Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di Johns Hopkins trovano i modi porre freno le infezioni ospedale-acquistate comuni e micidiali

Per alcuni pazienti ricoverati, andare su un ventilatore è spesso la differenza fra vita e morte. Circa 800.000 pazienti ricoverati subiscono ogni anno la ventilazione meccanica negli Stati Uniti dovuto vari malattie o termini, quali un trauma cranico, un colpo o una polmonite. Un ventilatore può fornire l'assistenza tanto necessaria ai pazienti la loro respirazione. Essendo su un ventilatore, tuttavia, egualmente viene con i rischi e può piombo alle complicazioni, o agli eventi ventilatore-associati, quali i coaguli di sangue, il danno ai polmoni o la polmonite ventilatore-associata -- creduto per essere una delle infezioni ospedale-acquistate più comuni e più micidiali nel ICU.

In un documento recente pubblicato online nella medicina critica di cura del giornale, i ricercatori all'istituto di Johns Hopkins Armstrong della sicurezza paziente e la qualità piombo uno studio che ha dimostrato che i fornitori di cure mediche possono intraprendere le azione per porre freno gli eventi ventilatore-associati.

“Quando i pazienti sono malati, le complicazioni possono accadere e, le infezioni sanità-associate sono in alcuni casi probabilmente inevitabili,„ dice Sean Berenholtz, M.D., professore di anestesiologia e della medicina critica di cura alla scuola di medicina di Johns Hopkins University e ad un docente nell'istituto di Armstrong. “Questo è il più grande studio fin qui per indicare che queste complicazioni di ventilazione meccanica, o il ventilatore hanno associato gli eventi, è egualmente evitabile.„

Gli studi sono stati intrapresi a 56 ICUs a 38 ospedali Maryland ed in Pensilvania dall'ottobre 2012 al marzo 2015. Lo scopo era di migliorare l'aderenza con a pratiche, al a lavoro di squadra dell'unità ed alla a cultura della sicurezza basati a prova. “Purtroppo, i pazienti non ricevono sempre alle le terapie che basate a prova dovrebbero,„ dice Berenholtz.

Durante il periodo di studio, il gruppo di ricerca ha formato e preparato i gruppi di miglioramento di qualità che fornitori e personale inclusi ai siti designati, mettenti a fuoco sugli interventi corrente raccomandati della società per epidemiologia di sanità dell'America e della società della medicina critica di cura per i pazienti sui ventilatori, compreso l'elevamento della testa del letto di un paziente, suctioning il tubo della bocca di un paziente, eseguente cura orale, come la spazzolatura di dente ed usando clorexidina, un colluttorio che diminuisce la placca batterica e tratta gengivite e dell'esecuzione delle prove di risveglio e respiranti spontanee diminuendo gli stupefacente ed i sedativi e schermando il paziente per il miglioramento. I gruppi egualmente sono stati formati per applicare l'agenzia per la ricerca di sanità ed al il programma basato a unità globale della sicurezza della qualità (AHRQ), o il CUSPIDE, sulle loro unità, un intervento del cambiamento della cultura di cinque-punto che impegna il personale di sanità di linea di battaglia nell'impedire il danno.

Durante il periodo di studio, il numero totale degli eventi ventilatore-associati nel ICUs è diminuito da 7,34 casi ai 1.000 giorni pazienti del ventilatore a 4,58 casi dopo 24 mesi -- i quasi 38 per cento di riduzione. Il numero delle complicazioni ventilatore-associate in relazione con l'infezione cadute da 3,15 a 1,56 casi, o più di 50 per cento e casi ventilatore-associati possibili e probabili di polmonite è caduto a partire da 1,41 a .31 casi ai 1.000 giorni pazienti del ventilatore, una riduzione di 78 per cento.

“Queste complicazioni prolungano la durata di ventilazione meccanica e tengono i pazienti nell'ospedale più lunghi,„ Berenholtz dice. “Questo, a sua volta, piombo alle più alte complicazioni, all'più alta mortalità, alle più alte durate del soggiorno ed agli più alti costi. Così fare diminuire queste complicazioni è una priorità nazionale ed aiuta i nostri pazienti a recuperare più presto.„