La nuova analisi mostra l'alta mortalità ed il carico finanziario per la malattia polmonare dovuto il micobatterio della non tubercolosi (NTM)

Il primo studio europeo sul carico della malattia polmonare del micobatterio della non tubercolosi (NTM-PD), pubblicato oggi nel giornale respiratorio europeo, ha rivelato che sia il tasso di mortalità di tre anni di tutto causa che il carico finanziario per i pazienti con la malattia è quasi quattro volte più superiore ad un gruppo di controllo abbinato.1

Lo studio ha paragonato 125 pazienti recentemente diagnosticati di NTM-PD a 1250 pazienti di referenza abbinati dall'età, dal genere e dal Comorbidity Index* di Charlson durante 39 mesi. Durante questo periodo di tempo il tasso di mortalità di tutto causa per quelli diagnosticati con NTM-PD era 22,4%, quasi quattro volte più superiore al gruppo di controllo abbinato (6%) (P<0.001).1 Nello stesso periodo di osservazione, il tasso di mortalità di tutto causa nei pazienti di COPD che hanno avuti NTM-PD erano 41,5% (27/65 dei pazienti) ma era soltanto 15,9% (62/390) nei pazienti di COPD senza NTM-PD (P<0.001).1

La spesa diretta media per un paziente di NTM-PD era €39,559.60 oltre 39 mesi, anche quasi quattro volte più superiore al gruppo di controllo abbinato (€10,006.71) le .1 ospedalizzazioni era tre volte più su per i pazienti di NTM-PD ed ha rappresentato la maggior parte di spesa (63%), con i costi della droga che sono i secondi più grandi costi.1 Egualmente il notabile era la discrepanza attraverso diverso 54% solo trattamenti degli antibiotici ricevuti pazienti sulla diagnosi, antibiotici mai non ricevuti di 26% affatto e 29 combinazioni differenti della droga sono state osservate attraverso tutti i trattamenti.1 La claritromicina combinata con il ethambutol era il più delle volte l'opzione prescritta del trattamento in 24/93, o 25,8%, dei pazienti curati, hanno seguito dalla claritromicina standard del trattamento più rifampicina più il ethambutol o la rifabutina più il ethambutol in 18/93 dei pazienti (19,4%) e in 14/93 dei pazienti (15,1%), rispettivamente.1

“Sebbene NTM-PD sia considerato raro, punto culminante di questi risultati che il carico della malattia è alto,„ ha commentato il Dott. Michael Loebinger dell'ospedale, di Londra e di quella reali di Brompton degli autori dello studio. “Il trattamento può essere duro da tollerare e può essere infruttuoso, prendendo le decisioni del trattamento complesse. Per aiutare con questa sfida, la società toracica britannica rilascerà le nuove linee guida questo anno.„

NTM-PD è una preoccupazione globale rara ma emergente di salubrità, per le implicazioni importanti di salute pubblica.2,3 L'infezione è causata dai micobatteri onnipresenti trovati nel suolo e nell'acqua.3 Oltre 150 specie di NTM sono stati identificati ed il complesso di avium del micobatterio (MAC) è stato riferito per essere l'agente causativo più comune in NTM-PD universalmente.3 Le malattie causate da NTMs rappresentano una crescita sfida diagnostica e clinica.4 Negli ultimi decenni, l'incidenza, la prevalenza, la tariffa dell'ospedalizzazione ed il tasso di mortalità di NTM-PD sono aumentato universalmente.4

NTMs rappresenta un rischio di infezione per le persone suscettibili - questi sono spesso pazienti con una malattia polmonare cronica della predisposizione, quali COPD o bronchiettasia.4 Per questi pazienti, i sintomi della malattia di fondo si sovrappongono con i sintomi non specifici di NTM-PD, piombo spesso per correggere la diagnosi che è fatta spesso soltanto in una fase recente.4 Da una prospettiva terapeutica, NTM-PD è più provocatorio della tubercolosi polmonare semplice: il trattamento è lungo, sostanza tossica e spesso viene a mancare.4 Il trattamento iniziale ha il più alta possibilità di successo.4

Circa Insmed

Insmed Incorporated è una società biofarmaceutica globale messa a fuoco sui bisogni insoddisfatti dei pazienti con le malattie rare. La società sta avanzando uno studio clinico di fase 3 globali di ARIKAYCE (amikacin liposomico per inalazione) per i pazienti adulti con l'affezione polmonare nontuberculous refrattaria (NTM) dei micobatteri del trattamento causata tramite il complesso di avium del micobatterio (MAC), un'infezione rara e spesso cronica che è capace di causare il danno ai polmoni irreversibile e può essere interna. Ci sono corrente prodotti inalati non approvati specificamente indicati per il trattamento delle infezioni refrattarie del polmone di NTM causate dal MACKINTOSH negli Stati Uniti o l'Unione Europea (EU). La conduttura clinica della presto-fase di Insmed include INS1007, un inibitore reversibile orale novello di DPP1 con potenziale terapeutico nella bronchiettasia dei non CF e INS1009, una formulazione inalata di nanoparticella di un profarmaco di treprostinil che può offrire un profilo differenziato del prodotto per i disordini rari, compreso ipertensione arteriosa polmonare (PAH). Per più informazioni, visita www.insmed.com.

“Insmed„ e “ARIKAYCE„ sono i marchi di fabbrica della società. Tutti i altri marchi di fabbrica, denominazioni commerciali o marchi di servizio comparenti in questo comunicato stampa sono i beni dei loro rispettivi proprietari.

Riferimenti

1 Diel R, Jacob J, carico di Lampenius N et al. della malattia polmonare micobatterica non tubercolotica in Germania. Giornale respiratorio europeo 2017; 49: 1602109
2 Adjemian J, Olivier K, Seitz et al. cluster spaziali dell'affezione polmonare micobatterica di Nontuberculous negli Stati Uniti. Giornale americano della medicina respiratoria e critica 2012 di cura; 185(8): 881-886
3 Johnson millimetro, Odell JA. Infezioni polmonari micobatteriche di Nontuberculous. Giornale della malattia toracica 2014; 6(3): 210-220
4 Ringshausen FC, nichttuberkulöse Mykobakterien del durch di Rademacher J. Lungenerkrankungen. [Malattia polmonare causata dai micobatteri nontuberculous]. Internista 2016; 57: 142-152

* L'indice analitico di Comorbidity di Charlson è una misura del rischio di un anno della mortalità e del carico di malattia, usati per assistere i professionisti del settore medico-sanitario per stratificare i pazienti nei sottogruppi basati sulla severità di malattia.