Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La rappresentazione di SPECT non può essere adatta a riflettere la malattia del Parkinson, manifestazioni di studio

La scoperta scientifica può cambiare il trattamento di Parkinson

Nel riflettere la malattia del Parkinson, la rappresentazione di SPECT del cervello è usata per l'acquisizione delle informazioni sull'attività della dopamina. I nuovi studi intrapresi a Turku, Finlandia, indicano che l'attività della dopamina osservata nella rappresentazione di SPECT non riflette il numero dei neuroni della dopamina nel nigra di substantia, come precedentemente presupposto.

Uno dei cambiamenti più significativi nel sistema nervoso centrale nella malattia del Parkinson è la perdita di neuroni producenti dopamina nel nigra di substantia, causante un calo nei livelli della dopamina nel cervello.

- Il basso livello della dopamina nel cervello è collegato con i sintomi centrali del motore della malattia del Parkinson, cioè il tremito o scuotere, la rigidezza del muscolo e la lentezza dei movimenti, dice il docente della neurologia Valtteri Kaasinen dall'università di Turku.

L'attività in diminuzione della dopamina può essere individuata con una rappresentazione di tomografia computerizzata dell'emissione (SPECT) del unico fotone del cervello. Questo metodo è ampiamente usato nei sistemi diagnostici della malattia del Parkinson Europa ed in Stati Uniti.

Gli studi intrapresi all'università di Turku e di ospedale universitario di Turku indicano che l'attività della dopamina osservata nella rappresentazione di SPECT non riflette il numero dei neuroni della dopamina nel nigra di substantia, contrariamente a che cosa è stato pensiero. Secondo Kaasinen, questo è un risultato importante poichè prova che la correlazione fra il numero dei neuroni e l'attività della dopamina non è diretta.

- Questo deve essere considerato in futuro quando sviluppa i trattamenti che pregiudicano il numero dei neuroni nel nigra di substantia. Egualmente sembra che la rappresentazione di SPECT non sia un metodo adatto per il video dei risultati della ricerca del trattamento nella malattia del Parkinson avanzata quando studi i trattamenti che pregiudicano il numero dei neuroni nel nigra di substantia, dica Kaasinen.

Nello studio, i numeri post mortem del neurone nel nigra di substantia sono stati calcolati per i pazienti con la malattia del Parkinson che era stata esaminata con il trasportatore SPECT della dopamina prima della morte. Il numero dei neuroni non può essere calcolato durante la vita di un paziente poiché il nigra di substantia è individuato in profondità all'interno del mesemcefalo in cui la biopsia è impossibile in vivo.