Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ricercatore di Penn è sovvenzionato di $16,3 milioni NIAID per svilupparsi a lungo cercare dopo il vaccino del HIV

L'edilizia sul lavoro più in anticipo nella progettazione dei virus chimerici di immunodeficienza di umano-Simian (SHIVs) quel servire da modello di infezione HIV degli esseri umani, George M. Shaw, il MD, il PhD, un professore dell'ematologia/oncologia e della microbiologia nella scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania, ha ricevuto $16,3 milioni in cinque anni dall'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID) per sviluppare la a a lungo cercare dopo il vaccino del HIV. La ricerca è premessa sulla capacità del corpo umano, in persone rare, di produrre gli anticorpi largamente di neutralizzazione contro il HIV nel corso dell'infezione naturale e l'ipotesi che l'infezione di SHIV delle scimmie potrebbe fare lo stessi.

Malgrado le decadi della ricerca, non ci sono ancora vaccini del HIV per gli esseri umani che possono incitare l'organismo a preparare gli anticorpi largamente di neutralizzazione osservati come capaci di immunità protettiva di conferimento contro il virus. Gli anticorpi difendono le celle bloccando l'invasione degli agenti patogeni non Xeros. Similmente ad altri vaccini, un vaccino del HIV introdurrebbe le componenti non infettive o un modulo indebolito del microbo alle celle immuni di una persona, readying per un attacco futuro possibile contro un microbo che già sono state esposte a.

Una ragione principale per il elusiveness di un vaccino del HIV -- malgrado una serie di candidati di promessa -- è la capacità del virus di subire una mutazione rapido o celare altrimenti le sue proteine esterne del cappotto, conosciute come la busta. La busta fonde con la cellula ospite, permettendo che i geni virali entrino nella cellula ospite e nella replica, finalmente piombo alla morte delle cellule. Un altro problema è che la busta è ricoperta di zuccheri derivati dall'organismo, che il sistema immunitario di una persona non riconosce poichè non Xeros e quindi non attaccherà prontamente. Ma le buste possono suscitare, anche se nel caso del HIV solo dopo parecchi anni dell'infezione e soltanto in un sottoinsieme della gente, gli anticorpi che potrebbero infine piombo al loro crollo stesso. È questa capacità che servisce da fondamenta nella ricerca di un vaccino del HIV.

In uno sforzo per superare questi a ostacoli basati a busta, la concessione di NIAID permetterà che i ricercatori, per la prima volta, modellino lo sviluppo degli anticorpi largamente di neutralizzazione nelle scimmie di macaco SHIV-infettate del reso. I ricercatori invitare tali anticorpi per accadere più comunemente nelle scimmie che fanno nell'infezione HIV umana e ad un passo accelerato. La base per questa speculazione è dati preliminari dal gruppo di Penn che ha indicato che le buste del HIV che in esseri umani hanno suscitato anticorpi largamente di neutralizzazione hanno fatto lo stessi in scimmie. Se questi risultati sono generalizzati nel lavoro recentemente costituito un fondo per, dovrebbe essere possibile facendo uso degli approcci della clonazione molecolare isolare le combinazioni uniche di precursori dell'anticorpo dell'essere umano e del reso e di buste del HIV che li legano con alta affinità. E questo ha potuto servire da base di nuova strategia di sviluppo del vaccino del HIV.

Nel lavoro recente proposto, Shaw ed il suo gruppo cercheranno di indurre gli anticorpi largamente di neutralizzazione in resi via i virus Simian-umani laboratorio-creati di immunodeficienza. SHIVs, che contengono le buste del HIV dagli esseri umani che hanno suscitato gli anticorpi largamente di neutralizzazione o sono stati trovati per legare ai precursori di questi anticorpi, sarà usato per infettare le scimmie. Poi, la maturazione o l'evoluzione di questi precursori dell'anticorpo sarà caratterizzata geneticamente con le sequenze della busta del HIV come co-si evolvono in tutto l'infezione. Una tal strategia, i ricercatori li crede, permetterà di decifrare gli eventi molecolari critici responsabili di suscitamento degli anticorpi largamente di neutralizzazione. Ciò, a sua volta, può servire da “guida molecolare„ per la progettazione degli immunogeno vaccino che riproducono l'anticorpo che suscita il comportamento di SHIV o di infezioni HIV.

Il nuovo finanziamento viene come conseguenza di uno studio dal laboratorio di Shaw pubblicato l'anno scorso negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze che può trasformarsi in in un evento del segnale nello sforzo del vaccino di HIV/AIDS. Ha affrontato un problema principale con SHIVs: le sole buste del HIV che permetterebbero che SHIVs infetti i resi si sono adattate artificialmente a legatura alla molecola del reso CD4, il ricevitore primario per il virus. Purtroppo, come effetto collaterale, le buste di SHIV hanno perso le loro difese naturali agli anticorpi, efficacemente cancellanti il loro valore potenziale per la ricerca del vaccino del HIV. Per superare questo problema, il gruppo di Shaw ha scoperto che quello cambia un singolo amminoacido in che cosa è chiamato “la casella obbligatoria CD4„ - fuori di circa 850 che comprendono il guidato da busta virale ad una capacità molto maggior di SHIVs di infettare i resi, mentre allo stesso tempo conservando le funzionalità di base della busta normale del HIV e della sua interazione con il sistema immunitario umano.

L'edilizia su questi risultati, il gruppo di Shaw proverà un grande comitato di SHIVs novello quel che ciascuna porta una busta conosciuta per legare gli anticorpi largamente di neutralizzazione. SHIVs giù-sarà selezionato ad un numero trattabile basato sulla loro capacità di suscitare le forti risposte dell'anticorpo, che a loro volta saranno valutate per la larghezza della reattività contro le centinaia di sforzi di HIV differenti che circolano globalmente. Quel SHIVs che suscitano gli anticorpi più potenti e largamente più reattivi poi sarà sottoposto all'analisi intensiva in un gran numero di animali in cui i reticoli del coevolution della anticorpo-busta saranno valutati.

Per concludere, gli immunogeno recombinante-DNA-generati della proteina che imitano la struttura e l'antigenicità delle buste da SHIVs immunogeno saranno provati a loro capacità di suscitare gli anticorpi largamente di neutralizzazione nei macachi del reso. Se riuscito nelle scimmie, gli immunogeno analoghi hanno potuto essere avanzati alle prove umane.