Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati disfanno il mistero del trattamento a cellula T di segnalazione vitale alla risposta immunitaria

Le celle di sistema immunitario conosciute come le celle di T svolgono un ruolo centrale nella capacità dell'organismo di combattere le infezioni ed il cancro. Per le decadi, tuttavia, dettagli del trattamento che molecolare di segnalazione quello conduce all'attivazione a cellula T è rimanere un mistero.

Ora, un gruppo degli scienziati al UC Santa Cruz e gli istituti della sanità nazionali ha ottenuto la prima occhiata del meccanismo molecolare da cui il riconoscimento di un antigene (quale una proteina virale) dal recettore delle cellule t avvia i primi punti che piombo ad una risposta immunitaria.

I nuovi risultati, pubblicati il 16 maggio nelle comunicazioni della natura, implicano i cambiamenti nella struttura molecolare del recettore delle cellule t che si propagano dal sito di riconoscimento dell'antigene sull'esterno della cella ad un sito di segnalazione dentro la cella. Il segnale di attivazione poi avvia “una cascata di segnalazione„ complessa all'interno della cellula T, piombo ad un intervallo delle risposte possibili dalla cella.

“Questo fornisce il primo suggerimento del meccanismo che grilletto quella cascata di segnalazione,„ ha detto Nikolaos Sgourakis, assistente universitario di chimica e della biochimica al UC Santa Cruz ed autore co-senior del documento. “Ancora non abbiamo una ricostruzione completa del sistema di segnalazione, ma per la prima volta possiamo vedere il trattamento ed abbiamo una tecnica per studiarla più dettagliatamente.„

La tecnica chiave utilizzata in questo studio è a risonanza magnetica nucleare (NMR), che usa gli stessi principi delle scansioni mediche di MRI per studiare le strutture molecolari in una provetta. Sgourakis ed i suoi colleghi hanno analizzato un complesso molecolare che comprende un recettore delle cellule t e un HIV legati alle proteine ad una molecola del complesso principale di istocompatibilità (MHC). La capacità di sondare così grande complesso molecolare con RMN era un'innovazione in questo studio, ha detto.

In un'infezione virale, pezzi attuali delle molecole di MHC di proteine virali (antigeni) sulla superficie di una cella infettata, in cui possono essere riconosciuti dalle celle di T ed avviare una risposta immunitaria. Le proteine anormali prodotte dalle cellule tumorali provocano gli antigeni tumorali, che egualmente sono presentati sulla superficie delle cellule dalle molecole di MHC e possono essere riconosciuti dalle celle di T.

L'attivazione a cellula T può piombo ad assunzione delle altre celle immuni, proliferazione e differenziazione delle celle di T e dirigere l'uccisione delle celle infettate o cancerogene. La natura esatta della risposta dipende dall'antigene e da altri segnali ricevuti dalla cellula T.

“I peptidi o gli antigeni differenti danno i risultati differenti. Ora possiamo studiare quelle differenze e forse potremo predire quale sono i peptidi del tumore più efficienti per l'avviamento dell'attivazione a cellula T,„ Sgourakis abbiamo detto. “La domanda fondamentale di come gli impianti a cellula T di segnalazione è vitali per immunoterapia del cancro. Ciò è ricerca di base, ma ci potrebbero essere le applicazioni importanti giù la strada.„