Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: L'Angiotensina II può migliorare sicuro la pressione sanguigna fra i pazienti criticamente malati con ipotensione

Sessanta anni dopo che i ricercatori della Clinica di Cleveland in primo luogo hanno isolato il ruolo di angiotensina II nella pressione sanguigna gestente, un nuovo studio internazionale piombo dai ricercatori della Clinica di Cleveland indica che il composto può migliorare sicuro la pressione sanguigna fra i pazienti criticamente malati che stanno avvertendo l'ipotensione pericolosa, o l'ipotensione.

La ricerca - piombo da Ashish Khanna, M.D., un intensivist e anestesista nel Centro della Clinica di Cleveland per Cura Critica - sarà pubblicata online da New England Journal di Medicina, insieme con la sessione speciale della Società Toracica Americana sulla ricerca clinica.

“La scossa Vasodilatatore - in cui le gocce della pressione sanguigna di un paziente ed i vasi sanguigni dilatano - è una grave preoccupazione per i pazienti di ICU. Quando la circostanza non è rispondente ai vasopressori della alto-dose come noradrenalina e vasopressina, è associata con l'alta mortalità, con più della metà di questi pazienti che muoiono entro 30 giorni,„ il Dott. Khanna ha detto. “Abbiamo trovato che l'angiotensina II è un efficace intervento per questi pazienti, aumentante significativamente la pressione sanguigna in questa situazione pericolosa. La droga era sicura e ben-tollerata ed anche indicata una tendenza alla mortalità in diminuzione, sebbene questa non raggiungesse il significato clinico.„

Lo studio ha iscritto 321 paziente - 163 trattati con angiotensine II e 158 con placebo - che stavano avvertendo la scossa vasodilatatore ed avevano ricevuto le dosi elevate dei vasopressori convenzionali.

Ipotensione significativamente migliore dell'Angiotensina II (ipotensione) - pressione arteriosa media aumentante a 3 ore - rispetto a placebo; quasi 70 per cento dei pazienti Ii-trattati angiotensina (114 di 163) hanno veduto la pressione sanguigna migliore rispetto a 23 per cento del gruppo del placebo (37 di 158 pazienti).

La prova è stata condotta in 75 unità di cure intensive attraverso nove paesi in America settentrionale, in Australia ed Europa.

L'Angiotensina II in primo luogo è stata isolata alla Clinica di Cleveland negli anni 50 dalla Pagina di Irvine, M.D., che ha scoperto che la sostanza nel sangue induce i vasi sanguigni a restringersi e la pressione sanguigna aumentare. Con il co-ricercatore F. MERLIN Bumpus, il Ph.D., Pagina ha sintetizzato il peptide nel 1957, contribuendo a modellare la comprensione della medicina della pressione sanguigna e della malattia di cuore. Per la prima volta, l'ipertensione è stata osservata come circostanza che potrebbe essere trattata, bloccando la produzione dell'organismo su angiotensina II.

In questa nuova ricerca, lo scopo era di sollevare la pressione sanguigna in pazienti criticamente malati nella scossa vasodilatatore fornendo l'Angiotensina esogena II. È il primo e più grande prova controllata ripartita con scelta casuale di fase III di angiotensina umana stabile e sintetica II.

È stato condotto nell'ambito di una valutazione speciale di protocollo con gli STATI UNITI Food and Drug Administration, che considerano la progettazione di una prova incompiuta di Fase III, i punti finali clinici e le analisi statistiche accettabili per approvazione di FDA.

Sorgente: https://newsroom.clevelandclinic.org/2017/05/21/six-decades-later-famed-cleveland-clinic-blood-pressure-discovery-known-angiotensin-ii-shows-promise-helping-critically-ill-patients-low-blood-pressure/