I Risultati potrebbero piombo ai nuovi trattamenti per la gente che overdose sull'analgesico popolare

I Risultati da un nuovo studio indicano che dopo una dose eccessiva dell'acetaminofene i giochi della proteina p53 un ruolo chiave nell'impedire la progressione di danno di fegato e nella segnalazione del fegato per ripararsi. I risultati potrebbero piombo ai nuovi trattamenti per la gente che overdose su questi analgesico e giunto di riduzione popolari di febbre. Le Dosi Eccessive possono piombo all'errore di fegato improvviso e portare più di 50,000 persone al pronto soccorso negli Stati Uniti ogni anno.

Prachi Borude, un dottorando all'Università di Centro Medico di Kansas ed al destinatario della Società Americana di quest'anno per la Borsa Di Formazione Sperimentale Investigativa del Patologo-in-Laureato di Patologia (ASIP), presenterà i nuovi risultati alla riunione annuale di ASIP nel corso della riunione Sperimentale di Biologia 2017, per essere tenuto 22-26 aprile in Chicago.

“Le opzioni Correnti del trattamento per la dose eccessiva dell'acetaminofene sono molto poche ed il trapianto del fegato non è fattibile in tutti i casi, così c'è bisogno immediato per la nuova terapia,„ ha detto Udayan Apte, professore associato all'Università di Centro Medico di Kansas ed alla guida del gruppo di ricerca. “Capendo i meccanismi che connettono la progressione di disturbo al fegato e la rigenerazione del fegato potrebbe piombo alle nuove, più efficaci terapie per la dose eccessiva dell'acetaminofene.„

Gli studi Precedenti intrapresi dal gruppo di Apte ed altri scienziati hanno indicato che la rigenerazione del fegato dopo la dose eccessiva dell'acetaminofene è critica per la sopravvivenza. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato il ruolo di proteina p53; una proteina del tumore-soppressore che egualmente le guide regolamentano la divisione cellulare e la moltiplicazione; nel disturbo al fegato e nella riparazione dopo la dose eccessiva dell'acetaminofene.

I ricercatori hanno amministrato l'acetaminofene ai mouse normali ed ai mouse carenti in p53. Rispetto ai mouse normali, i mouse di p53-deficient hanno mostrato a disturbo al fegato significativamente più alto 24 ore dopo la ricezione dell'acetaminofene. Tuttavia, i mouse di p53-deficient egualmente hanno mostrato la rigenerazione rapida del fegato. Questi risultati indicano che l'attivazione di p53 è importante per impedire la progressione dalla della lesione indotta da acetaminofene mentre l'inibizione di guide p53 stimola la rigenerazione del fegato; e così ripristino; dopo la dose eccessiva dell'acetaminofene.

“La terapia Corrente e l'altra dose eccessiva d'esame dell'acetaminofene della ricerca mirano al trattamento iniziale di lesione, comunque la maggior parte dei pazienti di periodi vengono al pronto soccorso nelle fasi recenti,„ hanno detto Apte. “Mettendo a fuoco sugli stadi avanzati della lesione e del ripristino, abbiamo rivelato il collegamento critico all'impedire la progressione di lesione e ad aiutare la rigenerazione del fegato.„

I ricercatori pianificazione confermare i loro risultati con gli studi supplementari e volere avanzare verso sviluppare le nuove terapie per la dose eccessiva dell'acetaminofene identificando le droghe che inibiscono o attivano p53.

Sorgente: http://www.faseb.org/