Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono il modo novello e non invadente tenere la carreggiata l'infezione di febbre rompiossa

Comunemente usato per individuare i tumori solidi, la tomografia a emissione di positroni (PET) accoppiata con la sonda del metabolismo del glucosio, il fluorodeoxyglucose (FDG), è considerato “la vecchia„ tecnologia nel campo di cancro. Un gruppo da Duca-NUS la facoltà di medicina (Duca-NUS) e dal policlinico di Singapore (SGH) ora ha trovato un nuovo uso per questa “vecchia„ tecnologia in un altro campo: ricerca delle malattie infettive. Facendo uso di FDG-PET come strumento della rappresentazione per l'infezione di febbre rompiossa nei modelli del mouse, il gruppo potenzialmente ha scoperto un modo novello e non invadente tenere la carreggiata l'infezione in tempo reale e valutare più esattamente l'efficacia di nuovi trattamenti per febbre rompiossa.

Simile a come il radar può tenere la carreggiata e visualizzare dove le navi sono nell'oceano, l'ANIMALE DOMESTICO può tenere la carreggiata e visualizzare dove nell'organismo il glucosio è preso dalle celle. FDG è una versione radioattiva di glucosio, che una volta iniettata in un mouse ed assorbente dalle celle, può essere veduta facendo uso dell'ANIMALE DOMESTICO. L'infiammazione del piccolo e degli intestini crassi è conosciuta per accadere in mouse febbre rompiossa-infettati e con comprensione cellulare di glucosio e di aumenti di FDG. Conoscendo questo, il gruppo ha precisato per usare PET-FDG per prevedere l'infiammazione come indicatore dell'infezione di febbre rompiossa in mouse.

“A nostra conoscenza, questo è il primissimo ANIMALE DOMESTICO di tempo sistematicamente è stato valutato nel campo delle malattie infettive virali acute. Siamo eccitati per potere a repurpose questa tecnologia non invadente e generiamo tali immagini robuste dell'infezione in tensione di febbre rompiossa nell'organismo,„ abbiamo commentato l'autore principale dello studio, Duca-NUS assistente universitario Ann-Marie Chacko dal programma di biologia di cellula staminale e del Cancro e testa del Duca-NUS per la rappresentazione di traduzione e molecolare (LTMI).

Non solo l'infiammazione aumentata è stata osservata in milza e piccolo e intestini crassi dei mouse febbre rompiossa-infettati, ma l'infiammazione si è abbassata dopo che i antivirals sono stati dati. Inoltre, tenendo la carreggiata l'assorbimento del glucosio con FDG-PET ha predetto la progressione e la severità dell'infezione di febbre rompiossa come pure l'efficacia del trattamento.

“Potere prevedere l'infezione di febbre rompiossa nell'organismo potenzialmente trasforma come l'efficacia di nuova terapeutica di febbre rompiossa è valutata. Aspettiamo con impazienza di collaborare con i partner dell'industria e accademici che stanno guardando per convalidare la loro nuova terapeutica di febbre rompiossa facendo uso di questo approccio novello,„ il professor aggiunto Subhash Vasudevan dal programma emergente delle malattie infettive a Duca-NU'ed all'autore senior della pubblicazione.

Il Dott. Jenny Low, Senior Consultant con il dipartimento delle malattie infettive a SGH e un clinico sul gruppo di ricerca spiegato tradizionalmente, “, nella ricerca, la quantità di virus nel sangue è misurato ed usato come indicatore della severità di malattia. Che cosa fa i risultati di questo studio così chesi rompe è che possiamo avere un modo non invadente tenere la carreggiata più esattamente le infezioni di febbre rompiossa nei nostri pazienti durante i test clinici per migliorare la misura se il trattamento sperimentale dato è efficace.„

Se i risultati di base del laboratorio sono traducibili alle cerniere dei pazienti di febbre rompiossa su uno studio della giunzione SGH/Duke-NUS piombo dal Dott. Shirin Kalimuddin, consulente con il dipartimento delle malattie infettive, SGH. Questo studio clinico corrente sta reclutando i pazienti di febbre rompiossa come volontari. Infine, la speranza è che la rappresentazione non invadente di PET-FDG può essere usata per trasformare la valutazione di nuovi trattamenti di febbre rompiossa nei test clinici in moda da potere più efficacemente trattare le infezioni nella clinica.