Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio contraddice la credenza popolare che gli alimenti a rapida preparazione principalmente sono mangiati dal povero

Se ricco o povero, una cosa unisce gli Americani di tutte le classi economiche: Il nostro amore per alimenti a rapida preparazione.

Un nuovo studio nazionale di giovani figli del baby boom contraddice la credenza popolare che il consumo di pasto rapido è concentrato fra il povero.

I risultati hanno indicato che gli Americani con reddito medio erano più probabili da mangiare gli alimenti a rapida preparazione, sebbene le differenze da altri gruppi fossero relativamente piccole. Anche la gente più ricca era soltanto leggermente meno probabile riferire il consumo alimentare veloce che altre.

“Non è principalmente gente povera che mangia gli alimenti a rapida preparazione in America,„ ha detto Jay Zagorsky, co-author dello studio e ricercatore al centro dell'Ohio State University per la ricerca della risorsa umana.

“La gente ricca può avere più opzioni del cibo, ma quella non sta fermandole dai posti andanti come McDonald's o KFC.„

Zagorsky, che egualmente ha una nomina con il centro di ricerca di formazione dell'Ohio, ha intrapreso gli studi con Patricia Smith dell'università di Michigan-Dearborn. Il loro studio recentemente è stato pubblicato online e comparirà nell'emissione del novembre 2017 dell'economia del giornale e della biologia umana.

I ricercatori hanno usato i dati dall'indagine longitudinale nazionale della gioventù, che ha interrogato lo stesso gruppo di Americani a caso selezionati dal 1979. Il NLSY è condotto dal centro dello stato dell'Ohio per la ricerca della risorsa umana.

Nello studio, Zagorsky e Smith hanno usato i dati circa da 8,000 persone che sono stati interrogati riguardo al loro consumo di pasto rapido nelle 2008, 2010 e 2012 indagini. Ai partecipanti, che erano nel loro 40s e 50s ai tempi delle indagini, sono stati chiesti quante volte nei sette giorni scorsi avevano mangiato “l'alimento da un fast food quali McDonald's, Kentucky Fried Chicken, Pizza Hut o Taco Bell.„

I risultati sono stati paragonati alle risposte dei partecipanti alle domande circa il loro patrimonio e reddito. Mentre c'erano alcune leggere differenze in come il patrimonio ed il reddito sono stati collegati con il consumo di pasto rapido, Zagorsky ha detto che i risultati erano simili.

In generale, 79 per cento dei dichiaranti hanno mangiato almeno una volta gli alimenti a rapida preparazione e 23 per cento hanno mangiato tre o più pasti durante qualsiasi delle settimane registrate nello studio.

In un'analisi, i ricercatori hanno diviso i partecipanti in 10 gruppi basati su reddito. Circa 80 per cento di quelli nei 10 per cento più bassi di reddito hanno mangiato almeno una volta ad un fast food, confrontato a circa 85 per cento di coloro che è stato allineato vicino al mezzo (40 - 50 per cento) in termini di reddito. Dei 10 per cento più ricchi, circa 75 per cento hanno riferito il cibo almeno dell'un pasto di pasto rapido.

Il numero dei pasti di pasto rapido alimentari durante le tre settimane dello studio ha mostrato un simile reticolo. I 10 per cento più bassi in termini di reddito hanno mangiato circa 3,6 pasti di pasto rapido durante le tre settimane dell'indagine, confrontate a circa 4,2 pasti per la gente con reddito medio e tre pasti per i 10 per cento più ricchi dei partecipanti.

Un'altra individuazione di tasto era quella gente di cui reddito o patrimonio variabile drammaticamente durante i quattro anni dello studio - modo andante su o modo giù - non ha cambiato le loro abitudini alimentare.

“Se diventaste più ricco o più povero, non ha cambiato quanto alimenti a rapida preparazione avete mangiato,„ Zagorsky ha detto.

Un marchio di garanzia degli utenti pesanti di alimenti a rapida preparazione era una mancanza di tempo.

Lo studio ha trovato che i mangiatori di pasto rapido hanno teso ad avere meno tempo libero perché erano più probabili lavorare e lavorare più ore che i mangiatori dell'non veloce alimento.

I ricercatori egualmente hanno trovato un bocconcino interessante che dovrebbe essere di interesse alla gente che ha veduto il documentario 2004 Supersize. Nel film, Morgan Spurlock ha documentato che cosa è accaduto al suo organismo quando non ha mangiato niente ma McDonald's per i 30 giorni.

“Ho pensato che era appena un'acrobazia di pubblicità, ma noi ho trovato la gente reale là fuori chi sembrano mangiare che tutti i loro pasti ai fast food,„ Zagorsky ha detto.

Nel 2008, 10 dichiaranti hanno sostenuto mangiare tre volte un giorno ai fast food, come hanno fatto nel 2012 cinque genti nel 2010 e due.

Poichè circa 8,000 persone ha partecipato all'indagine, quello suggerisce che ci possa essere parecchia gente negli Stati Uniti che passano con i periodi durante cui mangiano soltanto gli alimenti a rapida preparazione, Zagorsky ha detto.

Zagorsky ha avvertito che ci sono alcune limitazioni allo studio. Per uno, ai partecipanti non sono stati chiesti che cosa hanno mangiato ai fast food. Alcuni possono scegliere le opzioni più sane quali le insalate, o possono andare a volte appena per una tazza di caffè.

Inoltre, questo studio ha incluso soltanto la gente nel loro 40s o 50s. Le abitudini di consumo possono essere differenti per la gente alle età differenti.

Zagorsky ha detto spera che i risultati di questo studio potessero aiutare i responsabili della politica della guida quando forniscono le leggi per quanto riguarda come impedire l'obesità o guidare le scelte nutrizionali per gli Americani.

“Se il governo vuole ottenere implicato nelle scelte di regolamentazione dell'alimento e di nutrizione, dovrebbe essere basata sui fatti. Questo studio aiuta lo scarto il mito che la gente povera mangia gli alimenti a rapida preparazione che altri e può avere bisogno della protezione speciale,„ lui ha detto.