Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova il declino costante nei problemi sanitari severi per i superstiti del cancro di infanzia

I trattamenti per il cancro di infanzia sono spesso intensi e portano il rischio di problemi sanitari per tutta la vita per i superstiti. Un'analisi di 23.600 superstiti del cancro di infanzia nello studio del superstite del Cancro di infanzia (CCSS), costituita un fondo per dagli istituti della sanità nazionali, trovati che la tariffa dei problemi sanitari severi cinque d'avvenimento o più anni dopo la diagnosi è diminuito col passare del tempo.

Lo studio sarà descritto oggi in una conferenza stampa e sarà presentato alla società di 2017 americani della riunione annuale clinica (ASCO) dell'oncologia.

La tariffa di tali problemi da 15 anni dopo che la diagnosi era 8,8% fra i superstiti diagnosticati negli anni 90, ma 10,1% fra quelli diagnosticati negli anni 80 e 12,7% fra quelli diagnosticati negli anni 70. Le più grandi diminuzioni oltre tre decadi si sono presentate fra i superstiti con il tumore di Wilms (43%) ed il linfoma di Hodgkin (25%).

Gli avanzamenti nel trattamento e nella cura complementare hanno migliorato oggi il tasso di sopravvivenza quinquennale dopo la diagnosi del cancro di infanzia, da 58% degli anni 70 a 84%. Un rapporto precedente dal CCSS ha indicato che i cambiamenti nel trattamento oltre tre decadi hanno abbassato la probabilità della morte dagli effetti recenti della terapia fra i superstiti del cancro di infanzia da 6,4%.

“La nostra analisi traccia col passare del tempo la prima valutazione completa dei cambiamenti nelle tariffe delle complicazioni croniche di salubrità in un grande gruppo di superstiti del cancro,„ ha detto lo studio l'autore Todd M. Gibson, il PhD, un membro di aiuto del cavo all'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude a Memphis, TN. “Dai nostri risultati, proviene chiaro che i superstiti diagnosticati e curati nelle ere più moderne del trattamento stanno facendo meglio. Non solo sono più bambini essendo essiccati, ma egualmente hanno più a basso rischio per sviluppare i problemi sanitari seri dovuto trattamento del cancro più successivamente nella vita.„

Circa lo studio
I ricercatori hanno analizzato i dati dal CCSS, che usa le indagini periodiche per esplorare i risultati a lungo termine di salubrità in superstiti del cancro di infanzia che sono stati diagnosticati fra 1970 e 1999 ed ha sopravvissuto almeno a cinque anni dopo la diagnosi.

Questa analisi ha messo a fuoco sull'incidenza dei problemi sanitari severi, rendenti non validi, pericolosi o interni che sorgono in 15 anni di diagnosi del cancro di infanzia. L'età paziente mediana era di 28 anni, con una mediana di 21 anno dalla diagnosi. I ricercatori hanno riunito le informazioni sui problemi sanitari dalle indagini (auto-riferite i dati) e dall'indice analitico nazionale di morte, per i casi dove i superstiti sono morto come risultato degli effetti recenti del trattamento.

Risultati chiave
L'incidenza cumulativa di 15 anni degli stati di salute gravi è diminuito da 12,7% fra i superstiti del cancro di infanzia diagnosticati negli anni 70 a 10,1% e a 8,8% fra quelli diagnosticati negli anni 80 e negli anni 90, rispettivamente.
Dal tipo del cancro, durante le tre decadi l'avvenimento dei problemi sanitari severi entro 15 anni dopo la diagnosi in diminuzione da:

-13% - 5% fra i superstiti del tumore di Wilms (un cancro raro del rene)
-18% - 11% fra i superstiti di linfoma di Hodgkin
-15% - 9% fra i superstiti del astrocytoma (il secondo cancro comune di infanzia)
-10% - 6% fra i superstiti di linfoma non Hodgkin
-9% - 7% fra i superstiti della leucemia linfoblastica acuta (il cancro di infanzia più comune)

Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato riduzioni dei problemi sanitari severi fra i superstiti di altri tipi di cancri di infanzia, quali il neuroblastoma, la leucemia mieloide acuta (AML), il sarcoma del tessuto molle e l'osteosarcoma.

Le più grandi riduzioni sono state trovate dell'incidenza delle circostanze endocrine (4% degli anni 70 contro 1,6% degli anni 90) e di nuovi cancri (2,4% degli anni 70 contro 1,6% degli anni 90), seguiti dalle circostanze gastrointestinali e dalle circostanze neurologiche. Le tariffe degli stati del polmone o del cuore non sono cambiato.

“Eravamo poco sorpresi che l'incidenza della malattia cardiovascolare severa non è diminuito, sapendo che morti dalla malattia cardiovascolare caduta fra i superstiti negli ultimi decenni,„ ha detto il Dott. Gibson. “Questo è un ricordo che i superstiti continuano ad avere un rischio aumentato per i problemi sanitari seri confrontati alla popolazione in genere ed ad avere bisogno di di essere seguito molto attentamente.„

Punti seguenti
I ricercatori pianificazione ricercare più profondo negli stati di salute specifici, oltre le vaste categorie catturate in questa analisi. Egualmente vorrebbero seguire i superstiti oltre 15 anni dopo che diagnosi ed esplorano come gli effetti recenti del trattamento intersecano con invecchiamento.