Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente con autismo opera le scelte più coerenti che la popolazione neurotypical

La gente con gli stati di spettro di autismo (ASC) mostra spesso una sensibilità diminuita ad informazioni contestuali nelle mansioni percettive, ma la nuova ricerca suggerisce che questa sensibilità diminuita possa realmente piombo alle scelte più coerenti nelle mansioni di processo decisionale ad alto livello.

I risultati, pubblicati nella scienza psicologica, un giornale dell'associazione per scienza psicologica, indicano che le persone con il CSA sono meno suscettibili degli effetti delle opzioni dell'esca quando valuta e scegliendo il prodotto “del meglio„ fra parecchie a persone relative di opzioni senza CSA.

“La gente con autismo è effettivamente più coerente nelle loro scelte che la popolazione neurotypical. Da una prospettiva economica, questo suggerisce che la gente con autismo sia più razionale e meno probabile essere a proposito scelte influenzate siano presentati,„ dice l'agricoltore di George del ricercatore della psicologia dell'università di Cambridge.

Mentre i numerosi studi hanno paragonato la prestazione delle persone al CSA e delle persone neurotypical su varie mansioni percettive a basso livello, l'agricoltore e l'università di co-author William J. Skylark e Simon Barone-Cohen di Cambridge hanno notato che relativamente poca ricerca aveva esaminato la loro prestazione nel regno di processo decisionale.

“La gente con autismo è pensata per mettere a fuoco più sul dettaglio e di meno sulla più grande maschera - questa è trovata spesso negli studi più percettivi, per esempio indicando che la gente con autismo è meno suscettibile di alcune illusioni visive,„ spiega l'agricoltore. “Abbiamo voluto sapere se questa tendenza si applicasse alle mansioni decisionali di più alto livello.„

I ricercatori hanno reclutato 90 adulti con il CSA e 212 adulti neurotypical per partecipare ad uno studio decisionale online. I ricercatori hanno usato 10 paia del prodotto ed i prodotti in ogni paio hanno differito su due dimensioni. D'importanza, le paia sono state presentate sempre come componente di un trio che ha compreso un terzo elemento dell'esca.

I partecipanti hanno veduto due volte ogni paio -- in un caso, l'esca accompagnante è stata destinata per mirare al prodotto A; nell'altro caso, è stata destinata per mirare al prodotto B. I partecipanti hanno indicato l'opzione “del meglio„ dai tre presentati.

Per esempio, i partecipanti potrebbero essere chiesti di scegliere una di tre unità USB che hanno variato secondo la loro capacità e la loro durata della vita. Il prodotto A ha una capacità di 32 GB e di una durata della vita di 20 mesi, mentre il prodotto B ha la meno capacità (16 GB) ma una durata della vita più lunga (36 mesi). L'esca, con una capacità di 28 GB e di una durata della vita di 16 mesi, è obiettivamente peggiore di A e dovrebbe quindi essere trascurata.

Misure anche completato dei partecipanti che valutano gli aspetti di abilità conoscitiva e di una misura che hanno valutato i tratti connessi tipicamente con il CSA.

Con processo decisionale economico puramente razionale, gli elementi dell'esca sarebbero irrilevanti ed i partecipanti renderebbero alla stessa scelta entrambe le volte che i prodotti A e B sono stati indicati. Se le esche fossero efficaci, tuttavia, i partecipanti passerebbero la loro selezione quando l'esca è cambiato, favorevole il prodotto mirato a dall'esca in ogni trio. Nell'esempio qui sopra, la gente sarebbe più probabile scegliere il prodotto A con il presente dell'esca che se stesse confrontando semplicemente il prodotto A e B.

I dati hanno rivelato che, rispetto ai partecipanti neurotypical, i partecipanti con il CSA hanno operato le scelte più coerenti ed hanno fatto meno opzioni nelle loro selezioni.

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno reclutato i partecipanti dalla popolazione in genere, amministrante lo stesso compito con soltanto coloro che ha segnato nei decili della cima e del fondo di una misura convalidata dei tratti connessi tipicamente con autismo. I loro risultati hanno mostrato un reticolo attenuato simile a quello veduto nel primo esperimento: I partecipanti che hanno segnato il livello sui tratti autistici erano più probabili operare le scelte coerenti rispetto ai partecipanti di segnatura.

Insieme, i risultati indicano che le persone con il CSA sono meno probabili mostrare una tendenziosità conoscitiva che pregiudica spesso i loro pari neurotypical.

“La consistenza di hoice [C] è considerata come normativo nella teoria economica convenzionale, la sensibilità così diminuita di contesto fornirebbe una nuova dimostrazione che l'autismo non è sotto tutti gli aspetti “un'inabilità„,„ i ricercatori scrive in loro documento.

“Questi risultati suggeriscono che la gente con autismo potrebbe essere meno suscettibile di avere loro a proposito informazioni influenzate scelte sia presentata loro--per esempio, via l'introduzione sul mercato inganna quando scelgono fra i generi di consumo,„ l'agricoltore aggiunge.

I risultati egualmente indicano che la sensibilità diminuita al contesto che è associato con il CSA può estendere ben oltre i processi conoscitivi a basso livello, facenti il nuovo indicatore luminoso sulla natura “di cognizione autistica,„ i ricercatori discutono:

“Ha alterato le preferenze in un compito choice che comprende i generi di consumo verbalmente descritti suggerirebbe l'esigenza di più vasta caratterizzazione e theorizing integrato attraverso i livelli ed i domini di trattamento,„ concludono.