Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I biomarcatori urinarii possono contribuire ad identificare OSA in bambini con sindrome di Down

Uno studio dai ricercatori del policlinico (MGH) di Massachusetts solleva la possibilità dell'identificazione dei bambini con sindrome di Down che può anche avere apnea nel sonno ostruttiva (OSA) senza l'esigenza degli studi costosi ed inopportuni di sonno. Nel loro rapporto che è stato pubblicato online nella medicina di sonno del giornale, il gruppo di ricerca descrive identificare i biomarcatori urinarii che sembrano distinguere fra i pazienti con sindrome di Down con OSA e quelli senza OSA. Egualmente hanno trovato le differenze globali in biomarcatori fra tutti i partecipanti di studio con sindrome di Down e un gruppo di controllo tipicamente di sviluppare i giovani.

“Come le grande sarebbero se l'un giorno presto potessimo raccogliere un campione di urina semplice dai pazienti con sindrome di Down e predire indipendentemente da fatto che potrebbero avere apnea,„ dice Brian Skotko, il MD, la PMP (produzione massimale possibile), co-direttore del programma di MGH sindrome di Down, che piombo lo studio. “Sarebbe così modo a basso costo di selezione per l'apnea, quello salverebbe molti pazienti e le loro famiglie la controversia ed il disagio di uno studio di notte di sonno.„

L'apnea nel sonno ostruttiva (OSA) accade quando le vie respiratorie di una persona sono limitate o bloccate durante il sonno da una certa funzionalità fisica. Le persone commoventi possono brevemente smettere e poi riattivare di respirare. Oltre a sonno preoccupante, la riduzione del rifornimento di ossigeno può causare i problemi cardiovascolari - compreso ipertensione ed aritmia - e le emissioni metaboliche. Gli effetti che OSA ha sulle persone tipicamente di sviluppo sono esacerbati in quelli con sindrome di Down a causa delle loro differenze fisiche e conoscitive.

Mentre l'accademia americana della pediatria corrente raccomanda che tutti i bambini con sindrome di Down subiscano gli studi di sonno per determinare la presenza di OSA dall'età 4, questi studi - intrapresi nei laboratori di sonno dell'ospedale - possono essere costosi e non sono disponibili in tutte le parti del paese. Alcuni di quelli con sindrome di Down - specialmente bambini piccoli o quelli con i bisogni comportamentistici più complessi - non possono tollerare la procedura, che comprende misurare le onde cerebrali dei pazienti, la frequenza cardiaca, il livello dell'ossigeno di sangue e la respirazione mentre dormono.

La ricerca dal co-author David Gozal, MD di studio, dell'università di Chicago, precedentemente ha identificato le differenze in biomarcatori urinarii fra i bambini neurotypical che hanno fatto e non hanno avuti OSA. Lo studio corrente è stato destinato per studiare se i simili reticoli di biomarcatore potrebbero anche essere identificati in bambini con sindrome di Down. Dai partecipanti ad un più grande studio della ricerca di sindrome di Down, il gruppo ha iscritto le 47 età 3 - 12 e un gruppo di controllo dei pazienti di 43 bambini tipico di sviluppo, delle stesse età.

I partecipanti di studio hanno fornito i campioni di urina raccolti prima e dopo hanno terminato gli studi di sonno dell'ospedale chiamati polysomnograms. Non solo c'erano differenze fra i biomarcatori urinarii dei partecipanti con sindrome di Down che che ha fatto e che non ha avuta OSA - con una combinazione di quattro neurotrasmettitori che distinguono il più chiaro fra i due gruppi - ma egualmente c'erano differenze significative fra le impronte di biomarcatore di tutti i partecipanti con sindrome di Down e quelle dei partecipanti neurotypical di controllo, indipendentemente dalla presenza o dall'assenza di OSA.

Un assistente universitario della pediatria alla facoltà di medicina di Harvard, Skotko sollecita che i risultati di questo studio - il primo per esaminare le differenze urinarie di biomarcatore fra i bambini con e senza sindrome di Down - necessità di essere confermato nei più grandi gruppi prima che la selezione di biomarcatore possa essere usata per schermare per la presenza di OSA. “I nostri risultati non sono ancora pronti per prima serata,„ dice. “Prima che possano essere utilizzati nella pratica clinica, dovremo convalidare questi risultati in un nuovo gruppo di pazienti con sindrome di Down, che stiamo lavorando a ora.„