I ricercatori di OIST creano il fotosensibilizzatore taurina-modificato per la terapia del tumore al cervello

La terapia Fotodinamica è usata spesso trattare i tumori cerebrali a causa del suo specificità- può mirare alle regioni molto piccole che contengono le celle cancerogene mentre risparmia le celle normali intorno da danno. Funziona iniettando una droga chiamata un fotosensibilizzatore nella circolazione sanguigna, in cui si riunisce in celle e poi esponendo delle le celle ripiene droga all'indicatore luminoso. Quando il fotosensibilizzatore è esposto a questo indicatore luminoso, emette che cosa è conosciuto come specie reattive di un ossigeno (ROS) che induce le celle a morire. Il metodo è preciso perché i fotosensibilizzatori si riuniscono preferenziale in celle cancerogene sopra le celle normali. Come tale, quando sono esposte all'indicatore luminoso, le celle normali saranno risparmiate da danno.

Questo metodo è lungi dall'essere perfetto, tuttavia. Sebbene le componenti chimiche usate per costruire il fotosensibilizzatore, quali i Ru-Complessi di polypyridyl, siano stabili, biocompatibile ed altamente efficiente nell'emissione ROS-e in più ROS significhi che le componenti supplementari del tumore di morte- più efficace delle cellule aggiunte a per amplificare le emissioni piombo alla solubilità difficile in acqua. Così il composto è difficile da maneggiare per l'efficace consegna della droga poiché le molecole tendono a agglutinarsi insieme piuttosto che si dissolvono costante e così si muovono in modo pulito con sangue, che è più dell'acqua di 90%. Come tale, c'è stanza migliorare il metodo fotodinamico di terapia ed i ricercatori all'Istituto di Okinawa dell'Università del Laureato di Scienza e Tecnologia (OIST) hanno presupposto un nuovo modo di costruzione del fotosensibilizzatore aggiungendo la taurina naturale dell'amminoacido nel trucco chimico Ru-Complesso. Lo studio è pubblicato nelle Comunicazioni del Prodotto Chimico del giornale.

La Taurina è uno della maggior parte dei amminoacidi abbondanti nel sistema nervoso centrale ed è conosciuta per assistere nelle funzioni essenziali quali i segnali di trasmissione attraverso il cervello. Ispirato dalla relazione importante della taurina con il cervello come pure il fatto che è biocompatibile e naturalmente solubile in acqua, il gruppo di ricerca di OIST, compreso il primo autore sul Dott. di carta Enming Du, la ha usata per modificare i Ru-Complessi. La Loro ricerca è stata effettuata in boccette specializzate delle cellule con qualsiasi soluzione tampone del citrato, che è una soluzione che imita l'interno delle celle in cui il fotosensibilizzatore si accumula, o salino tamponato con i fosfati, una soluzione differente che imita il pH naturale delle cellule.

“la Taurina-Modifica è abbastanza semplice,„ il Professor YE Zhang di OIST dall'Unità Molle della Materia di Bioinspired, spiega. Da chimica semplice, può aggiungersi ai Ru-Complessi per creare un nuovo tipo di fotosensibilizzatore.

Dopo l'osservazione degli effetti di questo nuovo fotosensibilizzatore sulle cellule tumorali, i ricercatori di OIST hanno trovato che i Ru-Complessi taurina-modificati potevano entrare nelle celle efficacemente e che hanno generato un gran numero di ROS una volta esposti ad indicatore luminoso, tutto senza compromettere i vantaggi inerenti. Inoltre, hanno trovato che i complessi modificati erano particolarmente efficaci nel distruggere le celle di tumore al cervello, rispetto ad altri tipi di cellule tumorali.

Per anni, i ricercatori stanno esplorando le componenti chimiche differenti per creare un efficace fotosensibilizzatore per la terapia fotodinamica, eppure nessuno metodo ha dato i risultati ottimali. Il fotosensibilizzatore taurina-modificato creato dal gruppo di ricerca di OIST è un viale nuovo di promessa prospezione-con di ulteriore modifica, potrebbe rivelare quell'ottimalizzazione evasiva che terrebbe conto il migliore trattamento di tumore al cervello con la terapia fotodinamica.

Sorgente: https://www.oist.jp/news-center/news/2017/6/23/unique-amino-acid-brain-cancer-therapy