Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo carico globale dello studio di malattia stima il vasto impatto di asma e di COPD

Gli ultimi preventivi globali illustrano il vasto impatto delle due malattie respiratorie croniche più comuni, con 3,2 milione morti dalla malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD) e 0,4 milione morti causate da asma nel 2015, secondo un nuovo carico globale dello studio di malattia pubblicato in giornale respiratorio della medicina di The Lancet.

COPD è un gruppo di polmone condiziona (enfisema compreso e bronchite cronica) le difficoltà respiranti di quella causa. La circostanza in gran parte è causata dal fumo e dall'inquinamento atmosferico.

Lo studio trova due volte che l'asma è la malattia respiratoria cronica più comune universalmente, con il numero dei casi di COPD nel 2015, ma che le morti da COPD erano otto volte più comuni delle morti da asma. Molte casse di asma e di COPD possono essere trattate o impedite con gli interventi accessibili, ma la gente spesso è lasciata undiagnosed, mal diagnosticato o undertreated.

Lo studio stima il numero dei casi e delle morti causati dalle due malattie fra 1990 e 2015. Mentre globale la prevalenza ed i tassi di mortalità hanno diminuito dal 1990, crescita demografica e la media di popolazione di invecchiamento che i numeri hanno aumentato. Il numero delle morti da COPD è aumentato di 11,6% fra 1990 e 2015 (2,8 - 3,2 milione morti) ed il numero dei casi è aumentato di 44,2% (121 - 174,5 milione casi). Comparativamente, le morti da asma hanno diminuito da 26,2% (0,55 - 0,4 milione morti) ma da prevalenza aumentata di 12,6% (318,2 - 358,2 milioni) durante lo stesso periodo di tempo.

“COPD e l'asma contribuiscono sostanzialmente al carico della malattia non comunicativa. Sebbene gran parte del carico sia evitabile o trattabile con gli interventi accessibili, queste malattie hanno ricevuto la meno attenzione che altre malattie non comunicative prominenti come la malattia cardiovascolare, il cancro, o il diabete,„ dice il professor Theo Vos, istituto dell'autore principale della metrica di salubrità e della valutazione, l'università di Washington, U.S.A. “Le informazioni aggiornate su COPD e su asma sono chiave alla presa di decisione politica migliorare l'accesso a e la qualità degli interventi attuali.„

Come conseguenza di più grande numero dei casi, c'era più gente che vive con l'inabilità - con i paesi con il più alto carico dell'inabilità da COPD e dell'asma che risiede tipicamente nelle regioni in via di sviluppo.

Il carico di malattia dovuto COPD nel 2015 era più alto in Papuasia Nuova Guinea, in India, nel Lesotho e nel Nepal ed il carico per asma era più alto Afghanistan, in Repubblica centroafricana, Figi, nel Kiribati, nel Lesotho, in Papuasia Nuova Guinea e nello Swaziland.

Il carico di malattia di COPD più basso è stato veduto in alcuni paesi in Asia Pacific con reddito elevato, l'Europa centrale, Africa del Nord e Medio Oriente, i Caraibi, Europa occidentale ed America Latina andina ed il carico di malattia di asma più basso è stato veduto in paesi orientale ed in Europa centrale, più la Cina, l'Italia ed il Giappone.

I fattori di rischio principali per COPD stavano fumando e l'inquinamento atmosferico, ha seguito da inquinamento atmosferico della famiglia, dal rischio professionale (quali l'amianto, i vapori diesel, l'arsenico ed il benzene), dall'ozono e dal fumo di seconda mano, piombo gli autori richiedere gli interventi di salute pubblica per diminuire l'inquinamento atmosferico e più ulteriormente per diminuire le tariffe di fumo globali.

Per contro, le cause di asma sono meno chiare, ma includono il fumo e asma-causare degli allergeni sperimentati nel posto di lavoro.

Gli autori evidenziano la necessità per più ricerca sulle cause di COPD e di asma di creare le migliori misure preventive e di diminuire il carico delle malattie ed anche di contribuire meglio a definire e diagnosticare le malattie.

“Le definizioni varie di asma e di COPD intorno al mondo significano che molta gente non è diagnosticata o in modo errato è diagnosticata. Per questo motivo, abbiamo bisogno della comprensione molto più chiara di come le malattie si sviluppano per aiutarci ad identificare più conclusivamente i casi. I vantaggi di una definizione globale più semplice di queste malattie significherebbero che più gente è stata diagnosticata e potrebbe accedere ai trattamenti economici ed efficaci che possono impedire queste morti evitabili.„ spiega il professor Vos.

Come conseguenza delle definizioni varie di COPD e di asma e di qualità variante di dati intorno al mondo, c'è una certa incertezza all'interno dei preventivi dello studio.

Scrivendo in un commento collegato, il professor Onno van Schayck, l'università di Maastricht, Paesi Bassi, dice:

Per diminuire la prevalenza di COPD e di asma, gli interventi dovrebbero mettere a fuoco sui fattori modificabili. Nel caso di COPD, gli interventi puntati su fumando la cessazione e diminuendo l'inquinamento atmosferico della famiglia sono il più evidente. Ci sono stati numerose iniziative da diminuire fumare universalmente, con conseguente prevalenza in diminuzione fra 1990 e 2015. Il Now è il momento di affrontare l'inquinamento atmosferico della famiglia ed ambientale, che causano insieme più DALYs che fumando da solo. L'uso del combustibile della biomassa è una di più grandi cause di inquinamento atmosferico. Al giorno d'oggi, più della metà della popolazione del mondo usa il combustibile della biomassa come sorgente di cottura primaria, con conseguente alto carico della morbosità e della mortalità. Per ridurre l'inquinamento atmosferico della famiglia, un'opzione ai combustibili più puliti sarebbe desiderabile. Tuttavia, questo cambiamento non è sempre possibile dovuto i vincoli finanziari o logistici, particolarmente in bassifondi urbani. È stimato che 1·8 miliardo genti ancora saranno fiduciose nella biomassa solida per la cottura nel 2040. Di conseguenza, gli interventi dovrebbero anche mirare a comprendere lo sviluppo delle stufe di cottura della biomassa del basso fumo. Lo studio di GBD riferisce il carico globale di COPD e di asma e sottolinea la necessità di buona presa di decisione politica.