Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio scopre che il tasso alto di antibiotico inutile prescrive per gli anziani a basso rischio di Ontarian

Quasi uno in due anziani in Ontario che ha visualizzato un medico di famiglia per un'infezione non batterica ha ricevuto una prescrizione antibiotica inutile, secondo un nuovo studio dall'istituto per il sito occidentale valutativo clinico di scienze (GHIACCIA) a Londra, Ontario e l'istituto di ricerca di salubrità di Lawson.

Lo studio pubblicato oggi negli annali di medicina interna, esaminati la tariffa dell'antibiotico che prescrivono per gli anziani che hanno presentato ad un medico di pronto intervento nel 2012 e le caratteristiche dei medici che prescrivono gli antibiotici.

“L'uso antibiotico inutile, quale uso antibiotico per le infezioni virali, è una preoccupazione importante di salute pubblica connessa con gli eventi avversi evitabili della droga, spese sanitarie aumentate e l'emergenza delle infezioni resistenti agli antibiotici,„ dice il Dott. Marcus Povitz, autore dello studio, GHIACCIA il collega, GHIACCIA lo studioso della facoltà, il respirologist alle scienze di salubrità di Londra concentra (LHSC) e assistente universitario nella divisione di Respirology e nel dipartimento dell'epidemiologia e della biostatistica alla scuola di medicina & all'odontoiatria dello Schulich dell'università occidentale.

Lo studio ha esaminato 185.014 anziani a basso rischio di Ontarian (65 anni e più vecchi) per cui gli antibiotici non sarebbero clinicamente appropriati; chi ha visualizzato 8.990 medici di pronto intervento per un'infezione respiratoria superiore non batterica quale il raffreddore (53 per cento), la bronchite acuta (31 per cento), la sinusite acuta (14 per cento) o la laringite acuta (2 per cento) ed hanno trovato:

  • Quasi uno in due (85.538; o 46 per cento) sono stati prescritti un antibiotico.
  • La maggior parte delle prescrizioni era per gli antibiotici di vasto-spettro (70 per cento), che sono associati con un maggior rischio di risultati pazienti avversi (quali il clostridio difficile, la diarrea, i problemi del cuore, le rotture del tendine, le reazioni allergiche, ecc.) e lo sviluppo di resistenza a antibiotici.

“Il nostro studio indica che gli antibiotici stanno prescrivendi troppo spesso per le circostanze che non possono aiutare malgrado le linee guida professionali pubblicate che scoraggiano questa pratica. Gli antibiotici inutili possono causare il danno serio,„ dice il Dott. Michael Silverman, autore dello studio, scienziato di Lawson e presidenza/capo delle malattie infettive per il centro di scienze di salubrità di Londra, la sanità Londra di St Joseph ed università occidentale.

Lo studio egualmente ha trovato che i pazienti erano più probabili ricevere le prescrizioni dai medici che sono stati in pratica per più di una decade, coloro che si è preparato fuori del Canada e degli Stati Uniti e coloro che ha avuto più alti volumi pazienti.

I ricercatori suggeriscono che i punti seguenti abbiano compreso gli interventi mirati a per diminuire antibiotico inadeguato prescrivendo quale richiederebbero una comprensione dei fattori del medico connessi con questa pratica.