Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vantaggio clinico del colesterolo di LDL che abbassa le terapie ha potuto dipendere da riduzione delle particelle del apoB

Il vantaggio di abbassamento del colesterolo della lipoproteina (LDL) a bassa densità dipende come è abbassato, secondo i risultati dirottura da una prova genetica naturalmente ripartita con scelta casuale dal presentata da oggi in un hot line - sessione di LBCT al congresso di ESC e pubblicata in JAMA.

“Il nostro studio suggerisce che l'effetto causale di LDL sul rischio di malattia cardiovascolare (CVD) sia determinato dalla concentrazione di circolazione di particelle di LDL, misurata da apolipoprotein-B (apoB), piuttosto che dal colesterolo totale portato da quelle particelle, come misurato dal colesterolo di LDL,„ ha detto prof. Brian A Ference, il professore di Benjamin Meaker, università di Bristol, Regno Unito e Direttore del centro di ricerca genomica cardiovascolare, la scuola di medicina di Wayne State University, Detroit, Stati Uniti del principale inquirente dello studio.

“Di conseguenza, il vantaggio clinico del colesterolo di LDL che abbassa le terapie può dipendere dalla riduzione di corrispondenza delle particelle del apoB, che a loro volta dipendono da come il colesterolo di LDL è abbassato,„ lui è continuato.

Nella prova di ACCELERAZIONE, il trattamento con il evacetrapib dell'inibitore della proteina di trasferimento (CETP) dell'estere del colesterile ha ridotto il colesterolo di LDL di 39% (0,75 mmol/L) ma non hanno diminuito il rischio di eventi cardiovascolari importanti. I risultati piombo qualche gente mettere in discussione l'effetto causale del colesterolo di LDL sul rischio di sviluppare il CVD ed hanno suggerito che il vantaggio clinico di abbassamento del colesterolo di LDL potesse dipendere da come è abbassato.

Lo studio corrente ha cercato di determinare se abbassando il colesterolo di LDL inibendo CETP ha avuto lo stesso effetto sul rischio di CVD come altro colesterolo di LDL che abbassa le terapie e quindi di determinare se il vantaggio clinico di abbassamento del colesterolo di LDL dipende da come il colesterolo di LDL è abbassato.

Lo studio ha incluso complessivamente 358 205 partecipanti da 77 studi. I ricercatori usati hanno ereditato le varianti genetiche che imitano l'effetto degli inibitori e degli statins di CETP, rispettivamente, per ripartire le probabilità naturalmente sui partecipanti in quattro gruppi: Inibizione di CETP (che imitano l'effetto di un inibitore di CETP), inibizione di riduzione HMG-CoA (che imita l'effetto di uno statin), sia (imitando l'effetto della terapia combinata dell'inibitore che dello statin di CETP) o nessune (gruppo del placebo) facendo uso di una progettazione mendeliana fattoriale di studio di casualizzazione 2x2.

Il risultato primario era eventi cardiovascolari importanti (definiti come il primo avvenimento della morte della coronaropatia, dell'infarto miocardico non fatale, del maggiore coronario o del colpo non fatale). Studi i partecipanti ha avvertito complessivamente 76 061 evento cardiovascolare.

I ricercatori hanno trovato che le varianti genetiche che imitano l'effetto degli inibitori di CETP sono state associate con il colesterolo superiore della lipoproteina (HDL) ad alta densità, il colesterolo più basso di LDL, il apoB più basso e una corrispondenza più a basso rischio di CVD che era proporzionale alla riduzione in colesterolo di LDL. Infatti, le varianti genetiche che imitano l'effetto degli inibitori di CETP hanno avute un effetto molto simile sulla diminuzione del rischio di eventi cardiovascolari come varianti genetiche che imitano l'effetto degli statins, del ezetimibe e degli inibitori PCSK9 una volta misurate per riduzione dell'unità in colesterolo di LDL.

Tuttavia, le prove dell'inibitore di CETP hanno valutato il loro effetto su uno sfondo degli statins in modo dai ricercatori egualmente hanno esaminato l'effetto combinato delle varianti genetiche che imitano l'effetto degli inibitori e degli statins di CETP. L'esposizione combinata è stata associata con la stessa diminuzione in colesterolo di LDL ma il cambiamento nel apoB è stato attenuato significativamente. Il rischio di eventi cardiovascolari era proporzionale al cambiamento nel apoB ma meno di quanto preveduto per variazione unitaria in colesterolo di LDL. Ciò suggerisce che l'effetto causale di abbassamento del colesterolo di LDL sia determinato tramite riduzione del apoB, non colesterolo di LDL.

I risultati sono stati convalidati in uno studio genoma di ampiezza di associazione che ha trovato che altre varianti con gli effetti divergenti sul colesterolo e sul apoB di LDL egualmente sono state associate con un più a basso rischio di CVD che era proporzionale al cambiamento nel apoB ma meno di quanto sono state prevedute per variazione unitaria in colesterolo di LDL.

Prof. Ference ha detto: “Questi risultati possono contribuire a spiegare l'omissione degli inibitori di qualche CETP di diminuire il rischio di eventi cardiovascolari malgrado robusto l'abbassamento del colesterolo di LDL. Aggiungendo un inibitore di CETP ad uno statin riduce il colesterolo di LDL senza proporzione a apoB. Poiché il vantaggio clinico è determinato tramite la riduzione del apoB, piuttosto che il colesterolo di LDL, la terapia di combinazione con un inibitore di CETP e uno statin diminuisce il rischio di eventi cardiovascolari proporzionali alla riduzione attenuata del apoB. Ciò può essere significativamente più di meno di quanto preveduta per il cambiamento osservato in colesterolo di LDL secondo il grado di disaccordo fra le riduzioni in apoB e colesterolo di LDL.„