleviare la povertà del bambino. Nelle prossime settimane, i centinaia di nuove guide cattureranno il timone alle agenzie responsabili dell'applicare i criteri che toccano le vite dei bambini poveri e pregiudicano le loro probabilità di successo nella vita. È di importanza fondamentale che agiscano in tal modo con una comprensione reale di milioni degli svantaggi di fronte di taglio degli Americani dalle età molto giovani e che povero crescente assomiglia nell'America.„

Accessibile in linea a http://www.nccp.org/publications/fact_sheets.html, i Fatti Di Base Circa le note sintetiche A basso reddito dei Bambini illustrano la severità di instabilità economica affrontata dai bambini a basso reddito e poveri in tutto gli Stati Uniti. NCCP definisce una famiglia difficile come una dove i redditi sono sotto la soglia federale di povertà (cioè, $24.036 per una famiglia di quattro con due bambini nel 2015). Le Famiglie con gli utili di meno di due volte la soglia di povertà sono considerate reddito basso ed includono le famiglie povere (cioè, $48.072 per una famiglia di quattro con due bambini nel 2015). Secondo i ricercatori di NCCP, il numero dei bambini in famiglie a basso reddito è aumentato leggermente da 42 per cento nel 2009 a 43 per cento nel 2015 e dalle percentuali dei bambini poveri negli Stati Uniti aumentati di 1 punto percentuale.

“Il fatto che abbiamo quasi 300.000 nuovi bambini vivere vicino alla povertà oggi che all'altezza di Grande Recessione sta interessando,„ Direttore aggiunto di NCCP dell'Erica Koball di Protezione Economica della Famiglia. “L'ansia, la depressione e lo sforzo costante di essere foglie finanziariamente vulnerabili un il segno durevole sui bambini come diventano l'età adulta, pregiudicando gli utili potenziale ed i risultati di salubrità. Queste figure illustrano perché è essenziale affinchè gli avvocati ed i responsabili della politica capisca l'impatto a lungo termine di povertà del bambino e dei fattori -- come formazione e la corsa/l'origine etnica parentali -- che sembri distinguere i bambini a basso reddito e poveri dai loro pari più economicamente favoriti.„

Questi sono alcuni dei risultati nell'edizione 2017 dei Fatti Di Base circa i Bambini A basso reddito:

I Bambini in gran parte sono stati lasciati dagli aumenti economici negli STATI UNITI dalla Grande Recessione. Sebbene un milione di meno bambini viva nel 2015 nella povertà che l'anno priore, la percentuale dei bambini sul bordo economico rimane testardo alta: 43 per cento dei bambini che il minorenne 18 (30,6 milioni) ha vissuto in famiglie a basso reddito e 21 per cento hanno vissuto in famiglie povere (14,8 milioni). Tramite il confronto, all'altezza di Grande Recessione nel 2009, 42 per cento (30,4 milioni) dei bambini sono stati considerati reddito basso e 20 per cento (14,5 milioni) hanno vissuto nelle famiglie difficili.

  • Le Disparità nella povertà del bambino persistono seguendo le righe razziali. I Bambini di colore hanno rappresentato circa 49 per cento di tutti i giovani nel 2015, ma sono stati sovrarappresentati fra quelli viventi nelle famiglie povere ed a basso reddito. Più Di 60 per cento dei capretti neri, Ispani e del Nativo Americano vivono in famiglie a basso reddito, confrontate a 30 per cento dei bambini Asiatici e bianchi -- in gran parte un immutato dinamico negli ultimi anni.
  • La maggior parte dei bambini in famiglie a basso reddito ha almeno un genitore che lavora a tempo pieno, tutto l'anno. I Bambini di cui i genitori sono occupati a tempo pieno sono meno probabili vivere sotto la soglia di povertà, ma utile uno stipendio non era garanzia di protezione economica nel 2015, secondo la ricerca di NCCP. Più della metà (53 per cento) dei bambini a basso reddito e di 31 per cento dei bambini poveri vivono con almeno un genitore occupato a tempo pieno, durante tutto l'anno.

Pubblicati annualmente dal 2009, i Fatti Di Base circa i Bambini A basso reddito presenta le caratteristiche demografiche e le condizioni socioeconomiche dei bambini poveri ed a basso reddito in effetti riveste per cinque fasce d'età, dagli infanti e dai bambini agli adolescenti.

Sorgente: Banco del Postino dell'Università di Columbia della Salute pubblica