Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I nuovi studi evidenziano le questioni ambientali che sfidano la salubrità planetaria

Le temperature aumentanti, la penuria dell'acqua, la disponibilità di terreno agricolo, la perdita di biodiversità ed il mutamento climatico minacciano di invertire i guadagni di salubrità ispezionati il secolo scorso. La comprensione migliore dei collegamenti fra salubrità e cambiamento ambientale e le strategie potenziali di adattamento saranno importanti per salvaguardare le sanità e la salubrità del pianeta da cui dipendiamo.

Da ora al 2050, il mondo è stimato per avere bisogno di un aumento di 70% nella disponibilità dell'alimento. Nell'emissione inaugurale di salubrità planetaria di The Lancet, due nuovi studi esaminano la sfida di produzione alimentare sostenibile - dai cambiamenti dietetici sani per diminuire l'acqua usi e tagli le emissioni, alle mappe globali che collegano la dimensione dell'azienda agricola e la produzione degli elementi nutritivi.

Un terzo studio esamina l'effetto della siccità sulle sanità in U.S.A. occidentale. Il mutamento climatico si pensa che aumenti la severità e la frequenza delle siccità, ma finora, piccolo è stato conosciuto circa gli effetti diretti su salubrità.

Salubrità planetaria di The Lancet: Alimentando 1,64 miliardo da ora al 2050: come i piccoli cambiamenti dietetici potrebbero migliorare la salubrità, diminuisca l'uso dell'acqua e tagli le emissioni

La modificazione è a dieta da alcuni grammi al giorno secondo la composizione delle verdure, la frutta e la carne potrebbero diminuire significativamente l'uso dell'acqua freatica in India ed aiutano il paese ad incontrare la sfida di alimentare 1,64 miliardo genti da ora al 2050, secondo un nuovo studio pubblicato nella prima emissione di salubrità planetaria di The Lancet.

In generale, i cambiamenti alle diete hanno incluso la diminuzione del consumo di grano e di pollame, l'aumento del consumo di verdure e di legumi e la commutazione alla frutta come il melone, le arance e la papaia con i fabbisogni idrici più bassi nella produzione. Non solo potrebbe guida di questi cambiamenti diminuire l'uso dell'acqua freatica, potrebbero anche tagliare i gas di serre ed hanno un effetto positivo su salubrità.

I vantaggi di multiplo - attraverso l'essere umano e la salute ambientale - evidenziano l'importanza potenziale di cambiamento dietetico come mezzi per affrontare le sfide planetarie di salubrità.

In molte parti del mondo, le sorgenti d'acqua dolce stanno vuotande più velocemente di possono essere riempite e, nell'ambito di mutamento climatico, la pioggia è probabile diventare sempre più imprevedibile. Mentre la disponibilità dell'acqua diminuisce ed aumenti di popolazione, i sistemi dell'alimento intorno al mondo sono messi sotto pressione significativa.

Gli studi precedenti hanno esaminato l'impatto delle diete, particolarmente carne rossa, sui gas serra. Ma, lo studio pubblicato oggi dimostra come le diete potrebbero essere ottimizzate per migliorare sia l'essere umano che la salute ambientale e fa una parte importante nel mettere a punto i sistemi resilienti dell'alimento.

Lo studio ha esaminato specificamente l'India, in cui approssimativamente la metà dell'acqua utilizzabile corrente è richiesta per irrigazione. La popolazione dell'India è preveduta per aumentare a 1,64 miliardo genti da ora al 2050 e per assicurare abbastanza d'acqua dolce è disponibile, uso dell'acqua dovrà essere diminuita da un terzo.

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato cinque reticoli dietetici tipici in India ed hanno modellato come potrebbero essere ottimizzati per diminuire l'uso dell'acqua freatica, mentre rispettando gli standard nutrizionali e mantenendo l'assunzione globale di energia. Egualmente hanno modellato l'effetto di questi cambiamenti alle sanità ed alle emissioni di gas effetto serra.

Hanno scoperto che quello modifica la dieta media per aumentare il consumo della frutta da 51.5g al giorno ed il consumo della verdura da 17.5g al giorno, con una riduzione del consumo di pollame di 6.8g al giorno potrebbe piombo ad un rapporto di riproduzione di 30% dell'uso d'acqua dolce e ad un rapporto di riproduzione di 13% delle emissioni di gas effetto serra dietetiche.

Il Dott. James Milner, autore principale dal banco di Londra dell'igiene & della medicina tropicale, Regno Unito, ha detto:

I sistemi dell'alimento universalmente sono probabili affrontare la pressione aumentante poichè declini di disponibilità di aumento e dell'acqua di popolazioni. In India, la proporzione di disponibile d'acqua dolce per produzione agricola può già essere insostenibile livello e la disponibilità dell'acqua a persona è probabile diminuire significativamente durante le decadi venenti. Il nostro studio è il primo per studiare il potenziale delle diete cambianti come soluzione a fare diminuire la disponibilità d'acqua dolce ed i cambiamenti dietetici modesti dei ritrovamenti potrebbero contribuire ad incontrare la sfida di mettere a punto un sistema resiliente dell'alimento nel paese.