Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori della neurologia sulla caccia per il biomarcatore segnalano per individuazione tempestiva del morbo di Alzheimer

Intorno 100.000 Austriaci soffrono dal morbo di Alzheimer e da 16.000 da Parkinson. Gli esperti stimano che, in considerazione della popolazione di invecchiamento, questi numeri siano fissati per triplicare nel corso dei 30 anni futuri. Sia Alzheimer che le malattie del Parkinson sono malattie degeneranti progressive del cervello, che cominciano fino a 30 anni prima dell'inizio dei sintomi. La diagnosi precoce sarebbe una guida enorme nel combattimento della malattia. Tuttavia, le prove di individuazione tempestiva che sono disponibili non forniscono alcuna previsione affidabile circa ulteriore corso della malattia ed egualmente non portano il rischio di fornire un risultato del falso positivo. “I ricercatori della neurologia nel mondo intero sono quindi sulla caccia per un segnale specifico di biomarcatore per Alzheimer,„ spiega Peter Dal-Bianco, l'esperto di Alzheimer da MedUni Vienna.

Dal-Bianco è convinto: “C'è un biomarcatore specifico - non lo abbiamo trovato appena ancora.„ La tredicesima conferenza internazionale su Alzheimer e sulle malattie del Parkinson avrà luogo nel centro espositivo di Vienna a partire dal mercoledì 29 marzo al domenica 2 aprile (www.adpd2017.kenes.com). Dal-Bianco è sul comitato organizzatore locale.

I biomarcatori sono caratteristiche biologiche nell'organismo che può indicare la presenza di malattia. Sebbene ci siano segnali biologici particolari per Alzheimer nel liquore, quali i peptidi di Aβ o proteina tau, che possono essere usati come punto di riferimento per trattamento medico, non ci sono biomarcatori “specifici„ per indicare che una persona svilupperà clinicamente una malattia neurodegenerative in futuro.

Dice Dal-Bianco: “Corrente possiamo soltanto iniziare il trattamento una volta che la malattia è clinicamente manifesta.„ Ma la malattia è già trovarsi dormiente nella gente che sembra completamente in buona salute da un punto di vista clinico. Secondo l'esperto in MedUni Vienna, lo scopo per il futuro è di potere schermare la gente nei gruppi di rischio dall'età per esempio di 35 e diagnosticare la malattia con la certezza 100% o, migliori ancora, le informano che non hanno rischio di svilupparlo.

I proteina tau, che svolgono un ruolo importante nel trasporto materiale all'interno dei neuroni, sono corrente un punto di riferimento importante. Se i proteina tau hyperphosphorylated, il trasporto materiale è interrotto, con conseguente perturbazioni funzionali ed infine piombo alla morte delle cellule. Ciò è una delle caratteristiche principali del morbo di Alzheimer. Alcuni anni fa un modulo di immunoterapia per la diminuzione dei proteina tau patologici è stato provato in uno studio ripartito le probabilità su e gestito (RCT) sotto la direzione dell'instituto di neurologia a Graz (Reinhold Schmidt) e a MedUni Vienna (Dal-Bianco) insieme all'instituto clinico di farmacologia di MedUni Vienna. I risultati molto stanno promettendo e, in alcuni anni, ci potrebbe potenzialmente essere una vaccinazione contro questa causa di Alzheimer.

Ritardando ed alleviando morbo di Alzheimer

Con le misure corrette, è possibile ritardare i sintomi clinici del morbo di Alzheimer o alleviare i sintomi iniziali quale dimenticanza, sollecita l'esperto in MedUni Vienna. Per esempio, andare per le passeggiate mentre tenere un addestramento di conversazione o del bilanciamento e di memoria sul computer, sulle attività sociali e su una dieta equilibrata può tutta la guida. Dice Dal-Bianco: “La cosiddetta elaborazione multitask in nostro mondo rapido egualmente amplifica la nostra abilità conoscitiva. Se qualcuno rifiuta di fare questo, ad esempio “lascimi nella pace„ o non è più capace di farla, queste potrebbe essere i primi segnali di pericolo di Alzheimer.„

Aiuti elettronici di ogni giorno

Per aiutare le vittime di Alzheimer, il progetto di UE ha autorizzato “il ricordo„, che sta facendo funzionare da MedUni Vienna insieme all'AIT (istituto di tecnologia austriaco) e ad altri partner dell'internazionale, è interessato degli apparecchi elettronici cosiddetti di sviluppo per aiutare le vittime nelle loro vite di tutti i giorni. Per esempio, GPS può essere usato per dare le indicazioni verbali per l'individuazione del modo ai reparti o di nuovo a casa ancora e ci sono egualmente simili unità per tenere la carreggiata la gente.