La ricerca del UCLA in sarcoma fornisce la carta stradale tanto necessaria per la personalizzazione delle terapie

RISULTATI

Il Sarcoma è un modulo raro e micidiale di cancro che accade nelle ossa e nel tessuto connettivo che pregiudica le persone di tutte le età. La Sue aggressività, rarità e diversità continuano ad ostacolare gli sforzi per identificare le efficaci terapie per la gente con questa malignità. gli xenotrapianti orthotopic Paziente-Derivati (PDOX) sono modelli unici in cui il tumore determinato di un paziente si sviluppa in mouse. Tali xenotrapianti lungamente hanno indicato la grande promessa nella modellistica a del come il sarcoma ed altri cancri possono rispondere e resistere alle terapie, ma la loro possibilità per uso in diversi pazienti nelle impostazioni cliniche rimane sconosciuta.

Un nuovo studio del UCLA è il primo per identificare le caratteristiche del tumore e del paziente che predicono la riuscita creazione dei modelli e che i tipi di sarcomi sono più probabili da svilupparsi come xenotrapianti. La ricerca, che è il primo e più grande studio di PDOX in sarcoma, dà amedico-scienziati una carta stradale tanto necessaria per la personalizzazione delle terapie per la malattia senza collocare i pazienti a rischio delle complicazioni in relazione con il trattamento o la terapia inefficace.

La ricerca sarà pubblicata il 2 agosto 2017 online in Oncologia di Precisione di JCO.

SFONDO

Ci sono fino a 50 tipi di sarcomi del tessuto molle, rendenti ogni tipo raro. Di Conseguenza, è provocatorio affinchè gli scienziati progetti i test clinici per identificare gli efficaci trattamenti sistemici, quali la chemioterapia o la terapia mirata a.

La ricerca Recente ha indicato che gli xenotrapianti orthotopic paziente-derivati riproducono fedelmente esattamente il comportamento biologico del tumore umano, compreso la risposta del trattamento e la resistenza quelle specchi che del paziente determinato. Promesso globale PDOX, il gruppo del UCLA ha precisato per valutare la possibilità di generazione dei modelli diversi del paziente PDOX in un'impostazione clinica e per determinare i fattori potenziali che facilitano o impediscono il riuscito sviluppo degli xenotrapianti la gente con i sarcomi.

METODO

Nello studio di un anno, il gruppo del UCLA ha raccolto i campioni del tumore da 107 persone con i sarcomi del tessuto molle. I frammenti del Tumore poi sono stati impiantati chirurgicamente nei mouse nella sede anatomica che corrisponde alla posizione originale del tumore nel paziente. I ricercatori hanno valutato l'abilità dei modelli con successo “stabiliscono,„ significando quello dopo l'impianto dei frammenti umani del tumore nel modello del mouse, un nuovo tumore si sono sviluppati. I frammenti del tumore potrebbero anche successivamente essere trasferiti e sviluppato in mouse supplementari per ulteriore prova, Eilber ha detto.

Eilber ed i colleghi hanno scoperto che soltanto l'aggressivo, o di prima scelta, tumori stabiliti ma non meno l'aggressivo, o di qualità inferiore, sarcomi. Dei tumori di prima scelta che hanno stabilito, le più alte tariffe (62 per cento) provenivano dalla gente di cui i tumori precedentemente non erano stati trattati con la chemioterapia o la radiazione. I Tumori dalla gente che aveva subito la radioterapia preoperatoria per il loro sarcoma non hanno veduto riuscita istituzione dei modelli di PDOX e l'istituzione erano egualmente più bassi quando i pazienti avevano ricevuto la chemioterapia preoperatoria (32 per cento) rispetto a coloro che ha avuto tumori non trattati.

Le tariffe dell'istituzione di PDOX erano alte quanto 86 per cento in alcuni sottotipi dei sarcomi aggressivi non trattati e nel tempo mediano all'istituzione erano dei 53 giorni.

IMPATTO

Più Di 12.390 casse del sarcoma del tessuto molle saranno diagnosticate negli Stati Uniti questo anno e quasi 5.000 Americani si pensano che muoiano dalla malattia. L'uso dei trattamenti tradizionali quale la chemioterapia nelle casse del sarcoma del tessuto molle continua a provocare i tassi di risposta bassi ed i risultati difficili di sopravvivenza e c'è un'esigenza insoddisfatta urgente delle strategie più personali per la malattia.

Lo studio dimostra che gli xenotrapianti orthotopic paziente-derivati sono fattibili per uso nell'impostazione clinica e possono fornire agli oncologi una carta stradale per identificare esattamente che i pazienti e non trarranno giovamento da una terapia specifica. Questa ricerca ha il potenziale di cambiare il modo che la gente con il sarcoma ed altri cancri sono trattati.

I ricercatori del UCLA stanno intraprendendo gli studi supplementari per imparare se i diversi modelli del paziente PDOX possono essere sviluppati per le biopsie del ago di stampa come pure determinare il potenziale di PDOX modella per guidare la terapia ed i risultati pazienti.

Sorgente: http://www.ucla.edu/