Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'Esposizione a EDCs altera l'ormone tiroideo che segnala, lo sviluppo iniziale del cervello negli embrioni della rana

I Risultati pubblicati oggi forniscono la prova che l'esposizione ai prodotti chimici d'interruzione della ghiandola endocrina (EDCs) causa a cambiamenti in ormone tiroideo che segnala, che disturba lo sviluppo del cervello.

I risultati sono pubblicati di natura in un documento pari-esaminato nei Rapporti Scientifici intitolati “agenti inquinanti Umani del liquido amniotico alterano la segnalazione dell'ormone tiroideo e lo sviluppo iniziale del cervello negli embrioni del Xenopus„.

Le prove hanno compreso esporre gli embrioni della rana ad una miscela dei prodotti chimici comunemente presenti nel liquido dell'utero di una madre umana.

Gli studi Epidemiologici già hanno collegato l'esposizione materna a determinati prodotti chimici con QUOZIENTE D'INTELLIGENZA più basso ed il rischio aumentato di ADHD in bambini.

Gli autori dicono che i nuovi risultati suggeriscono che l'esposizione ai prodotti chimici d'interruzione della ghiandola endocrina possa pregiudicare avversamente lo sviluppo del cervello in feti e parlare a favore di una revisione urgente delle strutture regolarici.

Il Professor Barbara Demeneix, un autore del documento e della parte di un gruppo di ricerca del CNRS, che è più grande organismo di ricerca governativo della Francia, dice:

“Lo studio ha indicato che la miscela chimica ha pregiudicato la segnalazione dell'ormone tiroideo - e la segnalazione indisturbata della tiroide è essenziale per lo sviluppo normale del cervello in tutti i vertebrati. Poiché l'ormone tiroideo è esattamente lo stesso in rane ed in esseri umani, questi risultati dovrebbero richiedere l'atto rapido rimuovere questi prodotti chimici nocivi dal servizio.

Lo studio esaminatore se lo sviluppo del cervello negli embrioni della rana potrebbe essere influenzato tramite l'esposizione ad una combinazione di prodotti chimici che sono trovati comunemente in liquido amniotico umano. Facendo Uso delle concentrazioni di questi prodotti chimici che sono equivalenti a quelli a cui gli esseri umani sono esposti in utero, i ricercatori hanno trovato che la miscela ha agito sulla segnalazione dell'ormone tiroideo. Egualmente ha alterato l'espressione genica del cervello, ha diminuito il volume del neurone ed ha inibito il movimento del girino. Gli autori precisano che poiché la segnalazione dell'ormone tiroideo è molto simile fra le specie vertebrate differenti compreso gli esseri umani, i risultati indicano che le miscele chimiche onnipresente potrebbero esercitare gli effetti contrari sullo sviluppo fetale del cervello umano.

Gli effetti della miscela chimica variabile secondo il livello di dose. Inoltre, alcuni dei 15 prodotti chimici comuni nella miscela sono stati indicati determinato per interrompere l'ormone tiroideo. Includono: triclosan (un prodotto chimico antimicrobico), un ftalato - DEHP (emollienti di plastica), due pesticidi organoclorati - HCB e DDE, due tensioattivi - PFOS e PFOA, tPCB-153 e BDE-209, mercurio metilico e cloruro del piombo.
Il di carta dice che gli studi epidemiologici indicano che l'esposizione materna a molti dei prodotti chimici studiati in questo l'ultima ricerca può pregiudicare il QUOZIENTE D'INTELLIGENZA della prole e/o il rischio neurodevelopmental di malattia. Per esempio, PCBs, che ora sono vietati, sono stati collegati a perdita di QUOZIENTE D'INTELLIGENZA ed al rischio aumentato di ADHD.

Esclusivamente, un rapporto pubblicato oggi dalla Fiducia di CHEM evidenzia come i prodotti chimici nei generi di consumo e dell'alimento utilizzati nelle case, in banchi ed in uffici potrebbero nuocere allo sviluppo del cervello in bambini. Chiama sui regolatori di UE per eliminare i gruppi di prodotti chimici pericolosi, piuttosto che lentamente limitando un prodotto chimico di preoccupazione per volta.

Génon K. Jensen, Direttore Esecutivo, Salubrità ed Ambiente Alliance (GUARISCA), richieste di sostegni per atto urgente. Dice:

“I cervelli dei Bambini provengono in pericolo dai prodotti chimici tossici - inizio dell'esposizione nell'utero e possono avere effetti durante le loro vite. Non Ci sono stanza per soddisfazione o lunghe discussioni che allungano durante gli anni o le decadi. La Commissione Europea Dovrebbe usare questa l'ultima ricerca per accelerare le misure per diminuire l'esposizione di ogni giorno ai prodotti chimici neurotossici e quindi per aiutare ogni bambino ad incontrare la sua piena capacità.

Gli avvisi vengono in un momento in cui sempre più i bambini sono influenzati da autismo e da ADHD. Secondo un nuovo libro del Professor Demeneix, le statistiche pubblicate alla fine del 2015 hanno messo l'incidenza di disordine di spettro di autismo (ASD) negli STATI UNITI a 1 in 45 bambini.

Nel Frattempo, il numero e la quantità di prodotti chimici scaricati nell'ambiente durante i 50 anni ultimi ha aumentato la volta 300.

L'Organizzazione mondiale della sanità è egualmente sempre più interessata circa l'esposizione dei bambini ai prodotti chimici. Un rapporto rilasciato il 6 marzo 2017 dice: “I Bambini sono esposti ai prodotti chimici nocivi attraverso alimento, l'acqua, l'aria ed i prodotti intorno loro. I Prodotti Chimici, quali fluoruro, antiparassitari del mercurio e del cavo, agenti inquinanti organici persistenti ed altri in beni di produzione, finalmente riescono a penetrare loro il ciclo alimentare.

Sorgente: http://www.env-health.org/resources/press-releases/article/exposing-frog-embryos-to-a