Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori decifrano come alcuni sforzi di listeria sopravvivono ai livelli elevati di igiene alimentare

I monocytogenes di listeria è un agente patogeno portato dagli alimenti che colonizza e si riproduce sui diversi prodotti alimentari compreso formaggio o carne. Senza igiene alimentare adeguata, rappresenta un rischio sanitario. Gli standard dell'igiene nelle catene di produzione alimentare, quindi, sono abbastanza alti. Ma la listeria è conosciuta affinchè la sua capacità sopravviva a in posti adatti ambientali in cui altri microrganismi non possono.

Il tasto alla sopravvivenza dei batteri è la sue adattabilità e persistenza nelle situazioni di sforzo. Determinati meccanismi genetici permettono che i monocytogenes del L. reagiscano a e blocchino gli effetti delle soluzioni e dei disinfettanti di pulizia. I ricercatori dall'istituto dell'igiene del latte potevano decifrare questa funzione per due dei geni dell'agente patogeno dell'alimento. Hanno indicato che questi geni formano un'unità funzionale che assicura la sopravvivenza dei batteri malgrado gli standard dell'igiene nell'industria di produzione alimentare.

Regioni ipervariabili della listeria di guida del genoma per sopravvivere allo sforzo

Ipervariabili, cioè facilmente variabile, le regioni del genoma contengono le inserzioni genetiche che aiutano la listeria a sopravvivere a. “Queste inserzioni comprendono un'unità delle sequenze del gene, l'isolotto 1 (SSI-1), “un'isola genomica„ di sopravvivenza di sforzo quella guide i microrganismi per sopravvivere a determinate situazioni di sforzo,„ spiega prima Eva Harter autore. “Secondo il ceppo batterico specifico, questa regione accomoda una di tre sequenze differenti del gene di cui la funzione, ad eccezione di SSI-1, finora non era stata conosciuta.„

I geni nell'isolotto 1 di sopravvivenza di sforzo confer i batteri un'alta tolleranza verso acido, bile, sale e sforzi gastrici e sono stati caratterizzati gli anni fa. Ciò non spiega come i batteri possono sopravvivere agli standard dell'igiene nell'industria di trasformazione dell'alimento, tuttavia, che comprende differente, vale a dire alcalino ed ossidativo, situazioni di sforzo per la listeria. I ricercatori, quindi, concentrati su due sequenze vicine del gene all'interno della stessa regione ipervariabile e potevano identificare questi come l'isolotto genomica che funge da salvavita per determinati sforzi dei monocytogenes di listeria in queste situazioni.

Nuovi fattori di sopravvivenza di sforzo caratterizzati per i monocytogenes portati dagli alimenti dell'agente patogeno L.

L'espressione dei due geni e delle proteine che codificano è aumentata durante lo sforzo alcalino ed ossidativo. Devono, quindi, avere una funzione differente che i geni che appartengono allo SSI-1. “Potevamo definire una funzione ai due geni. Il primo gene è un regolatore trascrizionale, che in determinate situazioni regolamenta la frequenza e l'attività della seconda proteina. Il secondo è una proteasi, un enzima che riparte altre proteine. I batteri di guida delle proteasi ripartono le proteine unfunctional che sono create durante le situazioni di sforzo,„ dice Harter.

“Se il regolatore non è attivo, quindi non c'è proteasi. Senza la proteasi, i monocytogenes di listeria ha un tempo più duro compensare lo sforzo ossidativo. I due geni, quindi, compongono un'unità funzionale, specificamente l'isolotto SSI-2 di sopravvivenza di sforzo,„ dice Direttore Kathrin Rychli di studio. Questo isolotto è trovato principalmente negli sforzi dei monocytogenes del L. che sono specializzati per gli ambienti di trattamento dell'alimento e dell'alimento.

Specifico al posto adatto dell'alimento

“Potevamo identificare un genoma specifico digitiamo dentro che la sequenza SSI-2 è sempre presente,„ spieghiamo Rychli. “Questo tipo di sequenza, ST121, è trovato quasi esclusivamente in alimento e nell'ambiente di trattamento dell'alimento ed appena mai in isolati clinici. Negli sforzi che fanno parte del gruppo ST121, SSI-2 è altamente cioè completamente identico conservato. “SSI-2 sembra così essere posto-specifico. La maggior parte dei sforzi di listeria trovati in isolati clinici non hanno SSI-2.„ Con la scoperta di nuova isola di sopravvivenza di sforzo, i ricercatori, con il finanziamento di progetto fornito dal fondo austriaco di scienza (FWF), potevano descrivere una strategia importante di sopravvivenza della listeria portata dagli alimenti. “Conoscendo il meccanismo genetico, permette che pensiate alle nuove strategie per sicurezza alimentare,„ dice Rychli.