Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti di tumore della tiroide con le metastasi dell'osso hanno sopravvivenza peggiore, ritrovamenti di studio

Quando le metastasi del cancro, disossano involontario offre un posto amichevole per la crescita delle cellule del tumore--soltanto per fare la sua denunciare ospitalità dalle fratture patologiche, dalla compressione del midollo spinale, dall'esigenza della chirurgia o dell'irradiamento dell'osso e da un rischio aumentato di morte.

Nello studio più più conosciuto sulle metastasi dell'osso nel tumore della tiroide, i ricercatori al centro completo del Cancro dell'università del Michigan hanno trovato che i pazienti con tumore della tiroide follicolare e midollare hanno avuti il più alta tariffa delle lesioni e delle fratture in relazione con il Cancro dell'osso e un rischio aumentato di morte.

“Sappiamo che le metastasi sono cattive. Ma i pazienti nel nostro studio che ha avuto metastasi dell'osso hanno fatti confrontare un tasso di sopravvivenza peggiore ai pazienti che hanno avuti metastasi ad altri siti distanti,„ dice Megan Haymart, M.D., assistente universitario di medicina alla medicina del Michigan ed una dei ricercatori sullo studio. “Questo suggerisce che le metastasi dell'osso siano un indicatore prognostico unicamente povero.„

Tuttavia, pazienti con tumore della tiroide localizzato o regionale---senza metastasi--abbia una prognosi eccellente, aggiunge Palak Choksi, M.D., assistente universitario di medicina alla medicina del Michigan e autore principale dello studio.

Lo studio della medicina del Michigan, pubblicato nel giornale dell'endocrinologia e del metabolismo clinici, ha esaminato tutti i moduli di tumore della tiroide--midollare, follicolare, papillare e anaplastico. Lo studio è stato basato sui dati di Sgombro-Assistenza sanitaria statale ed ha fatto partecipare circa 30.000 pazienti, 70 per cento di cui erano donne caucasiche con un'età media di 64. L'alta percentuale delle donne nello studio riflette il fatto che il tumore della tiroide è tre volte più comune in donne che negli uomini.

“Soltanto circa 8 per cento dei pazienti nello studio hanno avuti o una metastasi dell'osso o l'evento in relazione con scheletrica quale una frattura in relazione con il Cancro,„ spiega Haymart.

Gli studi precedenti che pricipalmente hanno esaminato le metastasi differenziate dell'osso e del tumore della tiroide hanno avuti una dimensione del campione significativamente più piccola e provenivano in gran parte dalle singole istituzioni che hanno iscritto i pazienti con i tumori della tiroide differenziati.

Corrente, i dati sui farmaci per le metastasi scheletriche nel tumore della tiroide sono stati estrapolati in gran parte da cancro al seno ed altri cancri che si riproducono per metastasi spesso per disossare, dice Choksi. La ricerca pochissima ha messo a fuoco specificamente sull'uso dei farmaci curare il tumore della tiroide con le complicazioni scheletriche.

“I pazienti con tumore della tiroide understudied,„ dice Haymart.

Questa ricerca contribuirà ad adattare il trattamento e la gestione ed è particolarmente utile per i pazienti con tumore della tiroide ad alto rischio--midollare e follicolare.

“Ora che abbiamo identificato che i tumori della tiroide sicuri sono ad un elevato rischio per gli eventi in relazione con scheletrica, possiamo giustamente studi di progettazione che esaminano le droghe per vedere quali farmaco potrebbe impedire o efficacemente trattare tali complicazioni,„ diciamo Choksi.

“Con il nostro studio, vogliamo altri medici essere informati che ci sia un'più alta probabilità delle lesioni o delle fratture scheletriche in questa popolazione ad alto rischio,„ diciamo Choksi.

Gli autori riconoscono che ci sono limitazioni allo studio e l'applicabilità della ricerca ai più giovani pazienti è diminuita. “Malgrado questa limitazione, il nostro studio parallelizza su vasta scala che cosa altri più piccoli studi hanno indicato in un gruppo vario della popolazione,„ dice Choksi.

Per i pazienti ad alto rischio, la ricerca futura è necessaria mostrare come impedire e trattare le metastasi dell'osso. Gli studi già hanno indicato che il denosumab ed i bifosfonati sono utili per i pazienti con altri cancri dell'osso. I ricercatori sospettano che queste droghe possono anche essere utili per i pazienti con le metastasi dell'osso e del tumore della tiroide, sebbene gli studi prospettivi supplementari siano bisogno.