Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Indicatore luminoso polarizzato di nuovi usi non invadenti di approccio per aiutare i chirurghi ad identificare i nervi cruciali

Durante le operazioni, può essere difficile affinchè i chirurghi eviti dividere i nervi cruciali perché assomigliano così tanto all'altro tessuto. Un nuovo approccio non invadente che usa l'indicatore luminoso polarizzato per fare i nervi stare fuori dall'altro tessuto potrebbe aiutare i chirurghi ad evitare casualmente danneggiare i nervi o a assisterli nell'identificazione dei nervi necessitante la riparazione.

Sebbene le lesioni del nervo siano una complicazione conosciuta per molti tipi di chirurgie, gli ambulatori che comprendono la mano e la manopola vengono con un elevato rischio a causa delle reti dense dei nervi in questa area. Ci sono alcune tecniche disponibili aiutare medici ad identificare i nervi, ma presentano le varie limitazioni come non fornire informazioni in tempo reale, la richiesta del contatto fisico con il nervo o richiesta dell'aggiunta di una tintura fluorescente.

“Abbiamo indicato che i nervi possono essere distinti in tessuto umano individuando l'interazione di indicatore luminoso con la struttura dei nervi senza l'esigenza degli indicatori fluorescenti o l'interazione fisica,„ abbiamo detto Kenneth Chin, uno studente di medicina al centro medico accademico (AMC), università di Amsterdam, Paesi Bassi. “Facendo uso di un metodo in tempo reale intraoperative e non invadente minimizza il danno potenziale del nervo, che può provocare meno conseguenze negative quali la funzione diminuita, la perdita di sensazione o il dolore cronico.„

Cugini, Kenneth e Patrick Chin, indipendente sviluppato l'idea usare una tecnica ottica conosciuta come rappresentazione collimata dell'indicatore luminoso polarizzato (CPLi) per identificare i nervi durante la chirurgia. Più successivamente hanno unito un gruppo di ricerca piombo da Thomas van Gulik, un chirurgo al centro medico accademico e portato avanti un prototipo di funzionamento che più ulteriormente è stato sviluppato in un sistema pratico che può essere spiegato nella sala operatoria.

Nell'ottica biomedica (OSA) del giornale ottico della società esprima, i ricercatori riferiscono che un chirurgo che usando la tecnologia di CPLi poteva identificare correttamente i nervi in una mano umana 100 per cento del momento, confrontati ad una tariffa di accuratezza di 77 per cento per il chirurgo che ha identificato i nervi facendo uso soltanto di un'ispezione visiva.

Distinzione del tessuto nervoso

CPLi usa un fascio luminoso polarizzato per illuminare il tessuto. Quando questo indicatore luminoso attraversa un nervo, la struttura interna unica del tessuto riflette l'indicatore luminoso in un modo che dipende da come le fibre nervose sono orientate hanno confrontato all'orientamento della polarizzazione dell'indicatore luminoso. Girando la polarizzazione dell'indicatore luminoso, il riflesso sembra passare in funzione e a riposo, facendo il tessuto nervoso sta fuori dall'altro tessuto. Per questa applicazione, era importante usare l'indicatore luminoso che è stato collimato, significante che tutte le onde leggere erano parallele, massimizzare la quantità di indicatore luminoso riflessa dal tessuto.

“Abbiamo adattato l'ottica usata per CPLi in modo che potessero essere incorporate in un microscopio chirurgico, che può essere collocato sopra l'area chirurgica,„ abbiamo detto Kenneth Chin. “Il sistema risultante può essere utilizzato in una vasta gamma di campi chirurgici in cui i nervi superficiali devono essere identificati.„

Dopo avere verificato la loro tecnica sul tessuto animale, i ricercatori lo hanno usato per esaminare 13 siti del tessuto dalla mano di un cadavere umano. Un chirurgo ha cercato il tessuto nervoso a questi siti dall'occhio nell'ambito dell'illuminazione chirurgica tipica mentre un chirurgo differente ha usato CPLi per una valutazione indipendente. La valutazione istologica poi è stata usata per verificare la presenza di tessuto nervoso ad ogni sito. Il chirurgo che usando l'ispezione visiva ha identificato correttamente il tessuto nervoso in 10 dei 13 casi mentre il chirurgo che usando CPLi ha identificato correttamente il tessuto nervoso in tutti i casi.

Con consenso paziente, i ricercatori CPLi anche usato per identificare con successo tessuto nervoso durante la procedura per alleviare dolore nella manopola. Pianificazione effettuare le prove supplementari della tecnica durante l'ambulatorio in tensione per capire meglio come il riflesso ottico dei nervi potrebbe variare fra i pazienti e nelle varie condizioni cliniche.

“Questa tecnica potrebbe migliorare l'efficacia degli interventi chirurgici aiutando il chirurgo identifica i nervi nel campo operativo,„ ha detto van Gulik. “Questo piombo ai chirurghi che sono più sicuri nella loro procedura chirurgica, che piombo alla lesione meno accidentale ed agli interventi chirurgici mirati a.„