Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I cervelli degli adolescenti con le anoressie nervose rimangono alterati anche dopo il trattamento, ritrovamenti di studio

Anche dopo le settimane del trattamento e di considerevole obesità, i cervelli dei pazienti adolescenti con le anoressie nervose rimangono alterati, mettendole a rischio della ricaduta possibile, secondo i ricercatori all'università di città universitaria medica di colorado Anschutz.

Lo studio, pubblicato la settimana scorsa nel giornale americano di psichiatria, esaminato 21 adolescente femminile prima e dopo il trattamento per anoressia e trovato che i loro cervelli ancora hanno avuti un sistema elevato della ricompensa ha confrontato a 21 partecipante senza il disordine alimentare.

“Quel mezzi non è essiccate,„ ha detto Guido Frank, MD, autore senior dello studio e professore associato della psichiatria e della neuroscienza all'università di scuola di medicina di colorado. “Questa malattia cambia fondamentalmente la risposta del cervello agli stimoli nel nostro ambiente. Il cervello deve normalizzarsi e quel richiede tempo.„

Le scansioni di cervello dei pazienti di anoressie nervose hanno implicato i circuiti centrali della ricompensa che governano l'appetito e l'ingestione di cibo nella malattia. Questo studio ha indicato che il sistema della ricompensa è stato elevato quando i pazienti erano di peso scarso ed il peso rimanente è stato riparato così una volta.

La dopamina del neurotrasmettitore potrebbe essere il tasto, i ricercatori hanno detto.

La dopamina media la ricompensa che impara ed è sospettata di svolgere un ruolo principale in patologia delle anoressie nervose. Gli studi sugli animali hanno indicato che la restrizione o la perdita di peso dell'alimento migliora la risposta della dopamina alle ricompense.

Con quello in mente, Frank, un esperto nei disordini alimentari ed i suoi colleghi hanno voluto vedere se questa attività di cervello intensificata normalizzasse una volta il peso riacquistato paziente. Studi i partecipanti, ragazze adolescenti che erano fra 15 e 16 anni, ha subito una serie di prove di assaggio d'apprendimento mentre i loro cervelli stavano scandicendi.

I risultati hanno indicato che le risposte della ricompensa erano più alte in adolescenti con le anoressie nervose che in quelli senza. Ciò normalizzata piuttosto dopo obesità ma ancora è rimanere elevata.

Allo stesso tempo, lo studio ha indicato che quelli con anoressia hanno avuti cambiamenti diffusi alle parti del cervello come l'isola, che i trattamenti hanno un sapore con una serie di altre funzioni compreso l'autoconsapevolezza dell'organismo.

Più severamente alterato il cervello, più duro fosse di trattare la malattia, o cioè più severamente alterato il cervello, più difficile era affinchè i pazienti guadagnasse il peso nel trattamento.

“La sensibilizzazione generalizzata della risposta della ricompensa del cervello può durare lungamente nel ripristino,„ lo studio ha detto. “Se le persone con le anoressie nervose hanno una predisposizione genetica per tale sensibilizzazione richiede ulteriore studio.„

Frank ha detto che più studi egualmente sono necessari per determinare se la risposta elevata continuata del cervello è dovuto una reazione intensificata della dopamina ad inedia e se segnala un modulo severo di anoressia fra gli adolescenti che è più resistente al trattamento.

In entrambi i casi, franco ha detto che gli indicatori biologici scoperti qui potrebbero essere usati per contribuire a determinare la probabilità di successo del trattamento. Potrebbero anche indicare la strada verso usando le droghe che mirano al sistema della ricompensa della dopamina.

“L'anoressia nervosa è difficile da trattare. È il terzo la maggior parte della malattia cronica comune fra gli adolescenti con un tasso di mortalità 12 volte più superiore al tasso di mortalità per tutte le cause della morte per le femmine 15-24 anni,„ spedisca in franchigia ha detto. “Ma con gli studi come questo che stiamo imparando sempre più circa che cosa realmente sta accadendo nel cervello. E se capiamo il sistema, possiamo sviluppare le migliori strategie per trattare la malattia.„