Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio collega l'infiammazione epatica alla dieta occidentale

Un nuovo studio nel giornale americano di patologia riferisce che i mouse hanno alimentato una dieta occidentale, che è alta in grasso e zucchero, ha provocato l'infiammazione epatica, particolarmente in maschi. Inoltre, l'infiammazione del fegato era più pronunciata in di topo maschio dieta-alimentati occidentali che egualmente mancavano del ricevitore del farnesoid x (FXR), un ricevitore dell'acido biliare.

Lo studio è importante perché collega la dieta ai cambiamenti nel profilo di microbiota come pure dell'acido biliare dell'intestino, aprente la possibilità che gli agonisti del ricevitore dell'acido biliare e di probiotics possono essere utili per la prevenzione ed il trattamento di infiammazione e della progressione epatiche nelle affezioni epatiche avanzate quale cancro.

“Conosciamo la transizione da steatosi, o il fegato grasso, ai giochi di steatohepatitis (infiammazione nel fegato grasso) un ruolo cruciale nel disturbo al fegato e nella carcinogenesi. Poiché il fegato riceve 70% della sua offerta di sangue dall'intestino, è importante capire come l'intestino contribuisce allo sviluppo di affezione epatica,„ il principale inquirente spiegato Yu-Jui Yvonne pallida, il PhD, professore e la presidenza vice del dipartimento di patologia e della medicina del laboratorio a salubrità di Uc Davis. “I nostri dati indicano che la dieta, il genere ed i trattamenti antibiotici differenti alterano il profilo di microbiota come pure dell'acido biliare dell'intestino ed hanno effetti differenti su infiammazione del fegato.„

Il Dott. Wan ed il suo gruppo ha usato un modello FXR-carente del mouse (KO di FXR), che si è trasformato in in uno strumento importante per capire meglio il ruolo della dieta e dell'infiammazione nello sviluppo delle affezioni epatiche compreso cancro perché i pazienti con la cirrosi o il cancro di fegato egualmente hanno bassi livelli di FXR.

Altri dati pubblicati già hanno indicato che i mouse FXR-carenti sviluppano spontaneamente i tumori del fegato e di steatohepatitis anche quando sono alimentati una dieta normale del roditore. In questo studio, i mouse selvaggio tipi e FXR-carenti sono stati alimentati una dieta occidentale o una dieta di corrispondenza di controllo per 10 mesi. Hanno trovato le similarità fra l'assunzione occidentale di dieta e la carenza di FXR. Per esempio, entrambi i mouse selvaggio tipi dieta-alimentati occidentali ed i mouse di KO di FXR dieta-alimentati controllo hanno sviluppato la steatosi, che egualmente era più severa in maschi che le femmine. Interessante, tuttavia, soltanto di topo maschio FXR-carenti hanno avuti infiltrazione massiccia del neutrofilo e del linfocita nel fegato e soltanto i mouse maschii dieta-alimentati occidentali di KO di FXR hanno avuti adenomi grassi.

“Questi studi indicano che un'assunzione occidentale di dieta e l'inattivazione di FXR egualmente hanno aumentato la segnalazione infiammatoria epatica, con un effetto migliorato combinato,„ il Dott. Wan ha detto. “Presentare gli antibiotici per diminuire l'infiammazione egualmente ha avuta effetti differenti basati sulle diete che i mouse hanno ricevuto.„

Secondo che tipo di dieta è stata fornita, antibiotici di vasto-spettro, che hanno eliminato la maggior parte dei batteri dell'intestino, infiammazione epatica commovente diversamente in mouse FXR-carenti. In mouse dieta-alimentati controllo, un cocktail di ampicillina, la neomicina, il metronidazole e le vancomicine completamente hanno bloccato l'infiltrazione epatica del linfocita e del neutrofilo. Tuttavia, questo cocktail degli antibiotici (Abx) non poteva eliminare l'infiammazione epatica in mouse dieta-alimentati occidentali di KO di FXR. L'analisi supplementare ha indicato che molti geni infiammatori hanno avuti livelli elevati di espressione nella dieta occidentale che i mouse di KO di FXR dieta-alimentati controllo dopo il trattamento di Abx.

Analizzando la composizione del microbiota dell'intestino, i ricercatori hanno trovato che Proteobacteria e Bacteroidetes hanno persistito dopo il trattamento antibiotico di vasto-spettro nei mouse dieta-alimentati occidentali di KO di FXR. Al contrario, antibiotico gram-negativo di copertura, cioè, polymyxin B, Firmicutes aumentato ed infiammazione epatica in diminuzione come pure di Proteobacteria in di topo maschio dieta-alimentati occidentali di KO di FXR. Suggeriscono che gli effetti contrari della dieta occidentale sul fegato possano essere spiegati in parte tramite la persistenza di Proteobacteria pro-infiammatorio come pure la riduzione di Firmicutes antinfiammatorio dell'intestino.

Gli acidi biliari primari e secondari sono sintetizzati dalle celle di fegato e sventrano i batteri, rispettivamente. Gli acidi biliari stanno segnalando le molecole per omeostasi dello zucchero e del lipido come pure la risposta infiammatoria. I dati generati da questo gruppo hanno rivelato che l'infiammazione epatica diminuita dagli antibiotici è stata accompagnata dal in diminuzione da liberamente e acidi biliari secondari coniugati in un modo genere-dipendente.

“La salubrità del fegato e dell'intestino è collegata. È chiaro che lo squilibrio microbico e la sintesi dysregulated dell'acido biliare sono inseparabili e contribuiscono insieme ad infiammazione epatica via l'asse del intestino-fegato. Inoltre, il microbiota dell'intestino ed i profili dell'acido biliare possono spiegare la differenza di genere nell'affezione epatica poichè l'incidenza del cancro di fegato è molto più alta negli uomini che le donne. Inoltre, in mouse antibiotico-trattati, il cambiamento nel profilo degli acidi biliari può anche essere primario come pure secondario alle alterazioni in microbiota dell'intestino perché gli antibiotici possono direttamente eliminare i batteri digenerazione della bile, che a sua volta causa i cambiamenti supplementari nella composizione nell'acido biliare,„ il Dott. celebre Wan. “I nostri risultati indicano che il probiotics e gli agonisti di FXR tengono la promessa per la prevenzione ed il trattamento di infiammazione epatica e la progressione nelle affezioni epatiche avanzate quale cancro.„

Source: