Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti afroamericani hanno aumentato le mutazioni genetiche in tumori in relazione con il tabacco, ritrovamenti di studio

Gli afroamericani hanno tipicamente risultati peggiori dai cancri in relazione con che i Caucasians, ma le ragioni per questa rimangono evasive. Tuttavia, gli scienziati al centro medico battista della foresta di risveglio hanno intrapreso una grande azione verso la soluzione del questo puzzle. Gli scienziati hanno trovato che i pazienti afroamericani hanno avuti una tariffa aumentata di mutazione in parecchi geni, compreso il più noto in tumori in relazione con il tabacco, TP53. I risultati sono pubblicati nella questione online attuale del giornale Theranostics.

“Sappiamo che mutazione TP53 accade in 55 per cento di tutti i malati di cancro,„ ha detto l'autore principale dello studio, il Wei Zhang, Ph.D., il Hanes ed il professore nel Cancro alla scuola di medicina della foresta di risveglio, parte della famiglia di Willis del battista della foresta di risveglio. “Nel nostro studio, abbiamo trovato che la popolazione afroamericana ha avuta vicino ad una tariffa di mutazione di 70 per cento.

“Questi dati suggeriscono che gli aumenti nella mutazione TP53 in afroamericani possano essere responsabili della resistenza osservata alla chemioterapia e ad un più povero camice di prognosi.„ La prova al battista della foresta di risveglio ha iscritto 431 malato di cancro dal marzo 2015 al maggio 2016. La maggior parte dei pazienti aveva avanzato i cancri in relazione con il tabacco - polmone, colorettale e vescica - e 13,5 per cento erano afroamericani.

I tumori dai partecipanti di studio sono stati ordinati per identificare le mutazioni e le alterazioni genetiche connesse con il fumo e/o l'ascendenza afroamericana. La percentuale di fumatori era simile fra i partecipanti afroamericani e caucasici. Gli scienziati hanno convalidato i loro risultati con il gruppo di dati dell'atlante del genoma del Cancro che include 2.821 caso con stato di fumo conosciuto.

Sia i gruppi dell'atlante del genoma del battista che del Cancro della foresta di risveglio hanno rivelato una tariffa significativamente aumentata di mutazione nel gene TP53 nei gruppi afroamericani studiati. I ricercatori egualmente hanno trovato che una serie di geni - compreso quelli che riparano il danno del DNA e ricostruiscono la cromatina - mutati alle più alte frequenze nei malati di cancro afroamericani.

Ulteriormente, il gruppo battista della foresta di risveglio ha identificato altri geni che altamente sono stati subiti una mutazione in fumatori correnti ed ex, indipendentemente dalla corsa.

“Questi risultati forniscono la prova ben fondata che l'instabilità genomica è un marchio di garanzia fondamentale di cancro e gli eventi che sono alla base del regolamento della stabilità del genoma sono concentrati sulle interazioni con i fattori ambientali e stile di vita, come fumo,„ Zhang ha detto.

dovuto il numero relativamente piccolo dei partecipanti allo studio battista della foresta di risveglio, i risultati hanno bisogno di ulteriore convalida in una più grande prova, Zhang ha detto.

Tuttavia, ha aggiunto, questo studio fornisce una comprensione della base molecolare dei cancri in relazione con e come medici possono usare questi informazioni per curare i pazienti conoscendo che geni da mirare a con le droghe. L'essenza dell'oncologia di precisione è di abbinare le informazioni mutational con le droghe che hanno indicato l'efficacia terapeutica nell'ottimizzazione della proteina mutata.

“Questi risultati emozionanti scoprono nuovo attinente all'informazione genetico al fumo che può piombo allo sviluppo delle opzioni diagnostiche e terapeutiche novelle per i pazienti,„ hanno detto l'autore co-corrispondente dello studio, Boris Pasche, M.D., il Ph.D., Direttore del centro completo del Cancro al battista della foresta di risveglio.