Il Centro di Febbre di Valle di UA Per Eccellenza ha assegnato la concessione di NIH per accelerare lo sviluppo del vaccino

Il Centro di Febbre di Valle per Eccellenza (VFCE) all'Istituto Universitario di Università dell'Arizona di Medicina - Tucson ha ricevuto un quadriennale, la concessione $4,8 milioni affinchè la ricerca acceleri lo sviluppo di un vaccino per combattere la febbre di Valle, la malattia respiratoria a volte micidiale causata dalle spore di Coccidioides trovate in terreni del Sud-ovest degli Stati Uniti.

Il finanziamento viene dall'Istituto Nazionale dell'Allergia e Malattie Infettive (NIAID), un'unità degli Istituti della Sanità Nazionali (NIH) ed obiettivi a permettere allo sviluppo di un in tensione, eppure della cassaforte, vaccino di impedire questa malattia fungosa (anche conosciuta come coccidiomicosi, o i cocchi).

“Siamo molto emozionanti ricevere questo premio,„ ha detto John N. Galgiani, MD, ricercatore principale sul progetto, il professor di UA di medicina e fondare del centro e Direttore corrente. “Questo riflette la validità scientifica delle nostre pianificazioni ed i fondi notevolmente accelereranno lo sviluppo del vaccino.„

Il candidato vaccino è conosciuto come delta-CPS1 ed è stato inventato al UA. Lo scopo della ricerca è di analizzare e possibilmente concedere una licenza a questo vaccino in cani per proteggerli da febbre di Valle di contratto. Anivive Lifesciences Inc., ad una società di biotecnologia Basata a California, ha conceduto una licenza al vaccino dal UA attraverso il Lancio Arizona di Tecnologia e fornirà l'investimento e la competenza supplementari completamente per sviluppare questo vaccino del cane. Il Lancio di Tecnologia è il braccio della commercializzazione del UA, aiutando trasforma le innovazioni di UA e le scoperte nella proprietà intellettuale, nelle invenzioni e nella tecnologia con gli accordi di licenza con l'industria privata. L'Istituto di UA BIO5 egualmente ha assistito in questo progetto di traduzione.

Gli Scienziati alla Colorado State University egualmente stanno collaborando su questo progetto attraverso l'Istituto Universitario di CSU di Medicina Veterinaria E di Scienze Biomediche ed il laboratorio di Richard A. Bowen, DVM, PhD. Se risultato sicuro ed efficace in cani, il punto seguente probabilmente sarebbero valutazione ed approvazione possibile di un vaccino di impedire la febbre di Valle in esseri umani.

“L'assegnazione di questa concessione al gruppo del Dott. Galgiani servirà ad aiutarci ad avanzare l'introduzione di un vaccino per sia l'uomo che animali per impedire questa malattia vero devastante,„ ha detto David Bruyette, DVM, DACVIM, capo ispettore sanitario a Anivive Lifesciences.

Questo premio recente viene alle calcagna di una concessione che di $2,7 milioni NIH/NIAID il VFCE egualmente ha ricevuto affinchè il lavoro di collaborazione capisca la genetica umana dietro predisposizione ai moduli peggiori di febbre di Valle (di supporto da NIAID nell'ambito del Premio No U01AI122275). Quella ricerca rivolge la domanda di perché qualche gente ottiene così malata da questo fungo mentre altri sistemi immunitari possono gestirlo, con conseguente soltanto malattia delicata, se c'è ne affatto. Questi sforzi hanno potuto piombo alle soluzioni della medicina di precisione specifiche ad una persona al rischio ed ai nuovi approcci possibili per il trattamento tramite i modificatori di risposta immunologica.

Con più di 90 per cento dell'infezione umana degli Stati Uniti riveste l'avvenimento in Arizona e la California, febbre di Valle è il problema sanitario di salute pubblica fungoso più significativo nel Sud-ovest. Ogni anno, la febbre di Valle è responsabile di 50.000 malattie e di più di 150 morti, con un costo dei miliardo dollari mezzi nella sanità e nella produttività persa, secondo il Centri Per Il Controllo E La Prevenzione Delle Malattie degli Stati Uniti. Le terapie Correnti per le istanze più severe di questa malattia non sono curative e possono avere bisogno di di essere continuato per vita.

Sorgente: http://opa.uahs.arizona.edu/newsroom/news/2017/national-institutes-health-awards-48-million-ua-valley-fever-center-excellence

Advertisement