La droga di malaria efficacemente blocca la trasmissione del virus di Zika al feto

Le conseguenze devastanti di infezione virale di Zika sono sofferte nell'utero, in cui il virus può causare la lesione cerebrale ed a volte la morte.

Studiando i mouse incinti, i ricercatori alla scuola di medicina dell'università di Washington a St. Louis hanno imparato che il virus di Zika infetta il feto manipolando la barriera normale dell'organismo all'infezione. Inoltre, hanno indicato che una droga di malaria che interferisce con questo trattamento protegge il feto dall'infezione virale. Quella droga già è approvata per uso in donne incinte per altri scopi medici.

“Abbiamo trovato che l'idrossiclorochina della droga di malaria efficacemente blocca la trasmissione virale al feto,„ abbiamo detto l'autore Indira senior Mysorekar, il PhD, un professore associato dell'ostetricia e della ginecologia e di patologia e dell'immunologia. “Questa droga già è utilizzata in donne incinte per trattare la malaria e suggeriamo che autorizzi la valutazione in primati ed in donne per diminuire i rischi di infezione di Zika e la malattia in feti di sviluppo.„

I risultati sono pubblicati il 10 luglio nel giornale di medicina sperimentale.

Alla fine del 2015, medici nel Brasile hanno cominciato a notare un impulso nel numero dei bambini sopportati con microcefalia, o le teste insolitamente piccole, un indicatore di danno neurologico. L'epidemia presto è stata collegata al virus trasmesso dalle zanzare di Zika, che stava spargendo attraverso le zone tropicali delle Americhe. Medici hanno consigliato le donne incinte di evitare i morsi di zanzara indossando lo spruzzo di errore e l'abbigliamento a maniche lunghe, ma hanno avuti piccolo l'altro consiglio da offrire. C'era ed ancora è, nessun droghe o vaccini approvati per uso in donne incinte proteggere loro o i loro feti dall'infezione di Zika.

Il feto di sviluppo è unicamente vulnerabile danneggiare dall'infezione, in modo dall'organismo mobilizza le difese robuste per tenere i microbi mai dal raggiungimento del feto in primo luogo. La placenta è l'ultima linea di difesa. Mysorekar ed altri hanno indicato che un trattamento conosciuto come autophagy -- la via cellulare di incenerimento dei rifiuti da cui le celle macinano su detriti, organelli indesiderati e microbi d'invasione - è una parte importante della barriera placentare ardua all'infezione. Tuttavia, gli studi precedenti da Mysorekar ed altri hanno indicato che Zika non solo può invadere la placenta, ma si moltiplicano là.

Per imparare più circa come Zika viola la placenta, Mysorekar, il recipiente cao del collega postdottorale, il PhD ed i colleghi hanno infettato le celle placentari umane con il virus di Zika. Hanno trovato che l'esposizione al virus ha attivato i geni relativi a autophagy.

Tuttavia, quando i ricercatori hanno curato le celle con le droghe per arrampicarsi la via autophagy, il numero delle celle ha infettato con il virus di Zika aumentato. Le droghe che hanno soppresso autophagy provocato meno celle placentari hanno infettato con il virus di Zika. Cioè il virus si è moltiplicato e si sparso più efficacemente quando i ricercatori hanno composto sulla risposta della barriera ed ha eseguito più lento quando la hanno composta si scolano. Il virus è sembrato fare un modulo delle arti marziali microbiche, girante le armi dell'organismo nel suo proprio vantaggio.

Mysorekar ed i colleghi hanno verificato questi risultati facendo uso dei mouse di cui la risposta autophagy è stata zoppicata dai bassi livelli di proteina autophagy chiave. Hanno infettato due gruppi di mouse incinti con Zika: uno in cui il trattamento autophagy è stato interrotto e l'altro in cui funzioni normalmente.

I cinque giorni dopo l'infezione, le madri con una risposta autophagy debole hanno avute quantità circa lo stesso di virus in loro circolazioni sanguigne come i mouse con una risposta normale. Tuttavia, in mouse con una risposta autophagy debole, i ricercatori hanno trovato 10 volte meno virus nella placenta e le teste dei feti e meno danneggiamento delle placente.

“Sembra che il virus di Zika approfitti del trattamento autophagy nella placenta per promuovere la sue sopravvivenza ed infezione delle celle placentari,„ Cao ha detto.

Poiché l'idrossiclorochina sopprime la risposta autophagy, i ricercatori hanno dubitato che anche potrebbe proteggere i feti da Zika.

Per scoprire, hanno ripetuto l'esperimento del mouse facendo uso soltanto dei mouse con una risposta autophagy normale. I mouse femminili al giorno nove della gravidanza sono stati infettati con Zika e poi sono stati dosati con idrossiclorochina o placebo ogni giorno per i cinque giorni prossimi.

A seguito del trattamento, i ricercatori hanno trovato significativamente meno virus nei feti e nelle placente dai mouse che avevano ricevuto l'idrossiclorochina. Inoltre, queste placente hanno mostrato che meno danno ed i feti hanno riacquistato la crescita normale. Sia le madri non trattate che curate hanno avute quantità circa lo stesso di virus di Zika in loro circolazioni sanguigne, indicante che l'idrossiclorochina poteva proteggere i feti anche quando il virus stava circolando attraverso la madre.

Sebbene l'idrossiclorochina sia stata utilizzata sicuro nei periodi delle donne incinte in breve, i ricercatori avvertono che ulteriori studi sono necessari prima che possa essere utilizzata in donne incinte per respingere Zika. Le donne incinte che vivono nelle aree dove Zika circola possono avere bisogno di di catturare la droga per la durata delle loro gravidanze e la sicurezza di idrossiclorochina per uso a lungo termine è sconosciute.

“Solleciteremmo l'avvertenza ma tuttavia ritenere il nostro studio fornisce i nuovi viali per gli interventi terapeutici fattibili,„ ha detto Mysorekar, che è egualmente co-direttore del centro universitario per le scienze di salute riproduttiva. “Il nostro studio suggerisce che ad un intervento terapeutico basato autophagy contro Zika possa essere autorizzato in donne incinte infettate con il virus di Zika.„