Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Combinando la droga anticancro con antirheumatic produce gli effetti migliori contro i tumori

Gli scienziati a EPFL e a NTU hanno scoperto che combinare una droga anticancro con un antirheumatic produce gli effetti migliori contro i tumori. La scoperta apre un nuovo percorso per sinergia della droga droga.

Uno degli scopi in farmacologia è di aumentare il risparmio di temi delle droghe minimizzando i loro effetti secondari. Recentemente, questo sforzo piombo a combinare le droghe indipendenti per sfruttare i loro effetti sinergici. Questa “sinergia della droga droga„ conta sulle interazioni fra le diverse vie biologiche su cui ogni droga agisce. Gli scienziati a EPFL e la Nanyang Technological University (NTU) ora hanno scoperto un effetto sinergico fra una droga anticancro e antirheumatic, migliorante la precedente capacità di uccidere fuori le cellule tumorali. L'opera è pubblicata nelle comunicazioni della natura.

I laboratori di Paul Dyson e di Ursula Röthlisberger a EPFL, insieme al laboratorio di Curtis Davey a NTU, hanno esplorato gli effetti sinergici di due droghe indipendenti: auranofin (Ridaura), una droga d'oro contenente che è usata per alleviare i sintomi dell'artrite reumatoide e RAPTA-T, una droga anticancro rutenio-contenente che interrompe sia la crescita che la metastasi del tumore, mentre però diminuendo gli effetti secondari di chemioterapia dovuto la sua bassa tossicità.

Sebbene le due droghe siano usate per le circostanze differenti, il auranofin recentemente è stato scoperto anche per agire contro cancro. La ragione è che, spesso, droghe non solo lega un singolo sito su una molecola specifica, ma può anche legare e pregiudicare altra, siti indipendenti -- sulla stessa molecola o su differente. Per esempio, una droga che è destinata per legare ed attivare un ricevitore potrebbe anche legare e bloccare un enzima. Questa attività del fuori sito provoca frequentemente gli effetti secondari della droga, ma i siti separati dell'droga associazione possono anche lavorare insieme sinergico ad un modo produttivo.

I ricercatori hanno esaminato gli effetti sinergici delle due droghe su DNA imballato dentro le cellule tumorali. Malgrado i dipinti popolari, i fili lunghi di DNA nella cella passano la maggior parte del loro tempo strettamente feriscono intorno alle proteine specializzate chiamate istoni. Ogni volta che una sequenza particolare, per esempio un gene, è necessaria, che seziona di DNA è svolto e letto dal macchinario biologico appropriato.

Lo studio ha trovato che quello combinare le due droghe ha avuta un effetto aumentato dell'uccisione delle cellule tumorali, mentre determinato, le droghe hanno considerevolmente meno impatto su attuabilità delle cellule. Quando RAPTA-T è dato, si forma che cosa sono conosciuti come “adduce„ con le proteine dell'istone che imballano il DNA. Questi complessi interrompono la funzione normale di DNA ed inducono la cella a morire. Al contrario, il auranofin è a complessi molto meno inclini del modulo con le proteine dell'istone, a meno che le due droghe siano usate insieme.

I ricercatori hanno trovato che l'associazione del auranofin ha luogo con un allosteric, il meccanismo “di atto-sopra-un-distanza„ all'interno del nucleosome, che è la componente che contiene il DNA imballato delle cellule. Qui, i ricercatori hanno scoperto che RAPTA-T aiuta la capacità dell'altra droga di formare i complessi dell'istone legando sui siti distanti dell'istone.

Gli autori concludono che questo meccanismo allosteric recentemente scoperto “suggerisce che la modulazione allosteric nei nucleosomes possa avere la pertinenza e potenziale biologici per gli interventi terapeutici.„