Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori sviluppano il nuovo polimero biomedico per trattare l'aterosclerosi

I ricercatori all'università diBen-Gurion (BGU) ed al centro medico di Sheba hanno sviluppato una nuova terapia per trattare l'aterosclerosi ed impedire l'infarto con un nuovo polimero biomedico che diminuisce la placca arteriosa e l'infiammazione nell'apparato cardiovascolare.

La malattia cardiovascolare aterosclerotica causa annualmente 56 milione morti universalmente, secondo il carico globale 2015 della lancetta del rapporto di malattia. Le arterie sono allineate da uno strato sottile delle celle chiamate “l'endotelio„ che le tengono tonificate e lisciano e mantengono il flusso sanguigno. L'aterosclerosi comincia con danneggiamento dell'endotelio ed è causata da ipertensione, fumante o ricca in colesterolo. Il danno risultante piombo alla formazione di placche.

Quando le celle endoteliali avvertono l'infiammazione, producono una molecola chiamata “E-selectin,„ che porta i globuli bianchi (monociti) all'area e causa la capitalizzazione della placca nelle arterie.

“Il nostro polimero d'ottimizzazione diminuisce la placca attuale ed impedisce ulteriore progressione della placca ed infiammazione, impedente trombosi arteriosa, ischemia, infarto miocardico e colpo,„ dice prof. Ayelet David del dipartimento di BGU della biochimica e della farmacologia cliniche.

Questo nano-polimero innovatore presenta parecchi vantaggi. In primo luogo, mira soltanto al tessuto nocivo e non nuoce al tessuto sano. Attualmente, c'è parecchie opzioni disponibili del trattamento per aterosclerosi, ma nessun altro danno arterioso degli inversi di terapia e migliora il muscolo di cuore. Infine, il polimero non ha effetti secondari, a differenza degli statins, che sono corrente il farmaco principale usato per il trattamento dell'aterosclerosi.

Brevettato e nella fase preclinica, il nuovo polimero è stato provato sui mouse con i risultati positivi. In uno studio che è stato presentato per la pubblicazione, i ricercatori hanno trattato i mouse aterosclerotici con quattro iniezioni di nuovo polimero biomedico ed hanno verificato il cambiamento nelle loro arterie dopo quattro settimane. “Eravamo sgomento tramite i risultati,„ dice prof. David. “La funzione del miocardio dei mouse trattati notevolmente è stata migliorata, c'era meno infiammazione e una diminuzione significativa nello spessore delle arterie.„

Prof. David e prof. Jonathan Leor, Direttore dell'istituto di ricerca cardiovascolare del centro medico di Sheba e professore del collaboratore della cardiologia all'università di Tel Aviv, suggeriscono che questa a terapia basata a polimero possa anche essere utile alla gente con il diabete, l'ipertensione ed altre circostanze relative all'età. “Come tale, la nuova terapia polimerica può avere vantaggi vita cambianti per milioni di persone,„ i ricercatori dicono.

“Questo è senza precedenti,„ dice prof. Leor. “Abbiamo raggiunto un livello di aderenza simile a quello di un anticorpo, che può spiegare il forte effetto che benefico abbiamo osservato.„

“Ora stiamo cercando una ditta farmaceutica per portare la nostra terapia del polimero attraverso le fasi seguenti dello sviluppo della droga ed infine al servizio,„ dice il Dott. Ora Horovitz, vice presidente senior di sviluppo di affari alle tecnologie di BGN (BGN). Il trasferimento di tecnologia di BGU e società di commercializzazione. “Crediamo che questa terapia abbia il potenziale di aiutare tantissima gente.„