Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo stimolo profondo del cervello può contribuire a migliorare la salubrità mentale e fisica in pazienti con le anoressie nervose

Il piccolo studio in 16 persone suggerisce che la tecnica sia sicura e potrebbe contribuire a migliorare l'umore, l'ansia ed il benessere, mentre aumenti il peso.

Lo stimolo profondo del cervello potrebbe alterare i circuiti del cervello che determinano i sintomi di anoressie nervose e contribuiscono a migliorare i pazienti' mentali e la salubrità fisica, secondo un piccolo studio pubblicato in psichiatria di The Lancet.

Questa immagine evidenzia le differenze di attività di cervello. (Credito: ` Ristampato da The Lancet, http://dx.doi.org/10.1016/S2215-0366(17)30076-7, Lipsman ed altri, stimolo profondo del cervello del cingulate subcallosal per le anoressie nervose trattamento-refrattarie: seguito di una prova del aperto contrassegno, Copyright (2017) di 1 anno, con l'autorizzazione di Elsevier')

Malgrado avere il più alto tasso di mortalità di tutto il disordine psichiatrico, ci sono pochi modi efficaci di gestire l'anoressia trattamento-resistente. Mentre lo studio ha incluso soltanto 16 pazienti, suggerisce che l'intervento sia sicuro e potrebbe contribuire a migliorare alcuni sintomi di anoressia, ma la più ricerca è necessaria.

Universalmente, 0,5% della gente hanno anoressia e gli adolescenti rappresentano la maggior parte delle casse. Il disordine alimentare è caratterizzato dalle preoccupazioni persistenti circa l'immunizzazione corporea, la forma e la dimensione, pazienti principali per mantenere un peso basso. Molti pazienti avvertono i disordini di ansia e dell'umore, negano la loro malattia ed evitano cercare la guida medica per.

L'anoressia cronica causa i problemi sanitari severi come conseguenza di malnutrizione, compresi le ossa e muscoli deboli, problemi sessuali, la sterilità, problemi del cuore e attacchi. La circostanza può essere interna e coloro che diventa acutamente malato sono ammesse ai reparti ospedalieri specializzati per ricevere il supporto nutrizionale, la stabilizzazione medica e la terapia comportamentistica.

Il piccolo studio ha seguito 16 donne invecchiate fra 21 e 57 anni che avevano avuti anoressia per una media di 18 anni ed erano severamente di peso scarso (con un indice di massa corporea medio (BMI) di 13,8). Sono stati selezionati per lo studio poichè tutti i altri trattamenti disponibili non hanno funzionato per loro ed erano a rischio di morte prematura a causa di anoressia.

Tutti i pazienti hanno subito lo stimolo profondo del cervello, che comprende impiantare gli elettrodi e stimolare le aree del cervello che gestiscono i comportamenti disfunzionali. La tecnica corrente è usata per mirare ai circuiti del cervello in questione nella malattia del Parkinson, nella distonia e nei tremiti, dove è stato indicato per essere altamente efficace nei sintomi gestenti.

Lo studio ha esaminato come lo stimolo profondo sicuro del cervello era per i pazienti con anoressia e come ha pregiudicato il loro BMI, umore, ansia e benessere. Facendo uso delle scansioni dell'ANIMALE DOMESTICO, i ricercatori egualmente hanno esaminato come l'attività di cervello è cambiato dopo un anno di stimolo.

Gli elettrodi sono stati collocati nel loro cingulate subcallosal, un'area situata nel centro del cervello che è stato indicato per avere associazione alterata della serotonina nei pazienti con anoressia. Una volta che impiantati, gli elettrodi hanno stimolato l'area per un anno ad un livello di 5 - 6,5 volt ogni 90 microsecondi.

Il trattamento ha avuto pochi eventi avversi seri; tuttavia, cinque pazienti hanno avuti dolore che ha persistito per più lungamente usuale seguendo l'ambulatorio (i più di 3-4 giorni) ed uno ha avuto un'infezione al sito dell'ambulatorio che ha provocato gli elettrodi che devono essere eliminato e ri-impiantato. La maggior parte dei eventi avversi erano un risultato anoressia cronica dei pazienti' ed incluso avendo livelli molto bassi del potassio e del sodio. Un paziente ha avuto un attacco non spiegato parecchi mesi dopo che i loro elettrodi sono stati impiantati.

Durante lo studio, due pazienti chiesti di fare eliminare gli elettrodi, potenzialmente un risultato di loro che sono scomodi con la loro obesità. Ciò ha significato che c'erano soltanto 14 pazienti inclusi a seguito.

Per questi pazienti, i sintomi di salute mentale sono migliorato sopra lo studio con i sintomi di ansia e dell'umore che diminuiscono in cinque pazienti e la depressione che diminuisce in 10 su 14 pazienti. Egualmente hanno riferito la migliore qualità di vita.

Mentre i sintomi psicologici sono migliorato presto dopo che lo stimolo ha cominciato, i cambiamenti nel peso hanno cominciato dopo tre mesi, suggerire quello che migliora i sintomi di salute mentale può precedere o persino permettere ai cambiamenti nel peso. Nel corso dello studio, BMI medio del gruppo aumentato a 17,3 - un aumento di 3,5 punti - e sei pazienti ha raggiunto un BMI normale (di 18,5 o di più).

Nel confrontare i valori per attività di cervello prima del trattamento e dopo un anno di stimolo, i ricercatori hanno trovato che c'erano cambiamenti nelle regioni collegate ad anoressia, suggerire che lo stimolo profondo del cervello abbia potuto direttamente pregiudicare il cervello relativo gira intorno a. Ciò ha compreso meno attività nei putamen, in talamo, in cervelletto fra altre aree ed in più attività nelle aree corticali periferiche che egualmente sono collegate alla percezione ed al comportamento sociali.

“L'anoressia rimane il disordine psichiatrico con il più alto tasso di mortalità e c'è un bisogno urgente di sviluppare dai i trattamenti sicuri, efficaci, guidati da prova che sono informati da una comprensione crescente dei circuiti del cervello,„ ha detto l'autore di studio, il professor Andres Lozano, l'università di Toronto, Canada. “Mentre i nostri risultati mostrano alcuni la promessa iniziale, la più ricerca sarà necessaria prima che questa diventi disponibile per i pazienti con anoressia. I nostri risultati sottolineano più largamente l'esigenza di ricerca continuata sulle strategie novelle di neuromodulatore per le anoressie nervose e per i disordini psichiatrici.„

“Il nostro studio suggerisce che un intervento focale del cervello, stimolo profondo del cervello, possa avere un impatto sui circuiti dei sintomi che serviscono a mantenere l'anoressia e renderlo così difficile trattare.„ l'autore principale detto, il Dott. Nir Lipsman, scienze di salubrità di Sunnybrook concentra, il Canada.

I ricercatori notano alcune limitazioni all'interno del loro lavoro, compreso quello il gruppo era piccolo e non c'era gruppo di controllo. Inoltre, tutti i pazienti erano informati che stavano dandi il trattamento in modo dai risultati veduti potrebbero essere influenzati da effetto del placebo. Tuttavia, gli autori notano questo è improbabili come i risultati sono durato un anno e sono stati confermati con le scansioni di attività di cervello.

Scrivendo in un Dott. collegato Carrie McAdams, l'università del Texas, U.S.A. di commento, ha detto:

Il trattamento convenzionale delle anoressie nervose comprende le modifiche comportamentistiche per migliorare alimentare, combinato con la terapia psicologica alle deformazioni conoscitive di indirizzo relative ad autostima, al cibo ed all'insoddisfazione dell'organismo. Tuttavia, dopo il trattamento intensivo, quasi la metà delle donne adulte con le anoressie nervose ricade in un anno… Questo lavoro mostra come la neuroscienza moderna può piombo ad un nuovo trattamento e migliorare simultaneamente la comprensione del perpetuare i fattori in una malattia complessa e multifattoriale… Sia l'umore che la funzione del sociale autorizzano ulteriore esame come fattori neurali potenziali che potrebbero perpetuare le anoressie nervose in adulti. La difficoltà nel cambiamento dei questi fattori, che non fanno parte dei sintomi diagnostici delle anoressie nervose, potrebbe contribuire ai risultati difficili veduti con i trattamenti convenzionali.