I Ricercatori mirano a trovare la teoria completa del cervello dell'ipnosi

L'Ipnosi può aiutare la gente a smettere di fumare, sonno meglio e perfino a subire il trattamento dentario senza dolore. Ma che cosa è esattamente l'ipnosi e che cosa accade precisamente nel cervello di una persona ipnotizzata? Queste domande corrente stanno esaminande dagli psicologi all'Università Jena (Germania) di Friedrich Schiller, insieme ad un collega dall'Università di Treviri (Germania), come componente di un progetto costituito un fondo per dalle Fondamenta di Ricerca Tedesche. Lo scopo è di trovare le risposte scientifiche complete alle domande ed i ricercatori hanno presentato i loro risultati iniziali nella questione attuale del giornale “Rapporti Scientifici„ dello specialista.

“Nel nostro progetto, stiamo esaminando come il cervello permette gli stati ipnotici,„ spieghiamo il Professor Wolfgang Miltner, che sta lavorando al fenomeno per le decadi. “In Primo Luogo, abbiamo osservato più molto attentamente il trattamento degli stimoli visivi.„ In un esperimento, hanno diviso i partecipanti in tre gruppi: persone che erano molto suggestionabili, cioè suscettibile dell'ipnosi, delle persone di suggestibilità media e di un terzo gruppo con suggestibilità bassa. “Mentre erano nell'ambito dell'ipnosi, abbiamo fatti loro esaminare uno schermo su cui abbiamo mostrato loro i vari simboli, quale un cerchio o un triangolo,„ spiega il Dott. Barbara Schmidt, che ha eseguito l'esperimento. “I partecipanti della prova sono stati dati il compito di conteggio del simbolo particolare. Allo stesso tempo, sono stati detti per immaginare che c'fosse una scheda di legno davanti ai loro occhi. Come conseguenza dell'ostruzione suggerita, il numero di conteggio degli errori è aumentato significativamente.„ Gli effetti sono stati osservati in tutti e tre i gruppi di prova ma erano più forti in quei partecipanti che erano i più facili da ipnotizzare.

In modo che il ricercatore per osservare l'attività di cervello pure, i partecipanti della prova sono stati collegati fino ad un elettroencefalografo (EEG). “Quando esaminiamo i trattamenti neurali che hanno luogo nel cervello mentre elaborano i simboli, noi vedi quello intorno 400 millisecondi dopo la presentazione del simbolo -essere-contato, c'è una riduzione estrema dell'attività di cervello, sebbene dovrebbe normalmente essere molto alta,„ spiega Schmidt. “Tuttavia, un periodo ridotto prima di questo - fino a 200 millisecondi dopo la presentazione dello stimolo - non ci sono ci differenze da vedere.„ Questo mezzi, quindi, che la percezione semplice ancora ha luogo, ma che le operazioni di trattamento più profonde, come conteggio, notevolmente sono alterate. In questo modo, l'Università di psicologi di Jena poteva scoprire come l'ipnosi influenza le regioni specifiche del cervello mentre riceve uno stimolo visivo.

Instaurazione della ricerca seria di ipnosi

Ulteriori esperimenti pianificazione durante i prossimi anni. I ricercatori studieranno le alterazioni nel trattamento degli stimoli come pure del sollievo di dolore acustici durante l'ipnosi. “Fino agli anni 20, l'ipnosi aveva luogo una parte standard di istruzione medica e sta utilizzanda ancora oggi nell'anestesia,„ rapporti Miltner. “Tuttavia, c'è appena tutta la ricerca scientifica che esamina le ragioni per le quali l'ipnosi funziona come anestetico.„ Purtroppo, c'è troppa speculazione esoterica su questo argomento, di modo che gli scienziati che lavorano in questa area affrontano frequentemente lo scetticismo. “Più dobbiamo non indicare che l'ipnosi è efficace, come quello siamo stati provati. Il compito ora è soprattutto di scoprire perché e come tali cambiamenti curiosi nella percezione sono possibili nella gente che è ipnotizzata,„ dice Miltner. “Per questo motivo, desideriamo stabilire la ricerca dell'ipnosi che è seria e rispettabile.„

Sorgente: http://www.uni-jena.de/en/Research+News/FM170707_+hypnosis_brain+theory+.html