Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La prima indagine nazionale rivela l'alto carico della carenza dello iodio fra gli israeliani

62% dei bambini in età scolare e 85% delle donne incinte nell'Israele hanno assunzioni basse dello iodio, secondo il primo rilevamento nazionale dello iodio del paese. Il finanziamento e la legislazione di governo e un programma governo regolamentato dello iodization dell'alimento o del sale, sono essenziali a diminuire la carenza, che posa un ad alto rischio dello sviluppo neurologico alterato.

Il primo rilevamento nazionale dello iodio condotto nell'Israele ha rivelato un alto carico della carenza dello iodio fra gli israeliani, posando un ad alto rischio di ipotiroidismo materno e fetale ed ha alterato lo sviluppo neurologico del feto nell'Israele.

Il gruppo di direzione internazionale dello sviluppo di bambino ha identificato la carenza dello iodio (ID) come fattore di rischio globale chiave per lo sviluppo di bambino alterato e l'organizzazione mondiale della sanità raccomanda il controllo corrente dei dati basati sulla popolazione su iodio urinario ogni cinque anni al fine dell'eliminazione sostenibile dell'identificazione. Eppure l'Israele è fra i pochi paesi che non hanno eseguito mai un rilevamento nazionale dello iodio e non fornisce la profilassi dello iodio, anche se alcuna della sua popolazione ha sofferto dall'identificazione nel passato. L'Israele manca similmente dei dati correnti sull'incidenza e sulla prevalenza della tiroide.

Ora, i ricercatori dall'università ebraica di Gerusalemme ed i loro colleghi ai servizi di sanità di Maccabi e centro medico di Barzilai a Ascalona nell'Israele e ETH Zurigo in Svizzera, con supporto della rete globale dello iodio, hanno ottenuto i primi dati nazionalmente rappresentativi circa stato dello iodio nella popolazione israeliana. Per fare questo, hanno raccolto i campioni dell'punto-urina di pre-scarto, da 1.023 bambini in età scolare e 1.074 donne incinte, rappresentando tutti i regioni e settori importanti nell'Israele (arabo, secolare ed ortodosso ebrei), durante il 2016 alla sanità di Maccabi assiste (MHS) il laboratorio centrale.

Hanno trovato un alto carico della carenza dello iodio nella popolazione in genere: 62% dei bambini in età scolare e 85% delle donne incinte scendono sotto il WHO sono intervallo di adeguatezza.

La concentrazione urinaria mediana nello iodio (UIC) fra le donne incinte dell'Israele, soltanto 61 microgrammo di iodio/litro e per i bambini in età scolare, la mediana di 83 microgrammi/litro suggerisce che lo stato dello iodio nell'Israele sia fra il più basso nel mondo. L'adeguatezza dello iodio è definita dal WHO come mediana della popolazione di 150-249 microgrammi/litro per le donne incinte e di 100-199 microgrammi/litro per i bambini in età scolare. Virtualmente nessuna differenza è stata veduta fra le origini etniche e le regioni differenti del paese che suggerisce che lo stato basso dello iodio fosse diffuso ed universale in tutto il paese.

L'assunzione adeguata dello iodio è essenziale per la funzione e le sanità della tiroide durante vita. Anche la carenza delicata dello iodio potrebbe impedire ai bambini di raggiungere il loro potenziale intellettuale completo e delicato moderare l'identificazione è stata collegata con la prestazione conoscitiva in diminuzione. La carenza dello iodio in utero e nella prima infanzia altera lo sviluppo del cervello e la carenza severa dello iodio causa il cretinismo (malformazione fisica, nanismo e ritardo mentale) ed il gozzo (l'ingrandimento della ghiandola tiroide).

Secondo i ricercatori, l'alto carico di insufficienza dello iodio nell'Israele è una salute pubblica seria e una preoccupazione clinica. In confronto ai dati da altri paesi con le simili dimensioni della carenza, questi dati suggeriscono che ci sia un ad alto rischio di ipotiroidismo materno e fetale e dello sviluppo neurologico alterato del feto nell'Israele. Dall'estrapolazione, data la tariffa di insufficienza in donne incinte israeliane, quasi tutte le donne incinte ed i loro bambini possono essere al rischio, implicante che la maggior parte della popolazione potrebbe essere improbabile da realizzare il suo potenziale intellettuale completo.

“L'implicazione immediata dei nostri risultati è che dobbiamo migliorare l'assunzione del pubblico di iodio,„ ha detto prof. Aron Troen, ricercatore principale al laboratorio di salubrità del cervello e di nutrizione, il banco di scienza di nutrizione, il Robert H. Smith Faculty dell'università ebraica di agricoltura, di alimento e di ambiente. “Sembra che come nella maggior parte degli altri paesi, l'approvvigionamento di generi alimentari dell'Israele e le nostre abitudini dietetiche collettive non assicurino la sufficienza dello iodio. Così eliminare la carenza dello iodio e raggiungere lo stato ottimale dello iodio nella popolazione dell'Israele richiederanno un programma di sale o uno iodization sostenibile e governo regolamentato dell'alimento. I costi sono piccoli ed i vantaggi sostanziali e sono stati provati dentro oltre 160 paesi intorno al mondo in cui questo è fatto.„

Finora, le chiamate isolate ma persistenti per affrontare questa emissione non hanno tradotto ad atto, forse dovuto mancanza di consapevolezza, o della credenza non fondata ma diffusa che la vicinanza dell'Israele del mare probabilmente impedisce l'identificazione, piombo ad una mancanza corrispondente di volontà politica.

Tuttavia, in assenza di un programma universale di iodization del sale ed alla luce del ricorso nazionale pesante ad acqua di mare dissalata iodio-vuotata come acqua bevente e d'irrigazione, i risultati dello studio indicano un problema sanitario di salute pubblica nazionale importante.

I risultati della ricerca sono stati presentati alla quarantaseesima riunione annuale della società endocrina dell'Israele, che ha avuto luogo il 20-21 marzo in Ramat Gan, Israele (http://www.ies.org.il/fromtheassociation/abstracts2017).

Secondo i ricercatori, un programma universale di iodization e di controllo del sale dovrebbe essere iniziato urgentemente. Il Dott. Jonathan Arbelle, co-ricercatore del cavo dai servizi di sanità di Maccabi, che hanno presentato i risultati alla riunione, ha rivolto alla società endocrina dell'Israele per emanare le linee guida per i professionisti clinici che si occupano delle donne incinte e d'allattamenti. “I badante dovrebbero raccomandare l'assunzione adeguata dello iodio durante la gravidanza e la lattazione e un test clinico ripartito con scelta casuale del rischio e del vantaggio per la correzione della carenza dello iodio del delicato-moderato durante la gravidanza deve essere considerato,„ ha detto il Dott. Arbelle.

“Una dieta salutare è le fondamenta di una nazione prosperosa. Il pubblico ha una destra ed il governo ha sia un obbligo morale che incentivo economico netto e del sociale di assicurarsi che l'approvvigionamento di generi alimentari della nazione supporti la sanità pubblica, benessere e produttività,„ ha detto prof. Troen.

Yaniv Ovadia, lo studente di laurea e dietista registrato che hanno svolto lo studio, ha detto, “persone può migliorare il loro stato dello iodio attraverso consumo aumentato di di alimenti ricchi di iodio quale il pesce del latte, della latteria e di mare. Possono anche sostituire il sale da tavola regolare con sale iodizzato.„ Tuttavia, soltanto una piccola frazione di sale venduto nell'Israele è iodizzato ed è venduto ad un prezzo molto più elevato che il sale regolare, sebbene non debba essere. La rete globale dello iodio e dell'organizzazione mondiale della sanità incoraggia lo iodization obbligatorio e universale del sale, compreso tutto il sale discrezionale della famiglia. Tuttavia, alcuni paesi efficacemente hanno potuti aumentare le loro assunzioni dello iodio con l'uso di sale iodizzato in alimenti trasformati, compreso pane ed i condimenti e questo può essere considerato nell'Israele. “L'azione governativa è necessaria assicurare che ognuna abbia accesso a sale iodizzato, prof. aggiunto Troen.  

Questi risultati egualmente evidenziano l'esigenza critica di controllo sanitario di salute pubblica sistematico, non solo di iodio, ma anche di altre esposizioni nutrizionali ed ambientali che determinano la salubrità collettiva della popolazione israeliana.

“Sono piacevole che il ministero della sanità è stato complementare di questo sforzo di ricerca particolare, ma all'atto sui risultati e faccio un cambiamento sostenibile richiederò il finanziamento di governo e legislazione,„ ha detto prof. Troen.