Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono il composto molecolare quel nucleo di obiettivi delle celle allergene-sensibilizzate

I fattori di trascrizione, le proteine minuscole che passano i geni inserita/disinserita nel nucleo delle celle, sono considerati obiettivi molecolari inaccessibli per le droghe che tentano di trattare le condizioni mediche. Sormontando questa sfida, i ricercatori al centro medico dell'ospedale pediatrico di Cincinnati hanno scoperto un piccolo composto molecolare che blocca con successo un fattore di trascrizione e la sua attività pro-infiammatoria e iper-mucosa nell'asma.

In uno studio il 18 aprile online pubblicato dalla segnalazione di scienza, scienziati prova un nuovo composto che chiamano RCM-1. La sostanza inibisce il fattore di trascrizione FOXM1 e una catena a valle lunga dei trattamenti che pro-infiammatori si rifornisce in gallerie di ventilazione asmatiche. Indicano che il trattamento RMC-1 impedisce la sovrapproduzione delle celle di calice digenerazione nei polmoni dei mouse con asma e nelle colture cellulari umane della galleria di ventilazione.

Chiamando il loro composto un nuovo candidato terapeutico per la gente con asma severa ed altre malattie croniche della galleria di ventilazione, i ricercatori dicono con ricerca e sviluppo che supplementari la loro scoperta potrebbe piombo ai test clinici futuri per asma, fibrosi cistica e la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD). Tutte sono malattie polmonari severe connesse con infiammazione aumentata ed ipersecrezione mucosa.

“Gli obiettivi tradizionali per le droghe sono ricevitori sulle superfici delle cellule, che sono accessibili. I fattori di trascrizione sono nuclei interni delle cellule e difficile raggiungere,„ ha detto Vladimir Kalinichenko, MD, PhD, il principale inquirente dello studio e un membro della divisione di biologia polmonare. “RCM-1 tiene FOXM1 dall'entrare nel nucleo delle cellule attivando i proteasomes chiamati macchinario delle cellule che degradano il fattore di trascrizione. Ciò era molto efficiente a diminuire l'infiammazione del polmone e la produzione delle celle di calice digenerazione nelle nostre prove.„

Migliori trattamenti stati necessari

Kalinichenko ha detto che la ricerca è determinata dalla necessità di sviluppare i trattamenti più efficaci per la gente con asma severa ed altri disturbi debilitanti del polmone come COPD. La gestione clinica corrente per i fuochi di asma sulla diminuzione dell'infiammazione della via respiratoria e del polmone avviata dagli allergeni, quali gli acari della polvere della casa, la muffa, gli agenti terapeutici ecc. capaci direttamente di pregiudicare le reti regolarici del gene che avviano l'infiammazione e le celle di calice producenti mucosa potenzialmente sarebbe più efficiente al rallentamento o a fermare della progressione di malattia.

Facendo leva la ricerca in corso del suo laboratorio in FOXM1 - che egualmente svolge un ruolo chiave nel cancro polmonare - il gruppo di Kalinichenko ha identificato il composto RCM-1 durante lo schermo biologico limitato al calcolo della rappresentazione di 50.000 piccoli composti memorizzati all'università di centro di ricerca del genoma di Cincinnati. Gli scienziati hanno cercato specificamente i composti che avrebbero mirato a FOXM1 ed inibiscono la sua attivazione delle molecole pro-infiammatorie a valle che determinano la sovrapproduzione delle celle di calice digenerazione.

Riuscita prova di laboratorio

Il gruppo di ricerca poi ha provato RMC-1 nelle celle epiteliali della galleria di ventilazione umana e nei modelli coltivati del mouse di asma (via l'iniezione nelle intercapedini peritoneali degli animali). I mouse o sono stati sensibilizzati con gli allergeni dell'acaro della polvere della casa o trattato con una molecola pro-infiammatoria ha chiamato l'interleuchina 13 (IL-13), che induce la produzione mucosa nelle malattie della galleria di ventilazione.

Le immagini microscopiche indicano che RMC-1 ha impedito FOXM1 fornire il nucleo in celle epiteliali coltivate della galleria di ventilazione umana ed in mouse allergene-ha sensibilizzato le gallerie di ventilazione respiratorie. Egualmente ha fatto diminuire la iper-risposta della galleria di ventilazione ad allergene, ha diminuito l'infiammazione del polmone ed ha migliorato la funzione polmonare in mouse sensibilizzati per alloggiare gli allergeni dell'acaro della polvere. FOXM1 egualmente ha impedito IL-13 causare l'espansione delle cellule di calice in mouse che sono stati dati per via nasale la molecola pro-infiammatoria.

Traduzione della scienza

Prima che l'identificazione del gruppo di ricerca di RMC-1 potrebbe finalmente piombo ai test clinici, Kalinichenko ha detto che i ricercatori in primo luogo dovranno provare RCM-1 nei modelli animali più specializzati delle malattie respiratorie. Ciò contribuirà ad affrontare le emissioni relative dosaggio, la tossicità, i metodi ottimali di consegna terapeutica, ecc.

Nei loro lavori futuri, i ricercatori egualmente vogliono raffinare la struttura chimica di RCM-1 per renderla più efficiente e per migliorare il metodo di consegna terapeutica. Ciò comprende vedere se il composto può essere imballato nelle nanoparticelle per l'iniezione endovenosa. I ricercatori hanno fatto domanda per un brevetto su RCM-1, lavorando attraverso i bambini di Cincinnati concentrare per la commercializzazione della tecnologia.