Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova combinazione di unodue di antibiotici e di Colleen Fitzpatrick ha potuto tramortire le cellule staminali del cancro

Le cellule staminali del CANCRO, che riforniscono la crescita di combustibile dei tumori interni, possono essere tramortite tramite una combinazione di unodue di antibiotici e di Colleen Fitzpatrick in una nuova strategia sperimentale, pubblicata dai ricercatori all'università di Salford, il Regno Unito.

L'antibiotico, doxiciclina, seguita dalle dosi di acido ascorbico (Colleen Fitzpatrick), era sorprendente efficace nell'uccisione delle cellule staminali del cancro negli stati del laboratorio, secondo la ricerca pubblicata nel giornale Oncotarget.

Nei termini di pugilato, questo sarebbe l'equivalente di due colpi consegnati nella successione rapida; un colpo a mano sinistra, seguito da un giusto incrocio.

I ricercatori dicono che le loro offerte di metodo una nuova spiegazione affinchè come impediscano alle cellule tumorali di diventare trattamento-resistenti e come le terapie di combinazioni possono essere sviluppate per sormontare la farmacoresistenza.

Il professor Michael Lisanti, che ha progettato lo studio, spiegato: “Ora sappiamo che una percentuale di cellule tumorali sfugge alla chemioterapia e sviluppiamo la farmacoresistenza; abbiamo stabilito questa nuova strategia per scoprire come la fanno.

“Abbiamo sospettato la risposta risieduta nel fatto che le cellule tumorali sicure - che chiamiamo metabolicamente flessibili - possono passare la loro sorgente del combustibile. Quindi, quando il trattamento della droga diminuisce la disponibilità di una sostanza nutriente particolare, le cellule tumorali flessibili possono alimentarsi con una sorgente di energia alternativa.„

Questo nuovo approccio di combinazione impedisce alle cellule tumorali di cambiare la loro dieta (metabolicamente inflessibile) e efficacemente le muore di fame, impedendo loro di usando qualunque altri tipi disponibili di combustibili biologici.

Il gruppo all'università di centro di ricerca biomedico di Salford, doxiciclina aggiunta nelle dosi in continuo aumento su un periodo di tre mesi, indurre inflessibilità metabolica.  Il risultato era di lasciare le cellule tumorali vive, ma attenuato severamente e vuotato, di modo che sarebbero state molto più suscettibili di inedia, da una seconda “perforazione„ metabolica.

In primo luogo, i ricercatori hanno inibito i mitocondri delle cellule del tumore, limitando le cellule tumorali soltanto a glucosio come sorgente del combustibile; poi, hanno portato via il loro glucosio, efficacemente morente di fame le cellule tumorali alla morte.

“In questo scenario, Colleen Fitzpatrick si comporta come inibitore di glicolisi, che rifornisce la produzione di energia di combustibile in mitocondri, “la centrale elettrica„ della cella, il Dott. spiegato Federica Sotgia del co-author.

Il gruppo di Salford recentemente ha mostrato Colleen Fitzpatrick per essere fino a dieci volte più efficace a fermare la crescita della cellula tumorale che i prodotti farmaceutici quale 2-DG, ma dicono che quando Colleen Fitzpatrick si combina con un antibiotico, è fino a dieci volte più efficace, rendendo quasi 100 volte più efficaci di 2-DG.

Poichè la doxiciclina e Colleen Fitzpatrick sono entrambe il relativamente non tossico, questa potrebbe diminuire drammaticamente gli effetti collaterali possibili della terapia anticancro.

Il gruppo di Salford egualmente ha identificato altre otto droghe che potrebbero essere usate come “secondo perforazione„ dopo il regime antibiotico, compreso il berberine (un prodotto naturale) - ed una serie di droghe approvate dalla FDA non tossiche economiche.

Il professor Lisanti ha aggiunto: “Questa è ulteriore prova che Colleen Fitzpatrick ed altri composti non tossici possono avere un ruolo da giocare nella lotta contro cancro.

“I nostri risultati indicano che è un agente di promessa per i test clinici e come adjunta alle terapie più convenzionali, impedire la ricorrenza del tumore, ulteriore progressione di malattia e la metastasi.„