Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vaccino antiinfluenzale della dose elevata diminuisce il rischio di ospedalizzazioni di tutto causa e respiratorie, ritrovamenti di studio

Nel più grande studio a distanza di professione d'infermiera fin qui sull'effetto di un vaccino antiinfluenzale della dose elevata (HD), i ricercatori hanno trovato che i vaccini con quattro volte l'antigene dei vaccini standard di influenza (deviazione standard) hanno diminuito significativamente il rischio di ospedalizzazione di tutto causa e respiratoria durante la stagione di influenza.

Lo studio ha trovato una riduzione relativa di 12,7 per cento dell'incidenza dell'ospedalizzazione per la malattia respiratoria, quale polmonite e una riduzione di 8,5 per cento delle ospedalizzazioni di tutto causa fra i residenti su Assistenza sanitaria statale che ha vissuto alle case di cura che hanno ricevuto HD invece dei vaccini antiinfluenzali di deviazione standard.

I risultati sono pubblicati nella medicina respiratoria di The Lancet del giornale.

Abbassi l'infezione delle vie respiratorie, compreso polmonite, la bronchite e il tracheobronchitis, è la causa principale delle ospedalizzazioni e della mortalità contagiose in adulti più anziani e più grande fra gli adulti più anziani delicati come quelli che risiedono nelle case di cura. Ancora, l'influenza è l'infezione virale più comune e clinicamente più importante, pregiudicante annualmente le vite di 4 milione adulti sopra l'età di 65 negli Stati Uniti ad un costo di $8,3 miliardo, secondo gli autori di studio.

“Il nostro studio è in primo luogo ripartita le probabilità su, studio prospettivo controllato dimostrare l'efficacia comparativa del vaccino antiinfluenzale nella diminuzione dell'ospedalizzazione in relazione con respiratoria molto in un delicato, popolazione della casa di cura di a lungo soggiorno,„ ha detto Stefan Gravenstein, il MD, il MPH, autore principale dello studio, sulla facoltà sia alla facoltà di medicina di Alpert del labirinto alla Brown University che al centro medico di Cleveland degli ospedali universitari ed alla scuola di medicina di Case Western Reserve University.

“La nostra individuazione che la vaccinazione della dose elevata è più efficace di una dose standard nella diminuzione delle ospedalizzazioni è notevole per parecchie ragioni. Per uno, lo sforzo di circolazione predominante della stagione di influenza era uno dove il vantaggio per gli adulti più anziani dalla vaccinazione era stato messo in discussione,„ ha detto il Dott. Gravenstein. “Il fatto che abbiamo osservato un più a tariffa ridotta dell'ospedalizzazione da tutte le cause, anche, suggerisce che il vaccino offra la protezione oltre i risultati in relazione con l'influenza, forse compreso cuore ed altre circostanze.„

“Se dato a tutti circa 1,5 milione residenti della casa di cura, un calo di un per cento nelle ospedalizzazioni tradurrebbe a migliaia meno che sono ospedalizzati,„ ha detto.

Secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), il rischio di ospedalizzazione è uno in cinque durante la stagione di influenza, gli stessi di in questo studio.

Lo studio ha fatto partecipare più di 38.000 partecipanti 65 anni e più vecchi da 823 case di cura in 38 stati e confrontato due FDA ha conceduto una licenza ai vaccini antiinfluenzali raccomandati dal comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (ACIP) per i residenti più anziani della casa di cura. I residenti sono stati somministrati i vaccini antiinfluenzali nell'autunno di 2013 da contribuire a proteggerli da influenza durante il periodo di novembre 2013 al marzo 2014.

L'influenza in una popolazione della casa di cura è una causa importante delle ospedalizzazioni. Oltre a polmonite, l'influenza può contribuire agli attacchi di cuore, infarto e colpi, particolarmente in una più vecchia popolazione della casa di cura in cui può spargersi facilmente fra i residenti.

“Nel nostro studio, lo abbiamo stimato che per ogni 84 persone che ricevono il vaccino della dose elevata una persona fosse impedita l'ospedalizzazione durante la stagione di influenza,„ abbiamo detto.

Le case di cura nello studio sono state definite a caso a HD o alla deviazione standard per i residenti.

Se la dose elevata si trasforma nella procedura preferita per le case di cura sarebbe determinata dal ACIP, un gruppo di medico ed esperti in salute pubblica che sviluppano le raccomandazioni su uso dei vaccini nella popolazione civile.