La nuova ricerca ha potuto piombo alle terapie migliori per la malattia parassitaria globale

La ricerca recentemente pubblicata dagli scienziati biomedici di Iowa State University dettaglia i nuovi metodi per lo studio del nematode parassitario che nausea milioni universalmente, uno sviluppo che potrebbe piombo alle terapie migliori.

Richard Martin, un professore distinto delle scienze biomediche, ha sviluppato mezzi di determinazione della funzione di diversi geni in malayi di Burgia, un nematode parassitario che minaccia le popolazioni nelle regioni tropicali di Africa, di Sudamerica e di Asia. L'avanzamento permetterà che i ricercatori valutino i trattamenti che combattono la malattia causata dai parassiti. Il nuovo metodo anche può aiutare gli scienziati a capire come i parassiti sviluppano la resistenza al farmaco, Martin ha detto.

I nematodi, o gli ascaridi microscopici, forniscono l'organismo attraverso il morso degli insetti. I nematodi si sistemano nei linfonodi di ospite e causano il gonfiamento severo nelle estremità, una circostanza conosciuta come elefantiasi. Martin ha detto intorno 2 milione di persone lotte con la malattia mondiale e nessun vaccino corrente esiste. Quello significa che il trattamento conta sulle droghe del anti-parassita, ma i nematodi si sono sviluppati negli ultimi anni sempre più resistenti ai farmaci disponibili, Martin ha detto.

In un articolo pubblicato questa settimana negli atti accademici pari-esaminati del giornale dell'Accademia nazionale delle scienze, Martin ed il suo gruppo dettagliano come applicare un metodo stabilito conosciuto come RNAi, in cui le molecole del RNA inibiscono l'espressione di determinati geni al nematode che causa la malattia. Ciò apre la possibilità dell'esplorazione della genomica funzionale del parassita, o le funzioni dei geni specifici, Martin ha detto.

“Possiamo ordinare il genoma di virtualmente qualche cosa. La domanda è, “che cosa questi geni fa? “Chiamiamo questa genomica funzionale e possiamo applicare per la prima volta questo a questo nematode particolare,„ Martin ha detto.

L'avanzamento permetterà che i ricercatori segnino le parti con esattezza del genoma del parassita che rispondono alle droghe e studiano come i farmaci pregiudicano l'organismo.

“Che è utile perché vogliamo cominciare pensare a usando i farmaci congiuntamente ad uno un altro per renderli più efficaci,„ Martin ha detto.

Lo studio della genomica funzionale del parassita egualmente aiuterà i ricercatori a vedere come i nematodi sviluppano la resistenza alle droghe e potenzialmente contro a quella resistenza. Martin ha detto che gli scienziati ora potranno riflettere come alcuni esemplari recuperano da un trattamento iniziale, un punto importante nel rendere i trattamenti più efficaci.