Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli studenti universitari di Aalborg mettono a punto il nuovo sistema di ripristino di realtà virtuale per la gente ferita cervello

Un gruppo di studenti all'università di Aalborg ha messo a punto un sistema di ripristino di realtà virtuale. Ora sono sovvenzionato dalle fondamenta di Siemens per convincere il loro sistema per commercializzare

Per oltre tre anni, Paula Epure, Daniel Christensen e Cristina Gheorghe hanno lavorato ad un sistema di ripristino per la gente ferita cervello come componente dei loro studi in Medialogy all'università Esbjerg di Aalborg. Insieme con i terapisti nel ripristino neurologico all'ospedale del Jutland di sud-ovest, Grindsted, hanno messo a punto un sistema dei vetri e dei sensori di realtà virtuale che insegna a pazienti alle tecniche che possono dare loro indietro la gioia di base di vita.

“Catturi per esempio, una persona che deve imparare come affettare ancora il pane. Dovete selezionare il coltello giusto, imparate come tenere il coltello e muoverlo correttamente con il pane, ecc. È molto più sicuro da cominciare in nostro simulatore che con la cosa vera,„ dice Daniel Christensen.

Gli studenti ora stanno ottenendo la DKK 32.000 dalle fondamenta di Siemens per il loro progetto definitivo dove intraprendono la tappa finale verso mettere il sistema nell'uso. La moneta sarà usata per le cose come un sensore occhio-tenente la carreggiata che individua esattamente dove il paziente sta guardando dentro i vetri di VR. Egualmente legge le sensibilità del paziente misurando la dimensione ed il movimento dell'allievo.

I nuovi sensori permettono di ottimizzare il sistema di addestramento già che è provato nei pazienti nell'ospedale del Jutland di sud-ovest. Paula Epure e Daniel Christensen hanno fondato una società, ripristino di VR, per continuare lo sviluppo dopo il progetto definitivo e verso una prova clinica a dicembre. Il sistema si pensa che venga sul servizio nel 2018.